Pestaggio mortale alla stazione marittima, scagionato il messinese Raffone - Tempostretto

Pestaggio mortale alla stazione marittima, scagionato il messinese Raffone

Alessandra Serio

Pestaggio mortale alla stazione marittima, scagionato il messinese Raffone

mercoledì 18 Aprile 2018 - 01:38

Ridimensionate le accuse nei confronti del giovane che partecipò all'aggressione del 29 luglio 2015 che costò la vita a Mustapha Mandili. Sconto di pena per Carare, condannato per omicidio.

Resta in piedi una sola condanna per l’omicidio di Mustapha Mandili, il marocchino trentacinquenne pestato a sangue con calci pugni la sera del 29 luglio 2015, nei pressi della Stazione Marittima.

La Corte d’Assise d’Appello ha scagionato il messinese Giovanni Raffone dalla più grave accusa di omicidio, mentre in primo grado era stato condannato a 14 anni e 4 mesi, condannandolo soltanto per violenza privata ad un anno ed 8 mesi. Pena ridotta per Bogdan Carare, da 20 anni di carcere a 12, che resta però accusato di omicidio.

E’ questa la decisione dei giudici di secondo grado sulla vicenda che ha visto il trentacinquenne straniero non sopravvivere al pestaggio violentissimo avvenuto alla marittima. Una lite per futili motivi scoppiata all’interno di un bar era poi proseguita all’esterno, dove l’uomo venne accerchiato e picchiato selvaggiamente, anche a colpi di casco. Dopo 10 giorni di agonia, spirò il 9 agosto in ospedale. Le telecamere di sorveglianza consentirono agli investigatori di individuare almeno due degli aggressori.

Impegnati nelle difese gli avvocati Salvatore Silvestro, Marinella Ottanà, Giuseppe Romeo e Rosa Nastasi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007