"Ettari di nettari", viaggio alla scoperta della Sicilia attraverso le sue cantine - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Ettari di nettari”, viaggio alla scoperta della Sicilia attraverso le sue cantine

Redazione

“Ettari di nettari”, viaggio alla scoperta della Sicilia attraverso le sue cantine

lunedì 11 Ottobre 2021 - 06:50

Ampio dibattito su vini, cantine, turismo e sviluppo della Regione durante la presentazione del libro di Samuele Mazza alla Tenuta Rasocolmo

MESSINA – È stato presentato nell’incantevole scenario della Tenuta Rasocolmo, inserita all’interno del volume con la sua Cantina Reitano, il libro “Ettari di nettari”, di Samuele Mazza, edito da Rizzoli. Ma quella di domenica mattina non è stata una semplice presentazione per un’opera che rappresenta un vero viaggio non alla scoperta dei vini siciliani ma delle loro location più suggestive, colorate e particolari. È stata, invece, quasi una tavola rotonda, con l’autore Samuele Mazza, la giornalista Barbara Turati e l’owner della tenuta Francesco Reitano a tenere le redini della discussione, incentrata ovviamente sulla produzione vinicola ma anche e soprattutto sull’aspetto turistico, estetico ed emozionale dei luoghi siciliani in cui il vino si produce.

“È un racconto visivo, il mio modo di raccontare è molto estetico e per tutta la vita ho fatto questo tipo di ricerche”, ha spiegato l’autore, Samuele Mazza, che ha presentato volume e parlato di come nasce questa ricerca in giro per l’isola. “È il mio 35esimo libro. Tornato in Sicilia ho deciso di promuovere la regione con la mia visione delle cose. Sono nato in Sicilia ma non l’ho vissuta, ora voglio farlo e raccontarla attraverso le immagini insieme ad altri amici che non hanno la stessa visione perché non siciliani”. Mazza ha continuato a parlare di quella che ha definito “la nuova Sicilia”, sottolineando come ci sia “una nuova coscienza nei siciliani stessi e nei siciliani di ritorno, quelli che tornano a casa dopo un lungo viaggio. Bisogna creare infrastrutture, strutture e intrattenimento: tra queste proprio le cantine mi sembravano emblematiche di questa sorta di Rinascimento siciliano. Una vera ondata di interesse per l’isola. Questo è uno dei sei volumi che svilupperemo, il secondo della collana editoriale dopo quello sulle dimore in Val di Noto, dove vivo”.

Il dibattito in fase di presentazione si è incentrato proprio sullo sviluppo, sul ritorno nell’isola e sull’importanza di fare rete per creare nuove strutture, spazi culturali e forme di intrattenimento. A parteciparvi non solo Mazza e Reitano, ma anche il presidente di Confesercenti Messina, Alberto Palella, il segretario generale della Camera di Commercio, Paola Sabella, e l’assessore al turismo del Comune di Messina, Enzo Caruso. Si è parlato di vino e cantine, ma anche di Ponte sullo Stretto, dell’importanza di incentivare l’accoglienza ai turisti e di promuovere le eccellenze locali. Tra queste, anche lo chef stellato Giuseppe Geraci, presente e parte attiva dell’incontro, che ha poi proposto agli ospiti della tenuta uno dei primi piatti serviti durante il pranzo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x