un macigno da 30 milioni
E' andato a vuoto il reclamo con cui Messinambiente e Comune si erano opposti alla prima decisione del giudice che aveva già rigettato il ricorso contro il maxi pignoramento. Durissimo intervento della consigliera Antonella Russo.
Venerdì, 25. Novembre 2016 - 1:50
Scritto da: Francesca Stornante
Categoria: politica


Una batosta dietro l’altra. E purtroppo quest’ultima potrebbe rivelarsi fatale. Per Messinambiente il macigno del maxi pignoramento da quasi 30 milioni di euro adesso più che mai è realtà. La seconda sezione civile del Tribunale di Messina ha rigettato il reclamo che Messinambiente aveva proposto per provare a ribaltare il giudizio che lo scorso 13 settembre il giudice Antonino Orifici aveva emesso sull’opposizione che la società di via Dogali aveva presentato per opporsi al pignoramento milionario di Riscossione Sicilia. Quella cartella esattoriale che più di un anno fa aveva fatto tremare anche Palazzo Zanca adesso rischia di affondare la società rifiuti, proprio quando ormai mancava poco per la creazione della nuova MessinaServizi Bene Comune che quantomeno avrebbe potuto mettere in sicurezza i servizi di igiene ambientale. Su Messinambiente pesane 29.795.039 euro più spese legali di crediti tributari e non che nascono da cartelle di pagamento non soddisfatte. Un debito enorme, che viene da lontano, ma che adesso mette in serio pericolo le casse, anche quelle comunali. Il reclamo proposto in aula lo scorso 26 ottobre da Messinambiente, questa volta sostenuta anche dal Comune, non ha convinto il giudice che ha sciolto la sua decisione. Evidentemente la carta del Piano di riequilibrio, dentro cui erano stati appostati 32 milioni di euro corrispondenti alle perdite che fino a quel momento risultavano accumulate, non è bastata. E così la partita si è chiusa con una clamorosa sconfitta. Adesso toccherà soprattutto agli amministratori di Palazzo Zanca decidere cosa fare e come muoversi. Di certo c’è che il pignoramento sui due conti di Messinambiente presso Banca Sviluppo e Unicredit è definitivamente esecutivo e nessun’altra opposizione all’esecuzione può più essere proposta.

Come se non bastasse però c’è anche di più: il Tribunale ha ordinato la trasmissione degli atti al Pubblico Ministero affinchè proponga istanza di fallimento di Messinambiente. Tutto ciò non solo a causa del debito tributario, ma di una generale situazione debitoria della società che dal bilancio 2014 risulta superiore ai 70 milioni di euro. Quindi adesso ci sono due fronti da gestire: quello del pignoramento e quello di un fallimento che potrebbe essere dichiarato prima che l’amministrazione Accorinti porti a termine il percorso verso la nuova società.

Una questione delicatissima studiata a fondo dalla capogruppo del Pd Antonella Russo che ha deciso di inviare al sindaco Renato Accorinti, all’assessore Daniele Ialacqua e al segretario/direttore generale Antonio Le Donne una durissima interrogazione urgente che mette in luce tutti i problemi che adesso meritano risposte immediate.  Una serie di domande che arrivano dopo innumerevoli interrogazioni sulla sostenibilità del piano di riequilibrio, sulla gestione delle partecipate, sul passaggio della gestione del servizio ad una società “in house providing”, domande che oggi più che mai non possono rimanere senza risposta.

Ecco i quesiti della consigliera Russo:

1.     Cosa comporterà adesso la sicura richiesta di fallimento da parte del Pm nei confronti di Messinambiente?

2.     Come si accinge l’amministrazione comunale a gestire questo indispensabile servizio pubblico, vista tale drammatica situazione economico finanziaria della ex partecipata?

3.     Che riflessi avrà l’istanza del Pm e la probabile dichiarazione di fallimento sul Piano di riequilibrio che attende ancora il responso del Ministero dell’Interno?

4.     Esistono ancora le condizioni per la stipula della transazione milionaria tra Ato3 e Messinambiente che pare pronta da almeno un anno e mezzo ma ad oggi inspiegabilmente ancora non sottoscritta tra le parti?

5.     Cosa succederà adesso con la costituzione della nuova società di gestione rifiuti che ancora non ha visto la luce?

6.     Se sarà dichiarato il fallimento di Messinambiente, come sembra probabile, è facile immaginarsi che il Giudice delegato disporrà l’esercizio provvisorio del servizio, dando incarico ai curatori di non far interrompere la raccolta rifiuti. In tal caso, se la gestione provvisoria del servizio continuerà con i mezzi e il personale di Messinambiente, come si potrà mai contemperare tale gestione con il passaggio di uomini e mezzi dalla ex partecipata ad una nuova società?

Per la consigliera Russo ad oggi una sola cosa è chiara: “La mancata visione strategica di questa amministrazione sulla gestione del servizio rifiuti in città, che fino ad ora non ha prodotto altro che la proroga ormai triennale della gestione rifiuti a Messinambiente, nonostante i gravissimi problemi di decozione e insolvenza, condurrà ad una impasse di difficilissima soluzione”. L’interrogazione della Russo si chiude con un’ultima domanda che a questo punto si palesa come un rischio quanto mai concreto: “Dobbiamo ipotizzare che sarà l’Autorità giudiziaria a provvedere alla gestione del servizio rifiuti in città?”.

All’amministrazione Accorinti adesso toccherà rispondere. Alla consigliera e all’intera città che potrebbe pagarne le conseguenze, sia in termini economici che sul fronte di un servizio già scarso e pieno di difficoltà.

Francesca Stornante 

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

30 MILIONI NON SONO "CERTO BRUSCOLINI", MA LA COLPA DI CHI E'? RESPONSABILITA' CONTABILE RESPONSABILITA' DI GESTIONE RESPONSABILITA' DI ASSUNZIONI, OLTRE LA RESPONSABILITA' DEL CONTROLLO DEGLI IMPIEGATI DURANTE LO SVOLGIMENTO DEL LORO LAVORO. MA ALLA FINE CHI PAGHERA'? UNA E SOLA CERTA RISPOSTA LA CITTA'. QUANDO RISIEDEVO A MESSINA APPENA ARRIVATA LA CARTELLA PAGAVO IMMEDIATAMENTE ENTRO DUE ORE, MA ALLORA FORSE ERA PIU' PULITA, COME MI DICONO ORA. COMUNQUE C'E' SEMPRE UNO SCONFITTO ED E' IL CITTADINO. MA LA DIGNITA' ANCORA C'E' PER LE STRADE DI QUESTA EX DIGNITOSA E RISPETTATA CITTA' PER CHIEDERE I DANNI PATRIMONIALI A TUTTI COLORO CHE SONO RESPONSABILI?

Antonella Russo (???). A parte il fatto che non si è capito nulla sui quesiti posti (bohhh...) e probabilmente non si è capita nemmeno lei, ma la semplice verità è che Messina, città di spazzatura, vivrà e questa volta chissà per quanto tempo l'ennesima drammatica e vergognosa emergenza rifiuti. Tutto dovuto a quellidiprima, di oggi ed, ahimè, a quellididomani. VERGOGNA.

Intanto, mandiamo a casa il personale. Tanto, con loro o senza di loro, la rumenta er le strade c'è e ci sarà sempre.

ANTONELLA RUSSO è esponente "autorevole" del PARTITO DEMOCRATICO, all'opposizione, OPPOSIZIONE si fa per dire, negli anni in cui si generò il debito di MessinAmbiente, quando si assumevano operatori ecologici senza far pagare il costo totale del servizio, caricandolo sui bilanci del Comune e MessinAmbiente, ma anzitutto sulle spalle dei messinesi puntuali con i pagamenti, infischiandosene di SCOVARE le utenze a cui dobbiamo una montagna di residui attivi, cioè di crediti vantati dal Comune relativi a TARSU e TARES, di cui non vedremo un CENTESIMO; andazzo conosciuto bene dalla consigliera e dal suo PD, DS o PDS o come diavolo si chiamava, a cui andava e va benissimo, politicamente, lisciare il pelo ai MALAPAGATURI, quelli che poi votano.

Un applauso ai dirigenti di MessinAmbiente, del Comune e ai vari assessori ai quali,negli anni, abbiamo sempre garantito ricchi stipendi, premi aziendali e laute pensioni, per aver creato questo disastro.

L'interrogativo sollevato al punto cinque dalla consigliera è molto interessante. Potrebbe essere visto come una opportunità per ripartire da zero con una rifondazione reale. Da zero. Ai sindacati chiederei , visto che solleveranno un vespaio, dove fossero, quando questa società produceva questa montagna debitoria senza fine. Ai consiglieri di lunga data ed ex sindaci no. Loro sanno bene da dove provenga.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007