ennesimo ripensamento
L'amministrazione Accorinti cambia le carte in tavola per l'ennesima volta e annulla le decisioni prese poco più di un mese e in generale in questi due anni di lavoro. Per il futuro dei rifiuti niente più Amam né Multiservizi che avrebbe assorbito anche acqua e trasporti. Con un nuovo decreto sindacale Accorinti firma per creare una società che si occuperà solo di spazzatura. Il futuro si valuterà strada facendo.
Martedì, 20. Settembre 2016 - 1:26
Categoria: politica


COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Vestirsi in maniera semplice essere disponibile in strada con i cittadini trovarlo al telefono e altre piccole cose, fa di lui una persona diversa magari piu'disponibile, ma non piu' onesta degli altri.Le mie osservazioni sarcasticamente fatte in piu' articoli sull'onesta del sindaco,sono destinati a morire al momento della restituzione dell'indennita'che do per scontato, perche' non crederci?Sindaco che reputo oro colato paragonandolo al consiglio e alla giuta che per disonesta'sono imbattibili.Per ONESTA'visto la situazione dovreste dirci scusa restituire cio' che in maniera ingiusta avete preso ed andarvene tutti in blocco oppure rinunciare agli stipendi e lavorare con tutto l'amore che dite di avere per Messina,ma a questo ci credo poco

"Domani"Se domani e' un altro sole il mio corpo riscaldera' e se domani e un'altro bacio dimmi che sapore avra'...E' il leitmotiv che con frequenza ci ripetono questi onesti amministratori,che da qualche tempo in maniera disonesta, si definiscono,per giustificare la loro incapacita', bella consolazione.Il sindaco ci fa capire come l'assessore Ialacqua disonestamente e'stato finora retribuito come gia' fatto con Signorino,che in maniera altrettanto disonesta continua a farlo riscuotere e a tenerlo a libro paga, per non parlare poi degli altri.Se gli e' rimasto un briciolo di quella che loro chiamano onesta',farebbero bene a fare quello che fara' il sindaco sempre che lo faccia,di restituire l'indennita',storicamente ne terro' conto.

Non so nemmeno come cominciare un commento su questa giunta comunale. Ridicoli? Arruffoni? "Tanto al chilo"? O la va o la spacca? Amici, fate voi! Sceglietene uno a caso tanto sono tutti adatti alla situazione. Ma, stiamo scherzando? Siamo su "scherzi a parte" vero? No forse ho capito: sto vivendo un incubo; ora passa il lattaio, io mi sveglio e tutto finisce. Una città all'avanguardia! Servizi perfettamente funzionanti, scuole a norme antisismiche, parcheggi in ordine, servizi sociali efficienti, strade pulite e raccolta differenziata della spazzatura, quartieri comunali in ordine e ben presidiati, trasporti pubblici puliti ed efficaci, ecc. ecc. ...parole, parole, parole... ...parole, parole, parole... ...parole, parole, parole...

W il circo Barnum ovvero la giunta Accorinti...

Bisognerebbe evidenziare quali sono i motivi e/o gli INTERESSI per cui il consiglio comunale ha osteggiato la Multiservizi; non sarà che molti consiglieri hanno le mani dentro aziende che effettuano servizi - dall'esterno e con affidamenti diretti (senza gara) - per queste partecipate oggi in fallimento?

Nessuno si chiede mai il perché di certe scelte politiche del consiglio comunale. Strano vista la natura dell'organo. Viene posto l'accento giacché inevitabile, quando si tratta di grossi scandali. Mai che si cercasse di comprendere bene il perché di certo ostracismo nei confronti di alcune decisioni della giunta. In compenso ad essa vengono riservate una miriade di attenzioni talvolta persino di ipotesi. Detto questo una giunta che non riesce a portare avanti uno straccio di programma dovrebbe passare la mano e non presentarsi assolutamente alle prossime elezioni, così come dovrebbero evitarlo tutti i componenti dell'attuale consiglio.

Anni persi....................... Che tristezza. ................

testa o croce no?

Ennesima dimostrazione di assoluta incapacità

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007