Caso Siracusa, a Messina la condanna per Bigotti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Caso Siracusa, a Messina la condanna per Bigotti

Alessandra Serio

Caso Siracusa, a Messina la condanna per Bigotti

martedì 14 Luglio 2020 - 19:05
Caso Siracusa, a Messina la condanna per Bigotti

Cinque condanne a Messina per il caso Siracusa, la tangente che vede imputato il top manager Bigotti e gli avvocati Amara e Calafiore accusati di sentenze pilotate

E’ arrivata a cinque giorni esatti dalle richieste dell’Accusa la sentenza sul caso Siracusa, che vede alla sbarra i professionisti coinvolti nel “Sistema” degli avvocati Pietro Amara e Giuseppe Calafiore, accusati di aver corrotto giudici e altri soggetti per favorire i propri clienti.

Oggi pomeriggio il Tribunale di Messina ha condannato a 7 anni e mezzo il top manager piemontese Ezio Bigotti, 6 anni e nove mesi a Vincenzo Ripoli, 6 anni a Francesco Perricone, 2 anni per Mauro Calafiore, tutti commercialisti, infine 4 anni a Cesare Pisello. Il verdetto rispecchia in gran parte le pene sollecitate dall’Accusa qualche giorno fa.

I giudici della I sezione Penale (presidente Silipigni) hanno anche interdetto in perpetuo il top manager piemontese Bigotti, Ripoli e Perricone, mentre Pisello “se l’è cavata” con l’interdizione per 5 anni. Pena sospesa per Calafiore.

Il Tribunale ha poi dichiarato false le perizie che gli altri professionisti coinvolti, periti della Procura di Siracusa, hanno redatto nel corso dell’inchiesta Eni.

Impegnati nelle difese gli avvocati Nino Cacia Carmelo Peluso,Nino Favazzo, Antonello Scordo e Cesare Placanica.

Al centro del processo c’è una tangente che sarebbe stata pagata al giudice Longo, attraverso i legali aretusani, per ottenere l’archiviazione dell’inchiesta sul colosso dell’energia. Tangente, secondo la Guardia di Finanza, contabilizzata in parte in una parcella legale e venuta fuori attraverso le conversazioni telefoniche degli avvocati.

Eni ha sempre smentito categoricamente l’ipotesi di tangenti pagate dal gruppo, e lo fa anche in questo caso, alla pubblicazione della sentenza, con una nota ufficiale dell’Ufficio Stampa Eni.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007