Scoglio al Vittorio Emanuele. Elvira Amata: "L'uomo giusto per il bene del teatro"

“Il nostro Teatro meritava risposte serie e ragionate. Non sarebbe stato possibile continuare a suon di affannosi annaspamenti; per questo il Governo Regionale ha dovuto responsabilmente trovare una quadra per fornire all’ente gli strumenti idonei a fronteggiare la complessa situazione. A partire proprio dalle risorse umane a cui affidare l’annoso compito. E rispetto alla nomina dell’Avv. Gianfranco Scoglio, accolgo la scelta dell’assessore Pappalardo con estrema soddisfazione.

Messina deve avere un teatro gestito da una governance locale; un sovrintendente che conosca il funzionamento della macchina amministrativa e che sia competente sul piano relazionale burocratico e legale”, così il deputato regionale di Fratelli d’Italia, On. Elvira Amata.

“Auguri e in bocca al lupo al nuovo sovrintendente e un sincero plauso al Governo regionale che è riuscito a tacere in queste settimane nonostante alcuni strumentali attacchi. Da Palermo si è scelto di non prestare il fianco a provocazioni e accuse inconsistenti e di controbattere, come è d’uso a questa maggioranza, con i fatti. Mi sembra che la risposta possa essere considerata più che soddisfacente. Mentre qualche voce faceva montare sterili polemiche in assessorato si vagliavano curricula e si approvava, per quella che è la parte dell’esecutivo, il bilancio di previsione 2018 del Teatro. Per quanto attiene poi le competenze di Scoglio, queste sono note: la dedizione al lavoro funzionalizzato al servizio della città e la serietà indiscutibile.
E, dubito francamente che qualcuno possa avere da ridire circa l’assegnazione dell’incarico in seno al TVE. Personalmente ho già lungamente parlato con l’avv. Scoglio esprimendogli il mio massimo sostegno anche nella relazione con il capoluogo e con le forze di maggioranza. D’altro canto auspico che, trasversalmente, si saprà e vorrà agire con uno spirito di collaborazione piena con la governance del teatro per ridare a Messina e la sua cultura lo spazio che meritano”.