Area picnic preda di incivili a Camaro - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Area picnic preda di incivili a Camaro

Segnalazione WhatsApp

Area picnic preda di incivili a Camaro

giovedì 13 Gennaio 2022 - 12:11

Sui Colli area picnic degradata, lo sfogo di un lettore: "Dovremmo avere cura di questa città, ma c'è chi pratica l'insostenibile pesantezze dell'inciviltà"

MESSINA – Duro sfogo di un nostro lettore che al numero delle segnalazioni Whatsapp 3668726275 ha inviato sia le immagini che il suo pensiero riguardo l’area attrezzata antistante i cancelli che portano alla pineta di Camaro. La zona è stata trovata presa d’assalto da incivili che dimostrano di non avere a cuore la città e le bellezze che offre.

Nelle immagini si possono vedere alcune panche e sgabelli divelti. Inoltre chi ha usufruito (male) dell’area attrezzata ha deciso di creare un punto fuoco a terra a pochi passi da uno dei tavoli. Chi ha segnalato invece fa sapere che erano già previsti dei punti fuoco nell’area attrezzata.

Avere cura della città

“Scrivo perché non posso fare altro – esordisce il nostro lettore – scrivo perché l’unico modo che trovo per fare qualcosa è questo. Abbiamo la grande fortuna di vivere in una città che dal punto di vista naturale non ci fa mancare di nulla. Vogliamo il mare in città e c’è, vogliamo la montagna e c’è, vogliamo la neve e qualche volta c’è anche. Dovremmo avere cura di questa città, dovremmo apprezzare e godere appieno di quello che ci offre, invece capita che un pomeriggio qualsiasi, dopo ore in ufficio, ti passa per la mente di andare sui colli e fare una grigliata.

La brutta sorpresa

“Arrivi, trovi tutto quello che ti serve, perche c’è, ti hanno attrezzato l’area apposta, e cosa trovi? Trovi l’incivilta dei tuoi concittadini, ti viene sbattuto in faccia che quel posto non è di tutti, non è anche tuo, è proprietà privata di quattro deficienti che, decidendo di accendere il fuoco proprio davanti ai tavoli e non nell’area preposta a fare questo. Sradicano la panchina del tavolo accanto a quello che hanno occupato per farne una seduta davanti al loro personale fuocherello. So che non ci sono parole per questo tipo di persone, perché, se lo hai fatto, a te sembra giusto così, ma è altrettanto giusto che io – conclude chi ha inviato la segnalazione – che non la penso così, lo faccia sapere a chi come me ama la città. A chi giustamente, si prende il diritto di controllare, denunciare, stanare, i (spero sempre meno) quattro deficienti, che praticano l’insostenibile pesantezza dell’inciviltà”.

Le foto dell’area danneggiata

Tag:

3 commenti

  1. La colpa è dei genitori di questi imbecilli,che credono che i loro figli con questi comportamenti dimostrino la loro scaltrezza e furbizia,quando si sa già che nella vita avranno poche soddisfazioni se non ambire a lavorare in modo abusivo da qualche parte…Siete il cancro di questa città…

    2
    0
  2. Caro lettore, la sua segnalazione è palesemente errata. Premesso che l’inciviltà è palese ovunque, (purtroppo!!) nel caso in questione non si tratta di atto vandalico. Conosco bene questi luoghi e li frequento quasi settimanalmente. Le foto da Lei postate, indicano chiaramente una panchina divelta. Ma ciò non è dovuto ad un atto di inciviltà ma al legno che è marcito alla base. Quindi si tratta di cattiva manutenzione. Moltissimi sono gli arredi e le recinzioni in questo stato. Purtroppo trattandosi di non essendo trattato con nessun prodotto questo legno marcisce velocemente

    0
    0
    1. Assolutamente no! Se lei andasse in questi posti cn la mia stessa frequenza saprebbe che appena due giorni prima le panchine erano al loro posto. Confermo che le panchine sono state divelte!!!

      0
      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007