in centro
L'episodio è avvenuto in pieno centro, sotto lo sguardo di alcuni testimoni.
Lunedì, 20. Marzo 2017 - 20:40
Categoria: cronaca


Quattro giorni di prognosi. E' questo il referto per l'ausiliario del traffico che, stamani, è stato spintonato per aver elevato un verbale ad un messinese. L'episodio è avvenuto in pieno centro, sotto lo sguardo di alcuni testimoni. Secondo quanto raccontato, l'uomo non avrebbe accettato la multa dando luogo ad un acceso diverbio. Da lì sarebbe partito uno spintone che avrebbe provocato all'ausiliario lievissime escoriazioni. Sul posto sono anche intervenuti i carabinieri.

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Partendo dal presupposto fondamentale che alle mani non si deve mai e poi mai arrivare, è anche vero che alcuni ausiliari provocano molta rabbia. Ad esempio, li ho visti elevare contravvenzioni ad auto il cui tagliando era scaduto da cinque (ripeto, cinque) minuti, mentre a pochi metri altre auto in contravvenzione per motivi molto più gravi non venivano neanche considerate, forse perché di qualche proprietario di negozio "intoccabile" e raccomandato. E' anche vero che molti messinesi sono fatti di pura inciviltà. Sarebbe quindi auspicabile del buon senso sia da una parte che dall'altra (anche se nel secondo caso più che buon senso dovremmo parlare di buona educazione).

Non credo assolutamente che un vigile elevi una multa solo per il gusto di farlo, purtroppo a Messina ,ci sono soggetti che pensano che lasciare la macchina dove meglio capita sia un loro diritto . La città ormai è diventata terra di nessuno ,secondo me, se a questo genio che non ha alcun rispetto per le autorità, o che pensa che i vigili siano dei fessi ai quali ,a differenza delle altre forze dell'ordine , si possa agire con arroganza dessero 2 anni di galera per oltraggio e aumentare significativamente la multa da pagare , sarebbe un ottimo deterrente per chi pensa di emulare le sue gesta .

NON HA ACCETTATO LA MULTA? ALLORA CHE DOVREMMO DIRE NOI QUI A MILANO DOVE PRIMA CON PISAPIA O COME VIENE CHIAMATO ZIAPIPPA DEI CLANDESTINI E ZINGARI ED ORA DI SALA O SALA MORTURARIA DI MILANO, HANNO PRODOTTO PIU' DI 3 MILIONI DI MULTE. QUASI UN MILIONE SONO STATE CONTESTATE E IL COMUNE HA DOVUTO PAGARE SPESE LEGALI PER LE INEVITABILI IMPUGNAZIONI, LA ALTRE SONO STATE ANNULLATE IN AUTOTUTELA. VENIAMO AL FATTO NON ACCETTARE UNA MULTA PUO' ESSERE GIUSTO, MA HO NOTATO CHE NON CI SONO I VIGILI A PRESIDIARE LA ZONA. CERTO QUESTO MULTATO PAGHERA' LE CONSEGUENZE, MA PRIMA DOVEVA CONTESTARE LA MULTA E POI IMPUGNARLA. PER SPESE LEGALI, ANCHE SE HA RAGIONE NEI RIGUARDI DELLA MULTA, GLI COSTERA' MOLTO, MA MOLTO DI PIU'. CI VOGLIONO I VIGILI PIU' VIGILI

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007