Sequestro da 1 mln a imprenditore Smiriglia, per la Dia è vicino ai clan - Tempo Stretto

Sequestro da 1 mln a imprenditore Smiriglia, per la Dia è vicino ai clan

Sequestro da 1 mln a imprenditore Smiriglia, per la Dia è vicino ai clan

martedì 24 Ottobre 2017 - 09:58
Sequestro da 1 mln a imprenditore Smiriglia, per la Dia è  vicino ai clan

Nuovo sequestro al più grosso fornitore di calcestruzzi dell'hinterland di Sant'Agata. Sotto chiave la Sud Marmi, terreni e fabbricati tra il comune nebroideo e il centro di San Marco d'Alunzio.

LA Dia di Catania e gli uomini della sezione di Messina sono tornati a mettere i sigilli al patrimonio di Antonino Smiriglia, imprenditore del settore fornitura inerti attivo tra Sant’Agata di Militello, Torrenova e San Marco d’Alunzio, considerato attiguo al clan di Mistretta.

Il nuovo provvedimento di sequestro pone sotto chiave un patrimonio complessivamente stimato in un milione cento mila euro tra società fabbricati e terreni considerati riconducibili all’imprenditore.

Lo scorso luglio la Direzione Investigativa Antimafia aveva già sequestrato un capitale stimato oltre 4 milioni di euro, comprendente sei aziende. Le successive indagini hanno fatto emergere il controllo dell’imprenditore su altre sigle aziendali, come la SUD Marmi SRL, di cui sarebbe entrato in possesso, sebbene attraverso lo schermo di soggetti fidati, da oltre tre anni, attraverso la CALCEM S.r.l., già sequestrata il 18 luglio scorso. Passano allo Stato, quindi, l’azienda, un fabbricato, 5 terreni a San Marco D’Alunzio e Sant’Agata di Militello, comprese le cave della Sud Marmi.

Le aziende di Smiriglia hanno fornito materiale a molte ditte impegnate in importanti commesse pubbliche, compresi i lavori sull’autostrada A 20, e i suoi sospetti di contiguità col clan Rampulla di Mistretta, ovvero la famiglia che ha partecipato alla strage di Capaci, sono emersi nelle indagini Omega, Scipione, Dioniso, Autostrada e Montagna, inchieste che riguardavano proprio il controllo degli appalti.

I procedimenti penali che ne sono conseguiti hanno visto l’imprenditore uscirne scagionato, ma per gli investigatori dell’Antimafia le irregolarità nella gestione finanziaria del suo patrimonio sono dovute alla sua vicinanza al clan.

Ad oggi l’imprenditore è sotto inchiesta a Patti per bancarotta fraudolenta.

Tag:

Un commento

  1. Vocedellagentevera 24 Ottobre 2017 17:33

    Con tutti questi sequestri si potrebbe aggiustare il bilancio di tante povere famiglie … Perché non farlo???

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007