Pericolo sismico
A palazzo Zanca, i componenti della X commissione consiliare, su proposta del presidente Daniele Zuccarello , hanno deciso di tenere i riflettori puntati sulla vicenda sino a quando il Comune non darà risposte certe
Venerdì, 19. Maggio 2017 - 16:51
Scritto da: Danila La Torre
Categoria: politica


L’anno scolastico 2016/17 sta per volgere al termine ma alla scuola Leopardi di Minissale è già tempo di pensare a quello che verrà. Insegnanti e genitori sono infatti particolarmente preoccupati per ciò che potrà succedere alla riapertura della scuole, perché dal Comune non sono arrivate le risposte che attendevano e, ancora oggi, non si sa dove verranno sistemati i 440 alunni durante  lavori di adeguamento sismico di cui necessita il plesso e già in parte  iniziati.

A palazzo Zanca, i componenti della X commissione consiliare, su proposta del presidente Daniele Zuccarello , hanno deciso di tenere  i riflettori puntati sulla vicenda sino a quando non verrà trovata una soluzione, lasciando le problematiche della la scuola leopardi al  primo punto all’ordine del giorno.

«Basta con i continui rimpalli di responsabilità , il Comune deve dare risposte ad insegnanti e genitori », ha dichiarato Zuccarello al termine della seduta odierna, alla quale hanno partecipato all’assessore all’istruzione pubblica Federico Alagna, il dirigente al ramo Salvatore De Francesco ed una rappresentanza di genitori, senza tuttavia giungere a nulla di concreto.

Da qui la decisione di procedere ad oltranza sullo stesso argomento anche nelle prossime sedute. Nella seduta di venerdì prossimo, il presidente della X commissione consiliare intende mettere  attorno allo stesso tavolo il sindaco Accorinti, gli assessori Alagna, Pino e De Cola ed i dirigenti Aiello, De Francesco e Amato,  affinché l’amministrazione possa finalmente individuare il percorso da seguire  e tranquillizzare le famiglie dei 440 alunni.

 LA “SAGA” DELLA SCUOLA LEOPARDI

Il plesso scolastico  era stato dichiarato non sicuro per carenze strutturali dalla Direzione territoriale del Lavoro ed  il sindaco Accorinti si era trovato costretto a chiudere i battenti il 22 novembre dello scorso anno. Il  18 gennaio la scuola riaprì  sulla scorta dei pareri resi  dal gruppo di esperti, guidati dal professore dell’Università di Catania, Ivo Caliò, che avevano decretato che in una parte dell’edificio si poteva continuare a svolgere regolarmente l’attività scolastica. In virtù del via libera dell’Ispettorato del Lavoro, Accorinti firmò un’ordinanza che riapriva il plesso per 60 giorni, durante i quali sarebbe dovuto avvenire per il trasloco degli alunni  in altra sede. Tuttavia, nessuna alternativa è stata trovata  e  le lezioni sono andate avanti nonostante  i lavori , effettuati comunque in orari diversi da quelli scolastici.

I lavori di adeguamento sismico andranno avanti ancora per molto tempo, insegnanti e genitori chiedono a gran voce  al Comune di trovare una sistemazione adeguata per il prossimo anno scolastico.

Danila La Torre

 

 

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007