festival horcynus orca
Nel 2017 la Fondazione di Comunità di Messina si trasformerà nella Fondazione delle comunità delle periferie del mondo. Ecco il progetto annunciato durante la sessione autunnale dell'Horcynus Festival 2016. Ospite Maysel Bello Cruz della Fábrica de Arte Cubano, centro multiculturale che sperimenta forme miste di finanziamento pubblico-privato.
Lunedì, 5. Dicembre 2016 - 2:01
Scritto da: Francesca Stornante
Categoria: società


Un filo diretto tra Messina e Cuba. Un’unione che ha affondato le sue radici nell’arte, nelle intuizioni estetiche che sempre anticipano desideri e sentimenti dei popoli, nelle esperienze di due mondi apparentemente lontani e diversi che si riscoprono simili di fronte ai fermenti culturali che alimentano lavoro e impegno di chi crede che proprio tutte le forme di arte possono aprire scenari nuovi di dialogo, progresso, emancipazione, libertà. Il Parco Horcynus Orca ha ospitato la prima serata della sessione autunnale dell’Horcynus Festival 2016 “Isole – Non isole”, dedicata a Cuba e all’evoluzione internazionale della Fondazione di Comunità di Messina. Attraverso il peculiare angolo d’osservazione fornito dalle arti performative, si è aperta un’approfondita riflessione sugli scenari che si aprono per l’isola dopo il voto delle Nazioni Unite a sostegno del superamento dell'embargo e la recentissima morte di Fidel Castro. Ospite dell’evento Maysel Bello Cruz, responsabile della comunicazione della Fábrica de Arte Cubano, spazio culturale multidisciplinare per arti visive, cinema, danza, musica, disegno industriale, grafica, architettura, letteratura e teatro. Un luogo di incontro tra le arti ma anche tra Cuba e i movimenti artistici mondiali, nato dalla riconversione di un vecchio stabilimento industriale, elemento centrale in un progetto che interpreta l’arte come strumento per la crescita e il cambiamento socio-culturale. Luogo che ha portato la cultura nella periferia de L’Havana, che avvicina bambini e giovani a progetti sperimentali, che dà la possibilità di creare, inventare, condividere.

«L’Horcynus Festival 2016 finora ha lavorato prevalentemente sul Mediterraneo – ha sottolineato i Massimo Barilla, dopo i saluti istituzionali affidati al presidente della Fondazione Horcynus Orca, Tommaso Marino – adesso si apre al mondo, coinvolgendo Cuba e la Fábrica de Arte Cubano, a cui ci accomuna una consonanza di filosofia e approcci che nasce dalla scelta di analizzare molteplici linguaggi artistici, di concentrarci sugli scambi tra arti e culture diverse. Il dialogo con Cuba sarà stabile, non sarà legato esclusivamente a questo momento storico di transizione per l’isola, di cui riteniamo fondamentale discutere».

Perché Cuba? Ce lo ha spiegato Gaetano Giunta, segretario generale della Fondazione di Comunità di Messina: «Ci sono due ragioni per cui Cuba è diventato il nostro riferimento. Una è oggettiva e storica e si riferisce inevitabilmente al momento particolare che sta attraversando quel Paese, per noi paradigma di molta parte del mondo che cerca nuove strade per sperimentare approcci alternativi che tengano in considerazione la finitezza delle risorse del nostro pianeta. La ragione soggettiva è invece insita nelle attività della Fondazione, che da sempre cerca di anticipare percorsi di evoluzione sociale».

Non a caso, infatti, la Fondazione di Comunità si prepara a cambiare pelle. La visione resterà la stessa, ma lo sguardo si amplierà per guardare alle periferie del mondo, allargando così i confini. «La Fondazione di Comunità di Messina si sta trasformando nella Fondazione delle comunità delle periferie del mondo. Periferie esistenziali e geografiche, dove risulta vitale sperimentare nuovi paradigmi integrati di sviluppo economico e umano che declinano il bisogno irrisolto di libertà, eguaglianza, giustizia e rispetto dell’ambiente di cui ha sete gran parte dell’umanità. Nel dettaglio, la Fondazione di Comunità di Messina si riorganizzerà come un cluster di fondi che nascono per gemmazione. L’importanza di scegliere territori con economie e società in transizione come Cuba, come alcune aree del nord del Brasile. è evidente. Ciascun fondo mirerà a promuovere sui territori di competenza o sugli ambiti esistenziali individuati, sviluppo umano favorendo la creazione di interconnessioni feconde fra sistema di welfare, sistema culturale, sistema produttivo, programmi di ricerca e di trasferimento tecnologico finalizzati al potenziamento di economie civili inclusive, azioni mirate all’attrazione di talenti creativi e scientifici. Contestualmente, la nuova fondazione delle periferie favorirà l’apertura dei sistemi locali, promuovendo scambi di conoscenze, di risorse umane ed economiche fra i differenti territori e ambiti, sostenendo così processi di internazionalizzazione che vadano nella direzione di considerare il pianeta la terra / patria di tutti».

Il pomeriggio si è aperto con la presentazione del nuovo archivio visivo di cinematografia e video arte cubana acquisito dalla Fondazione Horcynus Orca. Maysel Bello Cruz, che ha curato la selezione delle opere, ha spiegato l’unicità della Fábrica de Arte Cubano: «La F.A.C. è diventato il centro culturale più importante del paese. Tante personalità internazionali, primi ministri, first ladies, artisti sono venuti a visitarla. E’ un’isola dentro l’isola, epicentro e luogo d’incontro di artisti cubani, che si ritrovano in questo centro culturale del Ministero della Cultura, molto diverso da musei e gallerie, dove si respira arte in ogni forma. Ci autososteniamo con il costo dei biglietti d’ingresso ma caffè e bar interni sono gestiti da privati, secondo un modello economico misto innovativo per Cuba. Un’altra novità è che tutta l’amministrazione della fabbrica è in mano agli artisti, non affidata a burocrati. All’Horcynus Festival ho portato un archivio audiovisivo di opere di giovani artisti cubani, che entrerà a far parte della collezione della Fondazione Horcynus Orca».

A seguire, il dibattito e la proiezione de i cortometraggi El homicida dello stesso Bello Cruz e Patria Blanca di Leandro Javier de La Rosa. Una collaborazione che adesso porterà a Messina ben 45 titoli di film, documentari e video arte che arricchiscono l’archivio dell’Horcynus Orca.

Francesca Stornante

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007