Il grido di chi vuole legalità e trasparenza all'interno dell'Università - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il grido di chi vuole legalità e trasparenza all’interno dell’Università

Marco Ipsale

Il grido di chi vuole legalità e trasparenza all’interno dell’Università

lunedì 08 Luglio 2013 - 07:52
Il grido di chi vuole legalità e trasparenza all’interno dell’Università

Ugl Giovani Sicilia, Unione degli Universitari, Cgil e Atreju lanciano la loro indignazione nei confronti di un sistema che penalizza le persone oneste che gravitano attorno al mondo dell'ateneo messinese. Richiesta una posizione forte al neo rettore Navarra e avanzata una riflessione sull'utilità del numero chiuso

Ancora una volta in prima pagina per fatti spiacevoli. Ancora una volta, anche a livello nazionale, l’immagine dell’Università di Messina viene associata a vicende poco chiare. Uno schiaffo a quei tantissimi studenti che nell’Università di Messina ci hanno creduto e ci credono ancora, avendo sudato anni sui libri per ottenere un titolo di studio, guadagnato con fatica e sacrificio e, se il caso, sminuito da chi invece sui libri non aveva nessuna intenzione di starci.

E’ il rammarico espresso da più parti, in particolare dalle associazioni giovanili e studentesche che da anni lottano per portare legalità e trasparenza all’interno dell’Università.

E’ il caso di Ugl Giovani che, tramite il suo coordinatore regionale, Felice Panebianco, parte da 15 anni fa, dall’irrisolto omicidio Bottari, “un’esecuzione dalle caratteristiche tipicamente mafiose”, per ricordare che bisogna percorrere ancora tanta strada “per debellare questo male che continua a infettare le nostre Istituzioni”.

Soddisfazione espressa per la volontà manifestata da parte del neo rettore Navarra di costituirsi parte civile nel processo, “ma alla nuova governance dell’Ateneo di Messina – prosegue Panebianco – chiediamo comunque massimo impegno e trasparenza nella propria attività isolando, prima ancora che intervenga la magistratura, coloro che (docenti, personale tecnico-amministrativo, studenti) non dovessero rispecchiare, per condotta e frequentazioni, le basilari regole morali ed etiche a cui ognuno di noi, specie se punto di riferimento come i docenti, deve attenersi”.

Studenti, docenti e dipendenti onesti sono i primi a pagare “per questi gravi fatti – conclude l’Ugl Giovani -, per il fango che nuovamente si riversa sull’Ateneo messinese. A pagare il conto è il prestigio di una storica e importante Università e, con essa, quello di una intera città”.

Anche l'Unione degli Universitari si costituirà parte civile nel processo penale contro l'organizzazione che influenzava le prove di ammissione alle facoltà a numero chiuso. Dal 2007 l'Udu aveva denunciato alla Procura della Repubblica le anomalie della gestione della prova a Messina quando in una sola aula vi era la più alta concentrazione di “geni” rispetto a tutto il resto d'Italia. Nonostante le denunce e migliaia di pagine di documenti e prove circostanziate offerte, si dovette attendere il 2011 quando il Consiglio di Stato accolse il ricorso dei legali Bonetti e Delia e decretò che – scrive l’Udu – “lo svolgimento della prova di concorso a Messina era illegittima da 10 anni, anzi da sempre. All'ingresso, i commissari annotavano il codice segreto accanto al nome del candidato mandando in fumo il principio di anonimato della prova”. Nello stesso anno il Tar di Catania mandò le carte alla Procura della Repubblica sempre in accoglimento del ricorso dell'Udu e degli stessi legali: “Anche secondo i giudici catanesi la commissione ha agito in maniera anomala”.

Stessi esiti nel 2012: “I plichi di concorso con l'elenco delle domande dei candidati – prosegue il sindacato universitario – erano spariti, anzi rubati. Fu lo stesso Ateneo a denunciarlo a seguito delle pressioni dei nostri legali che chiedevano trasparenza e volevano sapere come fosse possibile che diversi studenti avevano preso punteggi altissimi nella sezione di matematica senza aver sviluppato nessuna operazione matematica nei fogli di brutta copia a disposizione”.

Nel settembre del 2012, infine, toccò alle Professioni sanitarie. “I compiti – spiega ancora l’Udu – arrivarono all'Ateneo in delle scatole di cartone da supermarket senza alcuna garanzia che qualcuno prima le avesse ispezionate. Tre di quei plichi poi mancarono all'appello e, anche in quel caso, a Messina vi sono stati i più bravi d'Italia. La ditta che aveva curato la redazione dei quesiti era di Cosenza ed a Fisioterapia, che è il corso di laurea più ambito, gli ammessi calabresi furono il doppio rispetto all'anno passato. Oggi scopriamo della presenza dei microchip grazie ai quali l'organizzazione riusciva a dettare le risposte esatte ai propri protetti. Non meglio precisati personaggi, inoltre, sarebbero capaci di inserirsi nel sistema informatico nazionale e modificare le risposte date dai candidati attenzionati”.

Secondo l’Udu è il sistema ad essere sbagliato: “E’ barbaro e incostituzionale. Alimenta solo corruzione e disperazione”.

Meccanismi di selezione criticati anche dalla Cgil, che chiede al nuovo rettore legalità, trasparenza e collaborazione con le autorità per individuare tutti i responsabili: “L’inchiesta getta, ancora una volta, una nuova pesante ombra sull’Ateneo messinese. L’Università – evidenziano Lillo Oceano, segretario generale Cgil Messina insieme a Franco Di Renzo e a Graziamaria Pistorino della Flc Messina – deve essere liberata da privilegi, favoritismi, raccomandazioni, corruttele e deve tornare ad essere luogo dove si affermano capacità e impegno”

La Cgil e Flc invitano poi ad una riflessione sul numero chiuso, “strumento a proposito del quale occorre domandarsi se sia davvero utile ai fini della programmazione degli accessi ai corsi universitari, oppure se bisogna pensare a forme nuove, che rappresentino un equilibrio tra diritto allo studio costituzionalmente garantito (e quindi possibilità per tutti di poter accedere all’istruzione universitaria) e possibilità di poter “spendere” concretamente il titolo di studio nel mondo del lavoro. Perché – concludono i tre dirigenti sindacali – oggi più che mai occorre garantire il diritto allo studio e la parità di chance nell’accesso all’università”.

Valuta di costituirsi parte civile anche l'Associazione Universitaria degli studenti "Atreju", che manifesta la propria distanza e il proprio sentimento di vergogna e sdegno. “Traduciamo così i timori che non solo vengano lesi fama e prestigio del nostro ateneo, ma addirittura che si dubiti della regolarità e legalità delle attività accademiche di quella parte di studenti che costituiscono una parte sana estranea a questa realtà. Il nostro ateneo non è solo mafia e corruzione, ma sa essere esempio di eccellenza e professionalità”.

L’appello per restituire all’Università e alla città legalità, dignità e futuro è rivolto alla parte sana della città e delle istituzioni, “la stragrande maggioranza. La ricostruzione culturale e sociale della nostra Sicilia, e più in particolare della nostra Messina tanto umiliata e stuprata, – conclude Atreju – parte da noi studenti, agenti del prossimo futuro alle porte”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. MessineseIncallito 8 Luglio 2013 08:17

    Ora capisco meglio (non c’era bisogno di quest’inchiesta) perchè girando per i reparti del policlinico si sentono tanti giovani camici bianchi parlare con accento calabrese…

    0
    0
  2. Ho letto solo il titolo e forse non perderò mai tempo a leggere tutto l’articolo. Dovevate indignarvi prima che s’indignava la magistratura per l’ennesima volta. Ora è irrilevante e vi daranno una bella sfoltita ma il vero cambiamento lo dovrete iniziare voi specialmente in silenzio senza i soliti proclami preconfezionati per la stampa solo da questo si vedrà un sincero cambiamento e se un cambiamento ci sarà davvero verranno i media a cercarvi come ogni buon giornalista è sempre a caccia delle novità mentre quando andate a cercarli voi per cercare di difendere l’indifendibile ottenete solo l’effetto contrario mentre il vostro scopo era limitare i danni per una situazione ben tollerata da tempo immemorabile ma che purtroppo vi è temporaneamente sfuggita di mano.

    0
    0
  3. non è questione di essere calabresi o di altra regione qui non serve prendersela con le persone ma con l’insieme di leggi che consentono il proliferare della corruzione . Del resto in passato ho letto articoli su scandali simili relative a università di altre città

    0
    0
  4. si tutti che si indignano, che poi sono gli stessi che alimentano il solito sistema.

    0
    0
  5. MessineseIncallito 8 Luglio 2013 13:58

    So bene che la questione è la corruzione e il proliferare del malaffare, ma è anche un dato di fatto che ad oggi, chi maggiormente apprifitta di corruzione e malaffare proviene dall’altra sponda dello stretto…o no?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007