Messina. Che vergogna! Tornano le discariche sui Colli. FOTO E VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Che vergogna! Tornano le discariche sui Colli. FOTO E VIDEO

Pippo Trimarchi

Messina. Che vergogna! Tornano le discariche sui Colli. FOTO E VIDEO

mercoledì 21 Luglio 2021 - 11:03

MessinaServizi pulisce e gli incivili tornano a sporcare. Così non si può continuare. Serve un'azione coordinata di tutte le forze di polizia

L’intervento di bonifica eseguito da MessinaServizi risale al 10 luglio scorso. Purtroppo, però, gli incivili non si sono fatti attendere e hanno di nuovo deturpato con le loro porcherie le strade che conducono ai Colli Sarrizzo. Le foto e il video ricevuti al nostro numero WhatsApp 366.8726275 parlano chiaro. E dimostrano che la battaglia contro questi invasivi comportamenti non la può combattere solo il Comune. Siamo, infatti, in presenza di una vera e propria emergenza sanitaria, di una pervasiva aggressione all’ambiente, di una reiterata condotta illegale.

Intervenga il Prefetto

E’, perciò, urgente e necessario che il Prefetto di Messina si faccia carico della situazione e coordini un’azione combinata di tutte le forze di polizia per contrastare questo fenomeno. Al di là di ogni polemica politica è evidente che MessinaServizi sia costretta a impiegare consistenti risorse umane ed economiche per porre rimedio all’opera degli incivili in un territorio vasto come Messina. Questi interventi emergenziali sottraggono impegno all’azione ordinaria ma soprattutto sembrano non avere fine. Infatti, com’è successo nei Colli, anche in altre zone della città, sotto i ponti, sotto i viadotti, nei torrenti, nelle aree sbaraccate, si pulisce e subito dopo si ricreano le discariche.

Così non si può certo continuare: è una sorta di supplizio di Tantalo che va interrotto al più presto. La maggioranza dei messinesi che fa correttamente la differenziata, che paga la TARI, e che TARI, non può sopportare oltre questo sopruso. Ma, ribadiamo, il Comune di Messina, può certamente fare di più in termini di controllo del territorio, ma non può essere lasciato solo in questa battaglia, perchè così la lotta è impari e non potrà essere vinta facilmente.

Tag:

9 commenti

  1. L’immondizia la butta in strada chi non paga e non ha mai pagato la tari non avendo piu i cassonetti dove buttarla, per debellare il fenomeno bisogna scovare i furbacchioni e sto schifo finisce.

    7
    1
  2. Fate lavorare quelli che percepiscono il reddito di cittadinanza

    7
    1
  3. L’articolo dice che la maggioranza dei messinesi paga la Tari! Ma ne siete proprio sicuri? Perchè a me risultano altri dati! Risulterebbe infatti che il 40/50% della popolazione non paga la Tari! Questo dicono le statitiche! Di fronte a questi numeri impietosi diventa difficilissimo per chiunque organizzare una raccolta differenziata che funzioni. E’ chiaro che l’aumento delle tariffe è dovuto proprio a questo! Vengono super tassati gli onesti per sopperire alle mancate entrate di chi non paga! Poi c’è il vandalismo e la feccia che continua a buttare tutto nei torrenti, nei colli, e nelle strade specialmente la notte! Il problema non si risolve con le chiacchiere! Si risolve con una legge speciale: chi viene preso a buttare i rifiuti fuori orario nelle strade formando delle discariche deve essere arrestato e punito severamente! Questa è la strada Sig. Sindaco, Sig. Prefetto, e Signor Questore!

    16
    0
    1. poi ci si lamenta che aumenta ma andrei io a quel paese e ci porterei quelli che si lamentano e contestano il sindaco perché la differenziata non funziona e che aumenta pure poi ci ritroviamo questi stronzi e dico stronzi

      2
      0
  4. Condivido….in mancanza di marcatura di territorio, l’INCIVILE torna nel luogo dove ha sporcato e continua a sporcare…..URGE fargli “TERRA BRUCIATA “in modo SEVERO ,perché continuando a farla franca ,continua imperterrito a distruggere MESSINA😖😡…..i colli devono essere presidiati e così tutte le zone bonificate …. Che scenda in campo l’Esercito…….Devono capire che si fa sul serio per farli desistere😤

    6
    3
    1. ..amica Rosaria e ci risiamo come sempre e con regolarità.
      Tempo fa avevo scritto un commento, ma purtroppo la redazione non lo aveva pubblicato forse perchè pieno di totale repressione assolutista verso questi schifosi esseri.
      Il comune non può vincere, bisogna che lo stato intervenga con esercito, polizia, carabinieri, vigili del fuoco, proclamare lo stato d’ assedio, il regime militare, bastonare con reali pene chi viene pizzicato, processarlo e poi rinchiuderlo a vita cancellandolo assieme alla sua genia da liste, da concorsi, da tutto….mi spiace ma verso questi infami credo che il presidente koreano andrebbe a meraviglia.
      Aiuto aiuto aiuto…

      3
      0
  5. È un’emergenza sanitaria che richiede l’impiego di un esercito e provvedimenti penali. “Beccare lo zozzone” di turno è solo una goccia nell’oceano. Tutta la città è piena di spazzatura! Il prefetto, il sindaco, i consiglieri comunali non hanno occhi per vedere questo scempio?????

    2
    0
    1. ora con la banca dati di tutti i cittadini con le forniture di luce gas acqua si incroceranno con quelli che pagano e ne vedremo delle belle

      2
      0
  6. Finalmente una che la pensa come me! Grazie Rosaria! Ma evidentemente i nostri grandi amministratori non vogliono prendere posizione su questo argomento! Ci vorrebbe una rivolta popolare! Ma questo presupporrebbe una cittadinanza attiva non una cittadinanxa apatica e strafottente come quella che abbiamo a Messina!

    2
    0

Rispondi a francesco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x