riconoscimento
Il premio è stato consegnato a Fava «perché ─ si legge nella motivazione ─ come Giorgio La Pira, e secondo lo spirito fucino, ha saputo spendersi per la società, contraddistinguendosi nel campo del giornalismo per impegno, dedizione e amore della verità. Per aver portato in alto il nome della sua città, Messina»
Venerdì, 19. Maggio 2017 - 11:23
Categoria: società


«Essere a Messina è di per sé motivo di grande gioia, tornare per la FUCI mi rende ancora di più gioioso». Con queste  parole è iniziata la Lectio Magistralis del giornalista Nuccio Fava, già direttore del TG1 e del TG3 e attuale presidente dell’Associazione “Giornalisti Europei”, tenutasi ieri pomeriggio nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Messina in occasione dei festeggiamenti per i 90 anni del circolo FUCI della città dello Stretto.

 Nello stesso pomeriggio, si è svolta anche la II edizione del premio “FUCI Messina - Giorgio La Pira”, che quest’anno è stato conferito proprio a Fava , il quale  in gioventù, durante gli studi alla facoltà di Giurisprudenza, partecipò attivamente anche alla FUCI messinese.

Il premio ricevuto è  un quadro raffigurante Giorgio La Pira, dipinto appositamente per l’occasione dal Maestro Dimitri Salonia, caposcuola del colorismo siciliano, che per il secondo anno consecutivo ha accettato l’invito a partecipare alla manifestazione. «Sono felice che il premio vada a Nuccio Fava, giornalista di grande spessore culturale e etico» ─ ha dichiarato Salonia ─ «In questo momento, la nostra società vive una crisi che non é solo di natura economica, ma di valori; questo  anche per quello che viene esaltato dai media allo scopo di uniformare le coscienze degli individui alle logiche del sistema. Così il relativismo si impone, fino a minare le fondamenta della libertà individuale, di coscienza e di religione. Fava nel sua attività politica e giornalistica in modo esemplare ha sempre messo invece al centro l’uomo e determinati principi etici, riuscendo a non farsi intimidire».

Il premio è stato consegnato a Fava «perché ─  si legge nella motivazione ─ come Giorgio La Pira, e secondo lo spirito fucino, ha saputo spendersi per la società, contraddistinguendosi nel campo del giornalismo per impegno, dedizione e amore della verità. Per aver portato in alto il nome della sua città, Messina».

Il premio intende infatti riconoscere ogni anno il valore e il merito di un nostro concittadino che si è contraddistinto per almeno uno dei 4 ambiti che la FUCI reputa da sempre rilevanti per la formazione dell’individuo e cioè: l’impegno nella Politica e nel sociale, lo studio teologico, la ricchezza spirituale, l’università. Nel titolo del premio, è rimarcato anche il nome di Giorgio La Pira, padre costituente, sindaco “santo” di Firenze e Servo di Dio per la Chiesa che, proprio nella città dello Stretto, visse gli anni forti della sua  formazione. Una fonte di ispirazione per chi crede nei valori della pace, della giustizia sociale e della solidarietà. Una figura testimone della buona politica e un “portatore sano” della rivoluzione del Vangelo. Sulla scia di La Pira, il premiato dovrà infatti aver fornito il proprio contributo nei campi della cultura, del dialogo interreligioso, della ricerca della pace, della solidarietà e della giustizia.

Durante la cerimonia si è esibito con grande successo il coro di voci bianche e giovanili “Note colorate”, diretto dal Maestro Giovanni Mundo e accompagnato al piano dal Maestro Piero Blanca.

Le iniziative hanno ottenuto il patrocinio gratuito dell’Arcidiocesi di Messina, Lipari, S. Lucia del Mela, dell’Università degli Studi di Messina, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Messina e della Fondazione “Giorgio La Pira” di Firenze e si sono avvalse della collaborazione di Azione Cattolica Messina, del Meic, Ucsi e degli  Uffici Diocesani per la Pastorale Universitaria e per le Comunicazioni Sociali.

 

 

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007