A raccolta
Si incontreranno giovedì in prefettura i 45 sindaci dei comuni dei Nebrodi, diretti interessati nella vicenda dei 50 migranti ospitati in un hotel di Sinagra. Vincenzo Lionetto Civa, sindaco di Castell'Umberto, centro abitato vicinissimo a Sinagra, si era opposto pubblicamente
Lunedì, 17. Luglio 2017 - 2:05
Scritto da: Claudio Panebianco
Categoria: cronaca
LE REAZIONI Il caso di Castell’Umberto, gli interventi degli esponenti politici

L'ennesimo day after per una storia con sempre più tasselli. Ha fatto scalpore la protesta di Vincenzo Lionetto Civa, sindaco di Castell'Umberto, centro cittadino della provincia messinese, il quale insieme ad altri residenti ha bloccato l'ingresso all'hotel "Il Canguro", stabile (sito nel territorio di Sinagra, nucleo urbano vicinissimo a Castell'Umberto) che la prefettura aveva individuato come luogo d'accoglienza per 50 migranti. Prima l'interesse mediatico accompagnato dallo spaccamento nell'opinione pubblica, poi i momenti di tensione, passando per le convocazioni ufficiali, e adesso è arrivato il momento del sit - in.

Lionetto Civa, infatti, insieme agli amministratori degli altri comuni dei Nebrodi, ha redatto ieri mattina, durante un'assemblea svoltasi nell'aula consiliare umbertina, un documento inviato direttamente al palazzo del governo, chiedendo lo spostamento degli ospiti stranieri in una sede diversa. La prefettura ha chiarito appunto che adesso non è possibile smistare in altri stabili i soggetti. I primi cittadini hanno quindi dichiarato l'avvio di un presidio permanente davanti l'entrata dell'hotel fino a quando i suoi 50 inquilini non andranno via.

"Vorrei poter rispondere personalmente a ciascuno dei commenti e dei messaggi ricevuti", dichiara pubblicamente Vincenzo Lionetto Civa su facebook, "Ringrazio tutti per il sostegno, per le proposte e i suggerimenti. Mi dissocio dai commenti violenti e xenofobi che non rispecchiano né lo spirito dell'iniziativa né il mio personale sentire. Invito a non diffondere notizie e informazioni false, lesive dell'immagine dell'Istituzione che rappresento e della comunità di Castell'Umberto".

I 45 sindaci dei Nebrodi sono stati convocati dal prefetto, Francesca Ferrandino, per cercare una soluzione tangibile. L'incontro avverrà nella tarda mattinata di giovedì.

Claudio Panebianco

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

SCIURA 'A CIAPPANE' EL RAT

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007