ferrovie
Non c'è un euro per il raddoppio della Patti - Castelbuono sulla linea Messina - Palermo mentre si attende il completamento del finanziamento della Giampilieri - Fiumefreddo sulla tratta Messina - Catania
Mercoledì, 9. Agosto 2017 - 12:07
Scritto da: Ma. Ip.
Categoria: politica


Sommando gli annunci si arriverebbe ad una cifra tale in grado di far diventare le ferrovie siciliane come quelle giapponesi. La realtà è chiaramente ben diversa. L'ultimo è del ministro Delrio sull'ok del Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, al contratto da 13 miliardi con Rfi, 5 dei quali dovrebbero essere destinati all'alta velocità siciliana.

Ma la Sicilia l'alta velocità, da 250 km/h in su, non la vedrà mai o almeno non nel breve periodo. Di quei 5 miliardi, 2 sono destinati al raddoppio della Giampilieri - Fiumefreddo sulla Messina - Catania, ma al momento sono disponibili solo 870 milioni. L'obiettivo è quello di andare in appalto e iniziare i lavori il prossimo anno, con consegna prevista tra il 2026 e il 2028. Neppure un euro, invece, per il raddoppio della Patti - Castelbuono sulla Messina - Palermo. Sono invece ricompresi i fondi per il raddoppio già attivo da un anno e mezzo della tratta Fiumetorto - Campofelice e di quella con lavori in corso da Campofelice a Cefalù e Castelbuono. Già finanziato e in gara, poi, per un importo di 220 milioni, il raddoppio della Catania - Catenanuova sulla linea Catania - Palermo.

Nulla di nuovo sotto il sole, insomma. Le ferrovie siciliane sono destinate a migliorare nei prossimi anni ma bisognerà attendere ancora parecchio prima del salto di qualità auspicato.

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007