Giardino delle luci, l'ass. Musolino: "Noi all'oscuro del ticket, no ad ogni accusa" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Giardino delle luci, l’ass. Musolino: “Noi all’oscuro del ticket, no ad ogni accusa”

Rosaria Brancato

Giardino delle luci, l’ass. Musolino: “Noi all’oscuro del ticket, no ad ogni accusa”

giovedì 19 Dicembre 2019 - 17:22
Giardino delle luci, l’ass. Musolino: “Noi all’oscuro del ticket, no ad ogni accusa”

L'assessore pronto a ricorrere all'Autorità giudiziaria

L’assessore Dafne Musolino replica a quanto dichiarato in conferenza stampa dall’associazione Messina Incentro in merito alla vicenda del Giardino delle Luce e preannuncia azioni legali.

Il progetto di Messina Incentro

Il 4 novembre l’associazione invia il progetto nel quale si fa riferimento ad una serie di eventi che saranno: “interamente finanziati dai privati con la compartecipazione del Comune di Messina che dovrà fornire il relativo supporto in termini di servizi, garantendo la gratuità dell’occupazione del suolo, delle tasse pubblicitarie e la fornitura di energia elettrica oltre che del palco e sedie, necessari per la realizzazione degli eventi. Vista la larga partecipazione degli anni scorsi di imprenditori locali, si è pensato di avviare una campagna di crowfounding, allo scopo di raccogliere le risorse necessarie, e donare ai messinesi un Natale indimenticabile e creare un’atmosfera coinvolgente“.

L’assessore Musolino spiega che l’Associazione dichiarava che la Manifestazione sarebbe consistita nella collocazione di una pista di pattinaggio, nell’allestimento di una casa di Babbo Natale, di un villaggio a tema natalizio con 24 casette per consentire l’esposizione dell’artigianato locale e dei prodotti enogastronimici, nella realizzazione di un Giardino delle Luci e di un’area giochi per i più piccoli.

Nel progetto non si faceva riferimento né a spettacoli a pagamento né al fatto che parte o tutti i servizi sarebbero stati eseguiti da soggetti terzi, diversi dall’Associazione.

Nessun cenno a biglietti

Sull’ assenza di biglietti di ingresso e tariffe di qualsiasi tipo- continua l’assessore Musolino– sull’assenza di appalto o forniture da parte di soggetti terzi di prestazioni e/o servizi, lo Statuto dell’Associazione che stabilisce che la Messina Incentro è un’ Associazione senza fini di lucro. Si stabilisce inoltre che l’ associazione si deve avvalere prevalentemente di prestazioni volontarie, personali e gratuite dei propri aderenti”.

E’ su queste premesse che l’amministrazione ha quindi avviato l’interlocuzione con l’Associazione, anche alla luce dell’assenza di altre proposte da parte di altri operatori. L’assessore richiedeva quindi i documenti necessari per procedere alla formalizzazione della delibera.

Nessun riferimento a terzi

In nessuno di questi documenti– ribadisce l’esponente della giunta De Luca- la Messina Incentro ha mai fatto riferimento al fatto che le maggiori attrattive della manifestazione sarebbero state affidate a soggetti terzi, estranei all’Associazione, così come è mai stato chiarito che per potere beneficiare dei servizi offerti sarebbe stato richiesto il pagamento di un biglietto di ingresso

La delibera del 23

Nella delibera del 23 novembre in ogni caso l’amministrazione concedeva l’esenzione per il canone cosap, tranne che per le attività commerciali accessorie all’iniziativa, gestite da privati, quali giostre, attrazioni intrattenimenti vari e specificatamente: pista di pattinaggio giostrine per i più piccoli “.

Solo durante la festa dell’accensione dell’Albero l’amministrazione scopre che per entrare nel Giardino delle Luci era richiesto il pagamento di un ticket di ingresso di € 5,00 a persona.

L’Albalux Luminarie

Sempre nella medesima serata si apprendeva che anche per visitare la Casa di Babbo Natale l’Associazione pretendeva il pagamento di un ticket di € 5,00 a persona. Chiamata a fornire le dovute spiegazioni, l’Associazione chiariva che il Giardino delle Luci era stato realizzato dalla Albalux e che il biglietto di ingresso veniva incassato dalla Messina Incentro, che però poi avrebbe dovuto girarlo alla società Albalux.”

Nelle 48 ore successive si sono susseguiti una serie di incontri tra l’assessore Musolino e i rappresentanti di Messina Incentro ed anche il sindaco ha preso parte ad uno di questi confronti.

l’Amministrazione comunale– prosegue Musolino– ha quindi appreso dell’esistenza di un contratto di fornitura tra la Messina Incentro e la Albalux e dell’esistenza di un ticket di ingresso solo il 9 dicembre (al termine dell’incontro in Sala Giunta).

Le nuove condizioni

Dopo un ampio confronto, la Messina Incentro si impegnava a rispettare una serie di condizioni, come il pagamento Cosap in 3 rate, il mantenimento della attrazione II Giardino delle Luci fino al 7 gennaio 2020, il pagamento di un biglietto di ingresso dell’importo di € 2,00 a persona, con esclusione del pagamento per i bambini fino al 2° anno di età e per i soggetti disabili.

Il 10 dicembre l’assessore Musolino chiede quindi a Messina Incentro di fornire i dati relativi alle superfici occupate ma la mail ricevuta viene considerata troppo generica. Dispone così l’accertamento della Polizia Municipale per verificare i dati.

Stando all’esito del controllo la superficie effettivamente coperta dal Giardino delle luci risulta quasi il doppio di quella dichiarata dalla mail del 10 dicembre.

In sintesi stando alla nota dell’assessore Musolino solo l’8 dicembre l’amministrazione ha scoperto che esisteva un biglietto d’ingresso per il Giardino e che tra associazione ed Albalux Luminarie esisteva un contratto di fornitura d’opera. Da qui la richiesta del pagamento del canone occupazione suolo.

In fretta e furia

L’assessore sottolinea poi come l’Albalux abbia smantellato in fretta e furia il Giardino delle Luci dopo il maltempo senza però dare modo di accertare se non vi fossero altre motivazioni (altre offerte ricevuto o il paventato rischio d’incassare meno del previsto).

“Pronti ad adire alle vie legali”

Quanto dichiarato da Messina Incentro lascia la sgradevole impressione che l’Associazione avesse maturato la convinzione che il Comune si sarebbe assunto l’onere di sostenere i costi per la organizzazione della Manifestazione, mentre gli eventuali profitti sarebbero stati incassati dalla Messina Incentro. Considerata la gravità della condotta di Messina Incentro, la mancata corretta informazione sulle modalità di organizzazione, la violazione delle condizioni ratificate con il verbale del 9 dicembre in merito al mantenimento del Giardino delle Luci fino al termine della manifestazione, nonché l’assenza di qualsiasi prova in merito alla sussistenza di una causa di forza maggiore per lo smantellamento del Giardino, il Comune respinge ogni accusa. Anticipa inoltre che verrà fornita copia dell’accaduto all’autorità giudiziaria”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Nessuno sa mai niente….

    0
    0
  2. A Rovaniemi nella casa originale di santa claus si entra gratis. casomai paghi la foto con babbo Natale se te la vuoi fare. Ci vuole tatto nel non mettere le persone non benestanti a vedere discriminati i propri figli rispetto a quelli benestanti.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x