Missione impossibile?
Oggi alle 11.30 seduta straordinaria del consiglio comunale per trattare la costituzione della nuova società rifiuti prima della mozione di sfiducia. Un caso delicatissimo, un provvedimento che segna la futura gestione dei rifiuti. Ecco gli scenari che si delineano se non si dovesse arrivare a varare la MessinaServizi.
Lunedì, 13. Febbraio 2017 - 1:29
Scritto da: Francesca Stornante
Categoria: politica


COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Non comprendo perchè si sia certi del fallimento di Messinambiente Società di fatto pubblica ormai da anni, e con il Comune responsabile dei debiti della società credo che basterebbe riconoscere questi debiti inserendoli nel bilancio del Comune e passando poi alla dichiarazione di dissesto, trattando con il Governo ed i commissari per l'accensione dei mutui trentennali necessari al pagamento di questi come di tutti gli altri debiti del Comune.... La via maestra è sempre la migliore! Niente paura per i lavoratori non vedo rischi e non sono certo loro a dovere pagare, come invece i dirigenti e chi ha provocato questo caos! Ma tanto alla fine si combinerà un altro pasticcio perchè c'è questo terrore di dichiarare il dissesto mi chiedo?
Ritratto di unmessinesequalunque

La questione rifiuti rappresenta la vera spina nel fianco dell'amministrazione Accorinti. Pur essendo vero che é stato ereditato un disastro e si é fatto di tutto per far capire ai cittadini l importanza della differenziata, nonostante l avvio del porta a porta la città su questo tema continua a soffrire. capisco l amicizia che lega Accorinti a Ialacqua ma onestamente secondo me quest ultimo andava sostituito da tempo.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007