Messina, si può ripartire. Ma servono subito nuovi imprenditori



node comment

giovanninoLun, 17/07/2017 - 19:55 July 17, 2017

L'ARTICOLO DIMOSTRA I VERI VOLTI DI MESSINA. L'ARTICOLO SCRITTO CON GRANDE CAPACITA' E BRAAVURA PROFESSIONALE E MOLTA ONESTA' DEL GIORNALISTA, CI DIMOSTRA ANCHE L'INCAPACITA' DEL MESSINESE DI BUTTARE A "MAREROSSU" LA PAURA, POSSO DIRE PRIMIGENIO? CHE SI PORTA NEL SUO DNA LA PAURA DI AFFRONTARE L'IGNOTO E IL FUTURO. LA PAURA DI INTRAPRENDERE O DI AFFRONTARE UN'ATTIVITA' O DI CONTRIBUTO A QUALCHE ATTIVITA' COME SOCIO. MESSINA NON HA INDUSTRIE MEDIE/GRANDI SOLO FAMILIARI. IN QUESTI TEMPI SE PRIMA A MESSINA ESISTEVA SOLTANTO LA FRASE SE MI RICORDO BENE IL DIALETTO MA CU TU FARI STATTI FEMMATI NUN E' COSA TOI FAMMI 'U PIACIRE ARRUVAU U PAPURI DU PIACERI. MA SCUSATE MESSINA E' RICCA? FORSE IMPRENDITORI DELLE STIGGIOLE. OTTIMO IL GIORNALISTA BRAVO
saro genco2Lun, 17/07/2017 - 07:55 July 17, 2017

"...a Messina, trovare imprenditori disposti ...". ma perchè sig. Ipsale a Messina ci sono imprenditori? Guardi, io ritengo che Proto non ha alcuna capacità di gestire una Società di calcio e lo ha dimostrato. Però ha fatto bene ha far fallire il Messina a fronte di decreti ingiuntivi arrivati a pioggia su cui farebbe bene una Procura delle Repubblica seria ed interessata al territorio di competenza ad indagare per accertare se dietro la firma di facciata si celino nomi e "mandanti" ben precisi.
EpimeteoLun, 17/07/2017 - 07:36 July 17, 2017

In questo triste momento il pensiero felice può essere che anche in un giorno di pioggia Andrea e Giuliano incontrarono Licia per caso. CORAGGIO!