la lettera
Il sindaco metropolitano scrive al Consorzio Autostrade Siciliane e all’Assessorato regionale alle Infrastrutture. Richiesti interventi a garanzia della sicurezza e della fluidità della circolazione
Mercoledì, 13. Settembre 2017 - 8:19
Categoria: politica


Lettera del sindaco metropolitano Renato Accorinti al presidente del Consorzio Autostrade Siciliane e all'assessore regionale alle Infrastrutture sulla “situazione delle autostrade siciliane A18 Messina-Catania e A20 Messina-Palermo, rappresentata da forti criticità e mancanza di sicurezza”, ulteriormente accentuata dalla impossibilità di comunicare per totale assenza, in molti tratti, della connessione con le reti di telecomunicazione mobile.

“E' amaro constatare - afferma Accorinti - che solamente in occasione del G7 di Taormina il Cas abbia provveduto alla manutenzione del tratto autostradale Catania-Taormina. lasciando insolute tutte le problematiche e i disagi degli altri tratti, nonostante il pagamento dei relativi pedaggi, come dimostra la frana di Letojanni che, da oltre due, interrompe la carreggiata Messina-Catania”.

Nel ribadire che la situazione attuale non può trovare alcuna tolleranza, facendosi anche interprete del disagio delle comunità locali, Accorinti invita il presidente del Consorzio a porre rimedio alla violazione delle norme poste a garanzia della sicurezza e della fluidità della circolazione.

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Come mai,Accorinti,si accorge solo ora dei disagi della A 18? Finora dove è stato? arrampicato sui pali? ma per favore, finiamola di prenderci in giro. Sono decenni che paghiamo una fortuna per attraversare un'autostrada che assomiglia a quelle che una volta chiamavano del terzo mondo.Per favore, Sindaco, occupati di Messina città, che siamo oltre il limite consentito della decenza.

Sig. Quelo, niente paura: saprà Accorinto mettere in risalto questa peculiarità, comunque, di Messina. D'altronde ha già predisposto un "tour" (per Accorinto "giro"...), per le strade di Messina dove farà scoprire al Dalai Lama le bellezze molto...naturali della città (??): abbiamo i marciapiedi che fanno invidia al mondo, pieni di erbacce, pannolini (usati...), buste e bottiglie di plastica (con graziosi topolini e tanti altri animaletti che vi...soggiornano). Per non parlare degli spartitraffico ormai dichiarati "siti UNESCO patrimoni dell'umanità". Tutto questo è considerato la più geniale cura...alternativa del verde pubblico, nonchè moderna discarica di immondizia, del mondo! "Trampi pissi no uari".

Ma non lo avete capito? Ora arriva il maestro Tibetano, che figura facciamo?

scusi,Sua Santità con rispettu parrannu.

Se n'è accorto dopo quattro anni di legislatura...della serie, meglio tardi che mai....

Non ci interessa......abbiamo i marciapiedi più......alternativi d'Europa pieni di rigogliose erbacce da dove sbucano topi, scarafaggi e Company, con il contorno di mutandine usate tazze di wc, buste e bottiglie di plastica e tanta altra...munnizza. Noi abbiamo il sindaco più onesto d'Italia, il sindaco dalla maglietta.....profumata, noi abbiamo Accorinto e guai chi c'è lo tocca (manche e cani signuri). "Trampi pissi no uari".

E SE NE' ACCORTO ORA? IL G7 è STATO A MAGGIO.fINORA HA DORMITO E DI COLPO SE NE ACCORGE CHE L'AUTOSTRADA è UNA TRAZZERA.MA SI UNA BARZELLETTA VIVENTE

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007