Messina. Gran lavoro per i carri attrezzi, Cucè chiede parcheggi in via Catania - Tempostretto

Messina. Gran lavoro per i carri attrezzi, Cucè chiede parcheggi in via Catania

Redazione

Messina. Gran lavoro per i carri attrezzi, Cucè chiede parcheggi in via Catania

lunedì 21 Marzo 2022 - 08:26

Il presidente della III Municipalità lamenta le difficoltà di trovare parcheggi regolari a Provinciale

Carri attrezzi super attivi in città. E così, oltre alla crisi e ai rincari, i cittadini devono far fronte anche ad altre spese. Chi è causa del suo mal pianga sé stesso – si potrebbe obiettare – ma la situazione cambia se si considera che spesso è difficile trovare un parcheggio regolare.

Il presidente della III Municipalità, Lino Cucè, ha incontrato una rappresentanza dei commercianti della zona, il presidente di Atm, Giuseppe Campagna, i vertici del dipartimento viabilità e il consiglio circoscrizionale. “Ferma restando la necessità del servizio di rimozione coatta delle autovetture messo in campo da Atm, servizio che spesso serve a liberare la strada per far procedere gli autobus non di rado bloccati dalla presenza di mezzi in doppia fila, – spiega Cucè – non possiamo trascurare le molte lamentele che ci sono pervenute in questi giorni da parte dei commercianti della zona, già vessati da crisi e rincari. Ecco perché abbiamo convocato una seduta straordinaria per mettere a confronto tutti i soggetti coinvolti e provare a trovare una soluzione al problema, che possa conciliare le esigenze di viabilità con la necessità di lavorare delle piccole aziende presenti a Provinciale”.

La proposta

La proposta: “Autorizzare la sosta, anche a pagamento, nel tratto di via Catania antistante a Palazzo Palano. Nei prossimi giorni predisporremo una nota ufficiale, mentre stiamo già contattando tutti gli operatori della zona per avere la loro adesione. Intanto abbiamo chiesto la rimozione della fermata del bus proprio davanti a Palazzo Palano, per recuperare altri 15 metri di sosta per le autovetture, considerando anche la vicinanza con le fermate precedenti e successive”.

Il parcheggio di villa Dante

Tra gli argomenti trattati durante l’incontro anche la funzionalità del parcheggio di Villa Dante, reso più appetibile da Atm con l’applicazione di prezzi popolari, per il quale i commercianti si sono resi anche disponibili ad offrire una ulteriore scontistica in negozio a chi si presenta con il tagliando del parcheggio.

5 commenti

  1. E su Viale Giostra basso? I residenti si vedono privati di molti parcheggi, a causa dei capolinea ATM. La ricerca del posteggio è un delirio, considerato che la zona è supergettonata per i pendolari dei traghetti E, in più 2 giorni di mercato…

    6
    5
  2. Un sistema parcheggi obsoleto che costringe un numero elevato di cittadini a parcheggiare male la propria autovettura per bisogno e assenza totale di un numero minimamente accettabile di stalli,per poi punirli con la rimozione del veicolo lo trovo indegno e fortemente scorretto,in quanto è da almeno 20 anni che non si mette mani a ridisegnare la viabilità, che favorisce chi bighellona in auto,e non ha nulla da fare,una viabilità che impedisce lo scorrimento fluido dei mezzi ed un sistema parcheggi efficiente come ad esempio a spina di pesce recuperando il doppio dei posti auto in superficie impedendo o complicando la vita agli incivili della doppia fila a Messina non si vuole fare perché fa comodo e perché così si fa più cassa……vergogna

    7
    7
  3. Il presidente dovrebbe farsi interprete non solo della categoria dei commercianti a cui è molto legato ma anche e soprattutto agli abitanti del quartiere che lo hanno eletto. Sa bene che con un minimo di rispetto delle regole molte cose andrebbero meglio. Creare parcheggi solo per favorire i commercianti? E per quale motivo il semplice abitante del quartiere deve invece tentare la fortuna per trovare parcheggio? Perché invece non chiede una presenza degna di tal nome della polizia municipale? È indecoroso vedere gli agenti in servizio al mercato vascone senza che vengano elevate multe ai mezzi in doppia fila e sopra le strisce pedonali. E che dire dei camion dei vari supermercati presenti nel quartiere che per lo scarico merci sostano incuranti dei disagi creati?Vogliamo parlare dei mezzi in sosta lungo i cordoli del tram? E di problemi che caratterizzano il quartiere si potrebbe fare un lungo elenco. Non esiste solo il falso problema dei parcheggi per i commercianti.

    11
    1
  4. Ma come volete risolvere i problemi della 3 municipalita’ quando qualche consigliere non conosce il confine fra 3 e 4 municipalita’, e mi e’ stato detto che la 3 municipalita’ non puo’ fare niente sulla eliminazioni dell’approvazione parcheggi a pagamento perche’ e’ stata una decisione del sindaco assessori e consiglieri a decidere il da farsi. lo stesso problema di tentare la fortuna per trovare posteggio lo hanno anche i residenti del viale europa bassa e zone limitrofe. Ma chi ci governa tutto questo non interessa, pur sapendo che sono stati eletti dai cittadini sindaco, consiglieri comunali e consiglieri di quartieri. La cosa gravissima e’ che vogliono chiudere al traffico dei mezzi mediante barre automatizzate e creare un parcheggio d interscambio a raso per soste di breve e medio termine cioe’ togliere i parcheggi liberi per installare parcheggi a pagamneto.

    4
    0
  5. presidente della 3 municipalita’ si lamenti anche delle difficolta’ di trovare parcheggi regolari anche per gli abitanti del Viale Europa bassa e zone limitrofe.
    Come vede il problema dei parcheggi regolari non e’ solo di Provinciale.

    4
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007