Lettera aperta
In una lettera aperta destinata alla deputazione il Movimento Liberi Insieme pone alcuni interrogativi sia sulla tempistica che sui diversi incarichi che infine sulla possibilità che il Commissario del Consiglio Metropolitano possa adottare provvedimenti che spettano alla giunta
Sabato, 12. Agosto 2017 - 7:30
Scritto da: R.Br
Categoria: politica


Stranisce e preoccupa la volontà del commissario Filippo Romano di avviare le procedure per la dichiarazione di dissesto economico e finanziario dell’Ente  provinciale di Messina”. A stupire l’ex consigliere provinciale ed attuale coordinatore del Movimento Liberi Insieme Roberto Cerreti, è la tempistica scelta dal commissario, ovvero poche ore dopo il ripristino, da parte dell’Ars dell’elezione diretta nelle ex Province e con 50 giorni d’anticipo rispetto al termine ultimo di approvazione del bilancio.

Cerreti si chiede anche se, dopo il voto dell’Ars, le figure commissariali siano decadute (peraltro Romano è in carica dal giugno 2013) e se, nel caso di Romano non vi siano perplessità per i diversi ruoli che ricopre, essendo stato nominato anche vice prefetto vicario di Siracusa.

E’ bene chiarire che Romano- scrive Cerreti in una lettera indirizzata alla deputazione messinese- attualmente commissario del Consiglio Provinciale per la funzione rivestita nella nostra Provincia, può esclusivamente limitarsi ad esprimere allo stato attuale un atto di indirizzo circa la propria volontà, ma assolutamente non può sostituirsi alla conferenza dei sindaci ed al rappresentante dell’esecutivo e della Giunta di Palazzo dei Leoni. Ancora più inquietante è che la volontà di dissesto arrivi il giorno dopo della reintroduzione del sistema democratico elettivo ed elettorale di primo livello, e che sia espresso con 50 giorni di anticipo rispetto al termine ultimo di approvazione del bilancio previsionale che è fissato per il 30 settembre 2017”.

Vi è da dire che da oltre un anno, da quando cioè Accorinti si è insediato quale sindaco metropolitano non ha fatto sentire il suo “peso politico” ed amministrativo, lasciando la maggior parte del carico su Romano che da commissario straordinario è diventato commissario del Consiglio Metropolitano. Accorinti si è limitato quindi più al ruolo d’immagine ed istituzionale che a quello di sostanza.

Il governatore Crocetta aveva inizialmente promosso un incontro l’8 agosto per affrontare le problematiche legate alle criticità economiche e finanziarie dei nove Enti provinciali, rinviandolo poi ai prossimi giorni per consentire le necessarie ricognizioni economiche e finanziarie.

Cerreti invita quindi i deputati regionali a richiedere all’Assessorato agli Enti locali una ricognizione circa il presunto disavanzo d’amministrazione per l’anno 2016 dei diversi Enti provinciali, “così da rintracciare e recuperare risorse che abbatterebbero l’attuale debito compressivo di circa 190 milioni di euro dell’ex nove Province Regionali, ricordando che giusto Messina, con i suoi attuali 18 milioni di euro, è tra le province meno indebitate. Ricordando che le elezioni provinciali non possono più essere procrastinate o bloccate, neanche dal dissesto  paventato, vi invito ad intervenire con urgenza e forza affinché si scongiuri quanto nelle volontà del commissario Romano, ponendo finalmente un freno alla triste e lunga epoca dei “commissari professionisti” nelle ex Province regionali siciliane.

Sull’eliminazione della riforma Crocetta interviene il Csa regioni autonomie locali che evidenzia come la norma approvata dall’Ars sia a forte rischio impugnativa da parte del Consiglio dei Ministri.

“C’è un aspetto che in molti non conoscono- si legge nel comunicato- e che rischia di tirare un brutto scherzo alle finanze siciliane. Una delle condizioni infatti che mantiene in vita il famigerato accordo con cui Crocetta aveva svenduto i ricorsi tributari dell’isola per pochi spiccioli è il completo recepimento della “Legge Delrio” con particolare riferimento ai costi della politica. Un’ ulteriore dimostrazione dell’ approssimazione di una classe politica che evidenzia ancora una volta la propria distanza dagli interessi della gente.”

R.Br.

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Effettivamente non si spiega perchè proprio adesso il commissario ,part-time decida di avviare le procedure per la dichiarazione di dissesto, che sia connessa con le elezioni regionali non ci piove ma il fine qual'è? evidentemente chi si è speso perchè questo commissariamento avesse una durata eccezionale chissà cosa ha in testa. Un peso sono sicuramente le somme richieste dallo stato ma sicuramente non solo quello, a prescindere che il dott. Romano ora con il doppio incarico può dedicarsi alla gestione dell'ente solo nei ritagli di tempo, la Segrtaria generale titolare è assente per motivi personali,certo a quei pochi dipendenti rimasti una notizia del genere è come una mazzata ma la poliica non si occupa degli uomini ma......

PREMETTO CHE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA NON ME NE FREGA UN BEL NIENTE, MA RIGUARDO LE CONSEGUENZE ECONOMICHE E DI BILANCIO PUBBLICO, CON LE RELATIVE CONSEGUENZE, NON SAREBBE PIU' ONESTO DIRE, ANALIZZARE E SPIEGARE DI CHI E' LA COLPA? SI PUO' BEN DIRE SENZA ESSERE CRITICATI O ALTRO CHE LA COLPA E' DI UN CERTO BISCHERO FIORENTINO? ALLORA DICIAMO LA VERITA'. PERCHE' LE PROVINCIE SICILIANE, POZZI SENZA FONDO PER DISTRUZIONE DI BILANCI PUBBLCI, SONO FONTI DI GUAI? NON POSSIAMO NEGARE CHE LA SITUAZIONE DI QUESTO DINOSAURO DI ENTE STA PORTANDO ANCHE A DISSIPARE FINANZE? PERCHE' NON SI PUO' ANALIZZARE IL COMPORTAMENTO DI QUESTO SIG. ROMANO? VEDETE SE HA FATTO TUTTO, IN PARTE BENE O MALISSIMO. PUR NELLE RISTRETTEZZE DI BILANCIO E AZIONE?

caro Cerreti....tu da ex consigliere provinciale....ti accorgi proprio oggi....ed alle soglie delle nuove elezioni regionali...del bailamme che c'è nei corridoi dell'ex Provincia Regionale di Messina....un commissario per quasi 5 anni potrebbe essere un record....riguardo alla figura di Accorinti....poverino, sic!! Non è per lui governare...pertanto l'ex Provincia è rimasta sotto l'egida Romano, pertanto perchè vieni fuori adesso con le tue lamentele? Avessi fatto la guerra prima probabilmente avresti ottenuto qualcosa..adesso penso che possa essere per "campagna elettorale"...e l'ex Provincia non avrebbe passato il periodo più brutto dalla sua istituzione...con l'impero Romano

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007