«Un manipolo di eroi salverà la città o ne sta decretando il fallimento?» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

«Un manipolo di eroi salverà la città o ne sta decretando il fallimento?»

«Un manipolo di eroi salverà la città o ne sta decretando il fallimento?»

venerdì 23 Novembre 2018 - 15:32
«Un manipolo di eroi salverà la città o ne sta decretando il fallimento?»

Paolo Bitto di CapitaleMessina e l'ex consigliere comunale Gino Sturniolo tornano sulla possibilità che il dissesto sia l'unica vera strada per resettare tutto e ricominciare. E analizzano quanto accaduto a Palazzo Zanca in questi giorni con il Salva Messina

Proprio nelle ore in cui il consiglio comunale è chiamato dal sindaco De Luca all’ultima volata del tour de force Salva Messina, c’è chi continua a lanciare un monito affinché si rifletta sulla possibilità che in questa fase storica ed economica di Palazzo Zanca il dissesto non sia il peggiore di tutti mali. Paolo Bitto e Gino Sturniolo analizzano quanto accaduto in questi giorni.

«Tra qualche anno sapremo se un manipolo di eroi sta salvando la città o se, come è più probabile, ne stia decretando inesorabilmente il fallimento. Noi ci siamo espressi da sempre per il riconoscimento dello stato di dissesto del Comune di Messina perché abbiamo sempre ritenuto che fosse impossibile per la città reggere un Piano di Riequilibrio di oltre 500 milioni di euro. D’altronde, come si fa ad analizzare e discutere decine e decine di atti e provvedimenti, fallimenti di aziende e conseguenze sulla qualità dei servizi in così pochi giorni? E’ tutto incredibilmente nebuloso e confuso. Sarà davvero possibile stabilizzare gli operatori dei servizi sociali? In caso contrario, a chi rimarrà il cerino in mano, ai sindacati o ai consiglieri comunali? Capiremo a breve se, con Atm in una situazione finanziaria così drammatica, sarà possibile erogare un minimo di servizio di trasporto pubblico locale. Verificheranno i legali se era possibile l’operazione MessinaServizi Bene Comune e se, oggi, a seguito del fallimento di Messinambiente, si dovranno revocare atti e transazioni triangolari tra Comune, ATOMe3 e Messinambiente. Ci sarebbe la possibilità di resettare tutto, abbattere il debito e cominciare un nuovo percorso, con minori pesi e fardelli e facendo luce sulle responsabilità del disastro. E invece la scelta che si sta prendendo sembra essere un’altra. Neanche l’esperienza della vicina Catania, dove il continuo rinvio della dichiarazione di dissesto ha condotto al dramma di mettere a rischio stipendi e servizi, è stata da monito. La città non si dovrebbe piegare a questa logica ma, purtroppo, sentiamo un silenzio assordante. Per noi il dissesto non è il fallimento della città, ma della classe dirigente che ha amministrato».

Paolo Bitto

Luigi Sturniolo

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007