Meteo Stretto
Brusco calo delle temperature per l'arrivo di una irruzione di aria molto fredda che ci farà piombare come in inverno nell'ultima decade di aprile
Giovedì, 20. Aprile 2017 - 0:04
Scritto da: Daniele Ingemi
Categoria: meteo


Come anticipato la scorsa settimana, proprio in concomitanza con l’ultima decade del mese di aprile, ecco che ci toccherà fare i conti con un vero e proprio colpo di coda dell’inverno, come non capitava proprio dal mese di gennaio. Tanto che fra poco sul Messinese lo “zero termico”, ora attestato sopra i 2000 metri di altezza, scenderà di colpo fino a raggiungere i 1200-1300 metri. Non capitava dallo scorso gennaio, visto che tra febbraio e marzo le ondate di freddo hanno latitato per quasi 60 giorni. Questa tardiva ondata di freddo, davvero notevole per l’ultima decade del mese di aprile, ma neanche poi così “eccezionale” per il periodo (si ricordano ondate di freddo in maggio con nevicate sui Nebrodi e Peloritani), deve farci riflettere sulla mutevolezza del tempo nel bel mezzo della stagione primaverile.

L’aria fredda, in discesa dalle pianure russo-ucraine, a partire dal pomeriggio di oggi, giovedì 20 aprile, comincerà a raggiungere il messinese e l’area dello Stretto attraverso una fredda ventilazione settentrionale che farà piombare i termometri su valori di gran lunga ben al di sotto delle rispettive medie di fine aprile.

Considerando le temperature piuttosto elevate registrate in questi ultimi giorni lo sbalzo termico potrebbe essere veramente ragguardevole, tanto da farci percepire temperature decisamente più basse rispetto al loro valore reale. Respireremo un clima decisamente più invernale anche se durante le ore diurne il soleggiamento di fine aprile, piuttosto intenso e prolungato, riuscirà a spingere le massime su valori prossimi ai +15°C +16°C. Inoltre, nonostante i fortissimi contrasti termici, l’aria secca ridurrà la fenomenologia durante il passaggio del fronte freddo, atteso nella serata di domani. Solo sulle coste tirreniche del messinese e sulla parte nord dello Stretto, fra la serata di domani e la successiva nottata, si assisterà ad un aumento della nuvolosità capace di dare luogo a qualche sporadica e isolata pioggia, ma di breve durata.

La giornata di venerdì 21 aprile risulterà la più fredda, con temperature massime che faticheranno durante le ore centrali del giorno a toccare i +15°C, mentre di notte la colonnina di mercurio sprofonderà sotto i +11°C a livello del mare. Per gran parte del giorno si alterneranno ampi spazi soleggiati al passaggio di annuvolamenti irregolari, più compatti a tratti lungo la costa tirrenica e sulla parte nord dello Stretto. I sostenuti venti di maestrale e tramontana, che soffieranno con raffiche capaci di toccare i 30-40 km/h, ci faranno percepire temperature di gran lunga inferiori rispetto a quelle reali, esaltando la sensazione di freddo percepito dal nostro organismo. I mari si renderanno tutti mossi, localmente molto mosso il Tirreno a largo delle Eolie.

Sabato 22 aprile, malgrado un lieve rialzo delle temperature massime e l’attenuazione della ventilazione settentrionale, il clima si presenterà ancora piuttosto frizzante, ma prevalentemente stabile e soleggiato, con temperature massime sui +16°C e minime sui +12°C. Difatti un po' di freddo continuerà ad avvertirsi soprattutto durante le ore notturne, grazie anche alla presenza dei cieli sereni o poco nuvolosi e al calo dei venti da Nord. 

Daniele Ingemi

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007