Operazione Beta2, parlano gli arrestati e riempiono fiumi di verbali - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Beta2, parlano gli arrestati e riempiono fiumi di verbali

Alessandra Serio

Operazione Beta2, parlano gli arrestati e riempiono fiumi di verbali

martedì 30 Ottobre 2018 - 18:36
Operazione Beta2, parlano gli arrestati e riempiono fiumi di verbali

Soltanto Maurizio Romeo ha scelto il silenzio. I fratelli Lipari, l'architetto Parlato e Giuseppe La Scala hanno invece risposto all'interrogatorio del giudice che li ha rinchiusi in carcere. Domani tocca agli indagati a piede libero.

Hanno scelto tutti di rispondere gli indagati dell’operazione Beta 2 rinchiusi nel carcere di Gazzi. Soltanto Maurizio Romeo, difeso dagli avvocati Nino Cacia e Tancredi Tracló, ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere ed ha fatto scena muta, riservandosi di guardare prima tutte le carte dell'inchiesta che lo riguardano. Hanno parlato, invece, i fratelli Antonino e Salvatore Lipari l’architetto di Palazzo Zanca Salvatore Parlato, Ivan Soraci e Giuseppe La Scala. Tutti hanno fornito la loro versione, si sono difesi dall’accusa più grave di associazione mafiosa, hanno ripercorso come hanno conosciuto i fratelli Romeo.

I faccia a faccia sono andati avanti per circa un’oretta ciascuno, tutti hanno rilasciato dichiarazioni e soltanto il contenuto dei loro verbali, ancora da trascrivere, svelerà che cosa hanno effettivamente detto al Giudice che, sulla base delle carte presentate dalla Procura, ha disposto per loro la detenzione in carcere. I difensori impegnati, gli avvocati Roberto Materia, Luigi Gangemi , Antonio De Francesco e Tancredi Traclò aspettano prima di capire se il Giudice per le indagini preliminari, alla luce delle dichiarazioni, vuole aggiustare le misure cautelari.

In particolare nel caso dell’architetto Salvatore Parlato, che è nel frattempo andato in pensione e che non è più in servizio a Palazzo Zanca. La sua decisione non arriverà comunque prima del fine settimana. Domani, infatti, il GIP Salvatore Mastroeni attende per gli interrogatori gli indagati a piede libero, in particolare il noto bookmaker cittadino Eros Nastasi, per il quale la richiesta di arresto avanzata dalla Procura è stata rigettata, il portaborse Sergio Chillè, Nunzio Laganà, e Vincenzo Romeo. Interrogatori per rogatoria, invece, per Giovanni Marano e Michele Spina.

Tag:

Insieme per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007