Messina. Restauri, dipinti e cornici: quel mestiere di artigiano che rischia di sparire VIDEO - Tempostretto

Messina. Restauri, dipinti e cornici: quel mestiere di artigiano che rischia di sparire VIDEO

Giuseppe Fontana

Messina. Restauri, dipinti e cornici: quel mestiere di artigiano che rischia di sparire VIDEO

domenica 10 Luglio 2022 - 07:20

Nicola Sturiale è un artista che da decenni opera nel suo laboratorio. Un'attività che rischia di sparire, tra il caro materie prime e "il disinteresse dei giovani"

di Giuseppe Fontana e Silvia De Domenico

MESSINA – “Vedo un po’ di disinteresse, tra i giovani soprattutto. Spesso i clienti mi chiedono: è bello, ma dopo di lei?” La domanda che tante persone pongono all’artigiano Nicola Sturiale, che da decenni lavora nel mondo delle cornici e del restauro, è lecita e probabilmente va fatta a più ampio respiro, ponendola all’intero mondo dell’artigianato. Quando “artisti” come Nicola Sturiale andranno in pensione (ma pensiamo anche a mestieri antichi come i calzolai), chi ne raccoglierà l’eredità?

Mobili antichi, dipinti e cornici: “Alcuni lavori in giro per l’Italia”

Nel laboratorio di Nicola Sturiale c’è di tutto. Mobili antichi pronti ad essere restaurati, dipinti realizzati da lui con cornici fatte a mano, specchi che sembrano usciti da ville di una nobiltà ormai estinta. Si respira l’aria di un posto storico, dove infatti l’artigiano lavora da decenni. Sturiale ha dedicato tutta la vita alla sua attività, realizzando cornici, dipingendo, restaurando, con opere che hanno fatto anche il giro d’Italia: “Ho avuto il privilegio e la fortuna per lavorare per persone ed Enti importanti. Ci sono cornici realizzate da me in Italia, anche acquistate in ambito militare”.

Le difficoltà degli artigiani nel 2022

Un lavoro che nel 2022 non è semplice fare: “Diciamo che è molto laborioso. Se dovessi essere pagato per quello che è il lavoro, non lo pagherebbe nessuno. Il lavoro manuale non è quello industriale o fatto in serie. Io dipingo da 40 anni, ma lavoro anche su restauro e cornici su misura, cercando sempre di accontentare le richieste del cliente che vuole un lavoro artigianale. E a livello di corniceria siamo rimasti in pochi, forse 4 o 5. Se parliamo di restauro probabilmente anche meno”. E sul settore incide anche il caro materiali, con rincari che toccano ogni aspetto dell’attività artigianale: dall’energia alla materia prima.

Chi raccoglierà l’eredità degli artigiani?

“Io sono qui da 26 anni circa – racconta Sturiale – e non c’è mai stato mai nessuno, magari qualche giovane, che sia venuto a chiedere qualcosa in più, dimostrando la voglia di conoscere o imparare. Riportare in vita un mobile antico, per esempio, è un lavoro simile a quello dell’archeologo che riporta in vita qualcosa che era scomparsa. Dico questo ai giovani: è una grande soddisfazione personale, ma ci vuole anche grande passione.

Tag:

2 commenti

  1. Basterebbe poco, il comune dovrebbe finanziare l’affitto dei locali di fronte al porto dove si ancorano le grandi navi.
    Fare valorizzare quella zona con artigianato e ristoranti. Naturalmente rispettando gli abitanti e i negozianti che già lavorano.

    17
    0
  2. Grande Nicola, bravissimo artista e bella persona.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007