Assenteismo negli uffici pubblici, un vizietto tutto messinese - Tempo Stretto

Assenteismo negli uffici pubblici, un vizietto tutto messinese

Alessandra Serio

Assenteismo negli uffici pubblici, un vizietto tutto messinese

lunedì 03 Ottobre 2016 - 22:02
Assenteismo negli uffici pubblici, un vizietto tutto messinese

I tanti precedenti di furbetti del badge scoperti nel messinese, dallo Iacp al comune di Barcellona. E i provvedimenti adottati dalle pubbliche amministrazioni colpite.

I 59 dipendenti del Comune di Milazzo “pizzicati” ad assentarsi durante le ore di lavoro, pur risultando regolarmente in ufficio, non costituiscono un caso isolato.

In particolare a Messina, dove la vicenda più eclatante è certamente quello dell’Istituto Autonomo Case Popolari, dove ben78 dipendenti, la quasi totalità, sono stati condannati per episodi di assenteismo, più e meno gravi. Soltanto uno di loro è stato licenziato, subito dopo lo scoppio del caso, ce sfociò in 4 provvedimenti cautelari. Anche in quel caso le telecamere che spiavano i dipendenti erano quelli della Guardia di Finanza, che li ha ripresi per diversi mesi. Sotto processo finirono 81 su 83 lavoratori, e il lungo dibattimento ha prodotto l’effetto paradossale di svuotare gli uffici dell’Iacp nei giorni delle udienze, alle quali tutti gli imputati hanno chiesto ed ottenuto di partecipare.

Al Comune di Barcellona Pozzo di Gotto finirono sotto processo oltre 40 dipendenti. Nel 2013 furono definite soltanto 9 condanne, mentre gli altri 35 imputati goderono della prescrizione del reato.

Nel capoluogo, inoltre, furono segnalati e contestati eclatanti casi di assenteismo alla Provincia regionale, alla Cittadella Sportiva Universitaria ed al Rettorato. In tutti i casi, gli investigatori costatarono che i “furbetti” erano sempre numerosi, in tutte le amministrazioni pubbliche controllate.

Tag:

12 commenti

  1. I sindacati con la Signora Croce’ in testa dovrebbero essere i primi a reclamare il licenziamento di queste persone.
    Non dovrebbero sempre e solo strombazzare per farne assumere altre. Per questo motivo non avete più credito cari sindacati messinesi. Non ne avete né tra coloro che lavorano nel privato né fra coloro che nel pubblico operano onestamente.
    A voi le conclusioni sulla qualità del bacino di sostenitori rimasti a darvi sostegno e quindi sulla vostra.

    0
    0
  2. I sindacati con la Signora Croce’ in testa dovrebbero essere i primi a reclamare il licenziamento di queste persone.
    Non dovrebbero sempre e solo strombazzare per farne assumere altre. Per questo motivo non avete più credito cari sindacati messinesi. Non ne avete né tra coloro che lavorano nel privato né fra coloro che nel pubblico operano onestamente.
    A voi le conclusioni sulla qualità del bacino di sostenitori rimasti a darvi sostegno e quindi sulla vostra.

    0
    0
  3. d’accordo .

    0
    0
  4. d’accordo .

    0
    0
  5. Hombre de barro 4 Ottobre 2016 08:43

    La cosa peggiore è la continua presa in giro da parte di chi dovrebbe condannare QUESTI GRAVI REATI. Poi leggi che su 78 sanguisughe ne viene licenziato solo uno e capisci che è tutto tempo sprecato.

    0
    0
  6. Hombre de barro 4 Ottobre 2016 08:43

    La cosa peggiore è la continua presa in giro da parte di chi dovrebbe condannare QUESTI GRAVI REATI. Poi leggi che su 78 sanguisughe ne viene licenziato solo uno e capisci che è tutto tempo sprecato.

    0
    0
  7. La Sig.ra Crocè come altri tacciono, se intervistati rilasciano dichiarazioni ipocrite, false e di comodo, sanno cosa succede nella pubblica amministrazione grazie ai loro iscritti, sostenitori, quindi è tutta una grossa presa in giro, se poi ci mettiamo che coinvolti stuoli di Avvocati , chi più o meno validi, riescano a far scattare la prescrizione ( i giudici ringraziano)si evince la buffonata messa in piedi solo l’1/1000 paga se poi realmente pagano………..?

    0
    0
  8. La Sig.ra Crocè come altri tacciono, se intervistati rilasciano dichiarazioni ipocrite, false e di comodo, sanno cosa succede nella pubblica amministrazione grazie ai loro iscritti, sostenitori, quindi è tutta una grossa presa in giro, se poi ci mettiamo che coinvolti stuoli di Avvocati , chi più o meno validi, riescano a far scattare la prescrizione ( i giudici ringraziano)si evince la buffonata messa in piedi solo l’1/1000 paga se poi realmente pagano………..?

    0
    0
  9. Devo, necessariamente, una volta tanto, dissentire e spezzare una lancia a favore dei Messinesi. i cosiddetti “furbetti del cartellina” o assenteismo che si voglia, non è un vizietto solo messinese, anzi potremmo dire che accomuna l’Italia intera: da Sanremo e Siracusa ed i recenti e meno recenti fatti di cronaca, lo dimostrano. Perciò cara redazione di Tempostretto, rivedete il titolo.

    0
    0
  10. Devo, necessariamente, una volta tanto, dissentire e spezzare una lancia a favore dei Messinesi. i cosiddetti “furbetti del cartellina” o assenteismo che si voglia, non è un vizietto solo messinese, anzi potremmo dire che accomuna l’Italia intera: da Sanremo e Siracusa ed i recenti e meno recenti fatti di cronaca, lo dimostrano. Perciò cara redazione di Tempostretto, rivedete il titolo.

    0
    0
  11. abolizione immediata degli enti locali , non c’è altra soluzione .

    0
    0
  12. abolizione immediata degli enti locali , non c’è altra soluzione .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007