Scurria: "Lasciateci lavorare, il 2019 è l'anno della svolta sul risanamento" - Tempostretto

Scurria: “Lasciateci lavorare, il 2019 è l’anno della svolta sul risanamento”

Scurria: “Lasciateci lavorare, il 2019 è l’anno della svolta sul risanamento”

sabato 12 Gennaio 2019 - 16:26
Baracche e polemiche
Scurria: “Lasciateci lavorare, il 2019 è l’anno della svolta sul risanamento”

Dopo decenni di ritardi, di scelte sbagliate e ataviche sottovalutazioni, l’aver acceso i riflettori (costituzione Agenzia, recupero e riprogrammazione fondi regionali, etc), ha determinato forti aspettative e, paradossalmente, alimentato polemiche di ritorno, da tempo sopite. Se il Governo nazionale, marcatamente nordista, non ha voluto riconoscere lo stato di emergenza, utilizzando argomenti speciosi ed incomprensibili, non può e non deve diventare motivo di polemica politica contro chi ha lavorato con serietà per accelerare e risolvere il dramma più grave di Messina.

Le date fissate nell’ordinanza del Sindaco, non mi stancherò mai di ripeterlo, erano coerenti con la conclamata grave situazione igienico-sanitaria e la contestuale richiesta dello stato di emergenza. Preso atto che bisognerà affrontare e risolvere la complessa questione con mezzi ‘ordinari’, e’ iniziato il lavoro, giorno dopo giorno, per sperimentare nuove soluzioni. Chiedere e vigilare che non si perda più tempo e’ assolutamente giusto. Per chi aspetta da una vita, il tempo non e’ una variabile ininfluente.

Al contrario, è ingiusto lamentarsi o, peggio, pretendere che in poche settimane o qualche mese le baraccopoli diventino un brutto ricordo. Se il problema e’ complesso non esistono soluzioni semplici e rapide. Nei giorni scorsi, sollecitato da un gruppo di famiglie che sopravvivono nelle baracche, mi sono recato nella parte alta del fondo Pugliatti. Ho ‘scoperto’ una baraccopoli mai censita dove, purtroppo, vivono o, meglio, sopravvivono tante famiglie Messinesi. Non so quando si e’ formato questo piccolo agglomerato costruito senza alcuna regola (l’amianto non manca). Un paio di queste casupole, addirittura, sono state costruite sopra una galleria abbandonata delle ferrovie. Qui, oltre a tutto il resto, le norme antisismiche non sono mai arrivate. Siamo a Messina, a pochi metri dal Viale .,.. Europa! Lasciateci lavorare. Vedrete, il 2019 sara’ l’anno della svolta.

Marcello Scurria, presidente ArisMe

Tag:

0 commenti

  1. i messinesi che vivono non di chiacchere e “cumacche ” ( Doddis e/o piazza Cairoli…docet ) le conoscono tutte le baraccopoli…. censite e non… Scurria veru o noooo??? pirareddeee.

    0
    0
  2. Ma non è stato il sindaco (che l’ha nominata presidente dell’agenzia per il risanamento) a creare false aspettative nella cittadinanza, fissando delle date impossibili da rispettare per lo sbaraccamento della città?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007