milazzo
Le indagini proseguono anche per capire se il truffatore aveva messo in atto il suo piano anche altre volte, mietendo altre vittime.
Giovedì, 20. Aprile 2017 - 10:13
Scritto da: Ve. Cro.
Categoria: tirreno


Al povero malcapitato aveva detto di essere un poliziotto e di avere amicizie “importanti” all’ospedale di Milazzo, tanto da potergli procurare un posto di lavoro. In cambio chiedeva solo 1400 euro. E’ scattato l'obbligo di firma, con l’accusa di truffa, per il sessantottenne messinese Santo Grasso. A chiudere velocemente le indagini sono stati gli agenti del Commissariato di Milazzo a cui la vittima si era rivolta per chiedere aiuto. L’uomo, infatti, aveva subito capito che qualcosa non andava nell’offerta di Grasso e così non aveva esitato a chiamare in causa le Forze dell’Ordine.
Poliziotti e vittima si sono quindi presentati all’appuntamento che Grasso aveva dato all’uomo per la consegna della cifra pattuita. Ovviamente non si aspettava che, insieme a lui, c’erano anche gli agenti pronti ad inchiodarlo. Le indagini proseguono anche per capire se il truffatore aveva messo in atto il suo piano altre volte, mietendo altre vittime. (Ve. Cro.)

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007