la traversata
Il giovane messinese nella vita insegna danza ma tra le sue passioni c'è anche il nuoto. Negli anni scorsi si era cimentato in due traversate dello Stretto, quest'anno invece ha puntato a un risultato più ambizioso e ce l'ha fatta.
Sabato, 15. Luglio 2017 - 10:29
Categoria: sport


Ha nuotato per 13 ore consecutive, vincendo la stanchezza e con la fatica con la voglia di farcela a tutti i costi. E così lo scorso 12 luglio è partito da Vulcano e ha raggiunto Milazzo solo con la forza delle sue gambe, delle braccia, del fiato che non lo ha mai abbandonato. Francesco Boncordo è riuscito a tagliare un nuovo traguardo di questa sua vita da nuotatore per grandi imprese: la traversata a nuoto dall’isola di Vulcano a Milazzo. 13 ore in acqua, assistito dal team che non lo hai lasciato solo e accompagnato dal pensiero che anche questa sarebbe finita tra le avventure da raccontare un giorno ai propri nipoti.

Francesco Boncordo è un giovane messinese di 33 anni. Nella vita non fa l’atleta di professione, la sua prima passione è la danza e ha trasformato l’amore per l’hip hop nel suo lavoro. Insegna infatti in diverse scuole della città, nelle sue giornate ci sono anche le lezioni con i piccoli dell’Istituto Antoniano, il suo nome “di battaglia” e soprannome è B Boy, proprio per l’hip hop e la breakdance. E’ molto legato alla sua famiglia, composta da mamma Rosanna, papà Lillo e dal fratello Cristiano, che lo seguono in ogni sua impresa. E infatti nella sua vita ci sono anche le sfide da affrontare e superare, ci sono le prove con cui confrontarsi, la voglia di superare ogni volta di più i propri limiti. Da qui la passione per il nuoto e per le traversate, è anche tesserato nella Waterpolo Messina nel gruppo master. Nel 2013 ha attraverso lo Stretto di Messina, solo andata, in 51 minuti. Poi nel 2014 si è cimentato in una nuotata andata e ritorno sempre nelle acque dello Stretto, riuscendo a chiudere l’impresa in due ore. Da allora non ha mai smesso di allenarsi, complice il lavoro di insegnante di danza, e in questi anni ha programmato una sfida che potesse essere ancora più avvincente. E’ riuscito a nuotare per 30 km, è partito alle 7.15 del mattino da Punta Bandiera a Vulcano ed è arrivato al Capo di Milazzo alle 20.15.

«La cosa che mi ha colpito di più è che ce l‘ho fatta nonostante mi sia allenato seriamente per questa impresa solo negli ultimi tre mesi. Quando sono arrivato a Milazzo ho provato un’emozione indescrivibile che credo non potrò mai dimenticare nella mia vita. E spero davvero di conservare il più a lungo possibile quelle sensazioni per raccontarle un giorno ai miei figli e ai miei nipoti» racconta Francesco che ora si godrà un meritato riposo, in attesa della prossima avventura.

Francesca Stornante

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007