Bordonaro, delinquenti ambientali scaricano rifiuti pericolosi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Bordonaro, delinquenti ambientali scaricano rifiuti pericolosi

Segnalazione WhatsApp

Bordonaro, delinquenti ambientali scaricano rifiuti pericolosi

giovedì 10 Settembre 2020 - 11:18
Bordonaro, delinquenti ambientali scaricano rifiuti pericolosi

Vengono di notte, per non essere individuati e sanzionati e scaricano materiale pericoloso in quest’area sterrata a ridosso delle case sotto il ponte autostradale di Bordonaro. Così, veri e propri delinquenti ambientali attentano alla salute degli abitanti.

Lastre e contenitori di Eternit si rompono e il vento sparge tutto intorno le loro particelle cancerogene. Le persone che vivono in questa zona sono esasperate ed è forte la preoccupazione per la loro salute e, soprattutto, per quella dei loro bambini. Chi deve, faccia qualcosa.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007