le due facce
Ieri pomeriggio un lungo corteo per la città ha portato a Messina i nuovi 34 mezzi che serviranno per la raccolta differenziata e il porta a porta. Contemporaneamente però nelle stesse strade la spazzatura ha raggiunto livelli di emergenza per la chiusura della discarica di una settimana fa. Si guarda a un futuro virtuoso ma il presente è ancora pieno di criticità. Il 30 giugno si avvicina.
Mercoledì, 15. Giugno 2016 - 1:45
Scritto da: Francesca Stornante
Categoria: politica
GALLERY-Nuovi mezzi messinambiente davanti al comune

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Se ognuno di Voi che rema contro ( x natura e non per convinzione) separasse una bottiglia di plastica o di vetro al giorno e la conferisse correttamente ( e non importa dove) avremmo certamente meno cataste di rifiuti attorno ai cassonetti.. e non nascondetevi dietro "finisci tutta nto 'mpostu" oppure.. "si quannu s'avenunu a pighhiari danzi a potta" oppure " nto me palazzu na faci nuddu e jo chi sugnu fissa??" Fare la Differenza Vi dovrebbe rendere orgogliosi di comportarvi in maniera CIVILE e godere di una qualità della vita migliore..camminare in tre sul motorino sarebbe più facile se non ci fossero i cumuli ad ostruire la vista negli angoli..meno cassonetti = più stalli per i parcheggi..Esempi di "qualità" ne possiamo fare a chili.

Il progetto del porta a porta,con il relativo finanziamento regionale,risale a ben prima della Sindacatura Accorinti e pensare di farlo gestire a una società in condizioni economiche disastrose come Messinambiente vuol dire farlo partire col piede sbagliato.Alla prima emergenza vedremo i nuovi mezzi,destinati solo alla raccolta differenziata,utilizzati per raccogliere spazzatura.L'Amministrazione aveva la strada della Multiservizi che potendo investire e cambiando il sistema di raccolta avrebbe rivoluzionato il sistema rifiuti e ottimizzato quello idrico.Aver fatto trascorrere tre anni senza cambiare nulla e facendo accumulare sempre più debiti con un servizio disastroso è una colpa che non si può far ricadere sui predecessori.

Al "nostalgico" amico Beorn riporto le parole del capo di gabinetto vicario dell'assessorato regionale all'Ambiente Nicola Barbalace (non penso sia accorintiano) "L'azione dell'amministrazione è stata efficace, Messina è stato l'unico Comune a ottenere questa tipologia di finanziamento regionale..." Tra il dire ed il fare c'è di mezzo.........

Insomma la povera Messinambiente non ne azzecca una, io la vedo come un'amante sconsolata spesso tradita e qualche volta illusa.Se le chiudono la discarica è colpa sua, se non le danno i soldi per campare è colpa sua, se la politica le ha dato amministratori scellerati è colpa sua, se l'unico amministratore buono è andato via è colpa sua, insomma falla comu voi è sempre cucuzza.Anche in quei rari casi positivi ci sono sempre le ataviche colpe da ricordare, ma come cita un proverbio russo "chi guarda sempre al passato volge le spalle al futuro". Messinambiente è lo specchio delle nostre amministrazioni, della politica e dei cittadini e guardarsi allo specchio fa male...... P.S. l'operazione è a costo ZERO, un po di soddisfazione ogni tanto ?

Non è la prima volta che su Messinambiente mi trovo d'accordo con Lei. Sottoscrivono tutto. Avanzerei pure una proposta provocatoria. Ai fianchi dei mezzi alla scritta "Messina fa la differenziata" aggiungerei una bella didascalia che recita " con 20 anni di ritardo per colpa dei pitici che NOI abbiamo votato". Potrebbe essere catartico per noi tutti. Chiaramente con "noi tutti" intendo solo coloro i quali vogliono "guarire", perché la catarsi non fa miracoli e non può certo cancellare la malafede. Le auguro una buona giornata

Non penso che il nik Arcistufo sia casuale, ce ne fossero arcistufi......

Me li immagino nella riunione Accorinti, Ilacqua e soci, ho seri dubbi che riusciranno a concludere qualcosa...conoscendoli. Pagella Accorinti, Ilacqua e soci: voto -4 (...indifferenti).

Se questa programmazione fosse stata avviata un ventennio fa' ... non eravamo a questo punto..ma siccome interessi terzi hanno sempre dominato la scena... questo è il risultato...! ( sono educato) buongiorno

È corretto dire che la programmazione del ciclo della differenziata (in forte ritardo nel la realizzazione) fu pensata da Alessio Ciacci? Così come fu suo il merito del nostro ingresso nel circuito Comeico che ha portato altri tre mezzi a Messina. Visto che nessuno ne parla, lo faccio io.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007