Atm, dopo i disagi si cambia ancora: nuovi orari e novità sui capilinea - Tempostretto

Atm, dopo i disagi si cambia ancora: nuovi orari e novità sui capilinea

F.St.

Atm, dopo i disagi si cambia ancora: nuovi orari e novità sui capilinea

F.St. |
mercoledì 29 Agosto 2018 - 08:12

Da oggi cambiano di nuovo gli orari di alcune linee, soprattutto quelle che servono i villaggi e che avevano avuto i maggiori problemi con il piano di esercizio entrato in vigore il 16 agosto. Novità anche per i capilinea: primi esperimenti di quello che dovrà essere un collegamento a pettine

Da oggi si cambia di nuovo. L’Atm corre ai ripari e cambia di nuovo il piano di esercizio dei bus. L’esperimento avviato dal 16 agosto, con i tagli su linee e orari che tanto avevano fatto discutere, ha fatto emergere troppe criticità e disagi. Ieri è stato definito il nuovo piano con alcune modifiche e alcune novità che hanno già scatenato i primi malumori negli utenti. E da oggi via ai nuovi orari che dovrebbero tenere in considerazione soprattutto le lamentele arrivate dai villaggi più periferici che dal 16 agosto erano rimasti quasi senza bus.

Si è cercato di allargare la fascia oraria mattutina e serale, per dare la possibilità per esempio di muoversi in bus per andare a lavoro o di avere un bus a disposizione per rientrare la sera. Siccome però la coperta resta corta e Atm non ha risolto i problemi di carenza di autisti, ci saranno meno bus durante le cosiddette fasce di morbida della giornata, quindi per esempio tra le 10 del mattino e le 13, orari considerati “sacrificabili” per razionalizzare il servizio senza causare troppi disagi all’utenza.

Ecco su quali linee cambiano gli orari: 1-Altolia, 2-Giampilieri Superiore, 4/7- Briga/Galati S. Lucia, 5-Pezzolo, 6-S.Stefano Briga, 8-Mili S.Pietro, 9-Larderia, 13-S.Lucia, 32-S.Filippo Sup., 33-Bordonaro, 35-Cumia, 41-Catarratti, 72-Salice, 77-Marotta, 79-Istituto Marino, 80-Acqualadrone, 81/-Spartà.

C’è però una novità sostanziale in questo nuovo piano che scatta da oggi: il Cavallotti non sarà più l’unico capolinea per partenze e arrivi. Si tratta di quella idea di parzializzazione che il presidente Campagna voleva mettere in atto per evitare sovrapposizioni di linee e corse, prove generali di un sistema a pettine che però al momento appare fortemente mutilato considerato che mezza città dalla stazione all’Annunziata è senza tram.

Quindi partiranno e torneranno dal capolinea Zir, a Gazzi, le linee 1 (Altolia) 2 (Giampilieri Sup.) 6 (S. Stefano Briga) 4/7 (Briga Sup. / Galati S. Lucia) 8 (Mili S. Pietro) 32 (S. Filippo Sup.).

Capolinea Villa Dante per la linea 35 (Cumia).

Capolinea Annunziata per i bus che coprono la zona nord, quindi linee 77 (Marotta) 79 (Istituto Marino) 80 (Acqualadroni) 81/ (Spartà).

Da oggi si testerà se questo sistema può funzionare e se la gente scendendo da un mezzo trova l’altro subito pronto. Un esperimento simile era stato fatto qualche anno fa ma andò male. Il fronte caldo sarà quello a nord, per esempio con la gente che arriva dalla riviera e che per andare in centro dovrà scendere all’Annunziata e prendere il 28 che sostituisce il tram.

Tag:

Un commento

  1. Non so se vi rendete conto: non esistono più autobus che vanno dal centro a nord o a sud, si può soltanto prendere il tram fino ai capolinea annunziata e zir, e poi il bus. Il che significa che se il tram subisce un guasto, o si arresta per incidente sulla linea (casi non infrequenti) gli utenti, dal centro, non avranno alternative se non prendere un taxi o percorrere a piedi diversi chilometri…Se questo è il segno dell’efficienza della nuova amministrazione….

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007