La voragine di Atm e l'operazione verità sui conti del bel fiore di cartapesta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La voragine di Atm e l’operazione verità sui conti del bel fiore di cartapesta

Rosaria Brancato

La voragine di Atm e l’operazione verità sui conti del bel fiore di cartapesta

domenica 30 Settembre 2018 - 06:49
La voragine di Atm e l’operazione verità sui conti del bel fiore di cartapesta

Sono 33 i milioni di euro i debiti nuovi di zecca accumulati dall'azienda in 5 anni. Parte dell'enorme esposizione deriva dal mancato pagamento dei contributi previdenziali, un comportamento che dovrebbe far arrabbiare tutti e che non è esempio di buona amministrazione. Il servizio è migliorato ma i buchi dei conti sono spaventosi.

La politica indica le priorità, indirizza l’azione su un bisogno piuttosto che su un altro. L’amministrazione agisce sulla base dei numeri, dei conti, delle risorse.

La logica dei numeri può essere fredda, ma è l’unica possibile.

Il caso dell’Atm è esemplare: da fiore all’occhiello si è rivelato un bellissimo fiore di cartapesta. Il servizio è migliorato ma man mano che si guardavano le carte è venuta fuori una voragine. In tanti negli anni scorsi hanno provato a far notare che qualcosa non quadrava, sia tra i consiglieri comunali, come Antonella Russo o Gino Sturniolo, che tra le organizzazioni sindacali, come l’Orsa e Faisal Ugl, che associazioni come CapitaleMessina.

Ma la dimensione reale della voragine si è compresa da luglio in poi, con l’insediamento della nuova amministrazione e dei nuovi vertici di Atm.

Anche i revisori dei conti più volte avevano avvisato i vertici dell’azienda di una situazione drammatica, ma non erano stati ascoltati.

La voragine ha superato i 70 milioni di euro ed ai debiti pregressi se ne sono aggiunti di nuovi. Il che equivale a dire che il servizio è migliorato ma le casse non sono state risanate ed anzi si sono aggiunti nuovi fardelli.

Negli ultimi 5 anni la massa debitoria è RADDOPPIATA passando da 32 milioni e 600 mila a 65 milioni e 600 mila. L’aumento è stato di 33 milioni di euro in 5 anni. Cifra alla quale si deve aggiungere l’azzeramento del capitale sociale, pari ad altri 16 milioni di euro. Il totale fa 50 milioni di euro.

Quel che colpisce è la natura di alcuni debiti.

Quelli tributari erano 2 milioni e 332 mila nel 2012 e sono diventati 12 milioni e 600 (un aumento di oltre il 400%), quelli nei confronti degli istituti previdenziali sono passati da 3 milioni e 200 mila del 2012 a 22 milioni (un aumento del 600%).

In 5 anni non è stato pagato un euro di contributi previdenziali.

Non è stato pagato il mutuo per la sede per 5 anni e neanche l’energia elettrica. Infine ci sono 330 contenziosi con dipendenti e Agenzia delle Entrate.

E’ stato come se una persona andasse in giro con abiti griffati pur avendo il frigorifero vuoto e senza aver pagato neanche una bolletta.

Mi colpisce sapere che un’azienda non ha pagato per 5 anni i contributi previdenziali. Non è indice di buona amministrazione. Ciò accade con gli Enti pubblici perché si sa che alla fine paga la comunità. Il fatto è ancor più grave perché il Comune di Messina è in fase di pre-dissesto, pertanto accumulare debiti pensando di battere cassa a Palazzo Zanca non è sano.

Se un datore di lavoro non paga i contributi previdenziali ai dipendenti commette un reato penale (in alcuni casi si può arrivare anche all’appropriazione indebita), punibile con una sanzione amministrativa (pari al 30% della somma da pagare più gli interessi).

Se un’azienda privata non paga i contributi ai propri lavoratori questi si ribellano, scattano denunce e multe, se non paghi il mutuo della tua casa la banca te la pignora, se non paghi la luce, te la tagliano. Se tutto questo lo fa un’azienda pubblica prima o poi i soldi qualcuno li dovrà sborsare.

Nel caso dell’Atm è il Comune, quindi TUTTI I MESSINESI.

Ecco perché questi numeri dovrebbero allarmare tutti, dai consiglieri comunali ( finora non sono stati approvati i bilanci Atm degli ultimi anni) alle organizzazioni sindacali. Di questi buchi si dovrebbe parlare, un buon padre di famiglia deve partire da qui. Il vero senso di responsabilità oggi è questo: togliere la polvere da sotto il tappeto prima che intossichi di acari tutta la casa. Cinque anni di debiti previdenziali e tributari non pagati sono comportamenti che dovrebbero far arrabbiare tutti.

Stupisce il comportamento dell’ex Dg Foti. A febbraio, nel chiedere più contributi al Comune (50 milioni invece di 37) scrive, pienamente consapevole della sofferenza finanziaria: “è una condizione di perdita economica assolutamente non compensabile dai miglioramenti di efficienza ed efficacia della propria azione gestionale: nessuna Azienda può sostenere una perdita del 50% dei ricavi sulla voce che rappresenta oltre l'80% dei propri ricavi complessivi. Laddove non si creino le condizioni perché la Società possa generare un flusso di cassa da destinare al pagamento dei debiti, difficilmente l'attuale situazione debitoria, alquanto critica, potrà essere sanata”. L’amministrazione Accorinti però non può far fronte all’aumento e a giugno impegna 37 milioni. Nonostante la consapevolezza della gravità dei debiti e delle minori risorse impegnate dalla giunta, l’Atm a luglio procede con l’iter per l’assunzione dei 74 autisti tramite agenzia interinale. C’è una doppia consapevolezza: della situazione critica e dell’assenza di copertura finanziaria.

Dopo aver accumulato 33 milioni di euro di debiti nuovi di zecca in 5 anni si prosegue a spendere.

A proposito del ricorso all’agenzia interinale, ricordiamo che nella Pubblica amministrazione si accede per concorso pubblico e che qualsiasi forma di scorciatoia non garantisce pari opportunità occupazionali. L’inchiesta Terzo Livello (che ha visto indagato De Almagro) ha evidenziato come possa accadere che in questi casi le garanzie di trasparenza si assottigliano e come, per dirla alla Orwell, nella Fattoria degli animali vi sia qualcuno più uguale di altri.

Se servono autisti si faccia un regolare concorso pubblico. Ma servono davvero autisti? E’ normale che in un’azienda di trasporto pubblico che ha 475 dipendenti vi siano 85 amministrativi (quanti ne potrebbe vantare un ministero), 21 inidonei (tra parziali e definitivi), 70 addetti alla sosta (che potrebbero essere riqualificati come autisti) ed una percentuale di beneficiari della Legge 104 pari al 18%?

Al netto della voragine delle casse una riflessione dovrebbe farsi anche su questo.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Ma il parere dei revisori era stato positivo alla fine. Come diavolo è possibile? A cosa serve la loro certificazione allora? Non è possibile che tutto sia avvenuto senza che nessuno se ne accorgesse. Impossibile. Le cose sono due, o la precedente gestione va mandata in blocco in galera o la attuale sta mistificando i dati. Sarebbe giusto che la situazione fosse discussa e sviscerata in consiglio. Possibile che a fronte di una situazione tale il consiglio debba focalizzare la propria attenzione sulla pantomima delle dimissioni?

    0
    0
  2. AZIONE DI RESPONSABILITA’ a Foti, Cacciola Accorinti e a tutti questi millantatori di bassa lega, che scialacquavano con i contributi dei dipendenti.

    0
    0
  3. La stampa messinese evita di narrare la parte più teatrale, e tragica allo stesso tempo, del discorso di DE LUCA, il quale non il sindaco di Rocca Cannuccia ma di una città metropolitana, tredicesimo comune italiano e terza città non capoluogo di regione più popolosa d’Italia.. La parte a cui mi riferisco è la protesta vivace ma composta di alcuni lavoratori ATM assunti tramite una Agenzia Interinale, a cui CATENO, sentendosi minacciato, ha risposto chiedendo con fermezza alla DIGOS di identificarli.. Ieri il sindaco senza consiglieri, status assurdo generato da una legge elettorale degna di una Regione delle banane, qual’è la Sicilia, è stato BRUTALE con tutti i protagonisti del passato, ci sarà lavoro per la Procura e la Corte dei Conti.

    0
    0
  4. Quando scrivo di attacco BRUTALE non mi riferisco soltanto ad Accorinti e Foti, ma anche ai Consiglieri Comunali di allora, ai Revisori dei Conti, come non essere d’accordo con ARCISTUFO, ai vertici della burocrazia comunale, in primis il Ragioniere e Segretario Generale, TUTTI hanno firmato di tutto pur di non andare a casa favorendo il DISSESTO FINANZIARIO, perché carissimi concittadini per una volta siamo sinceri, il Comune di Messina, finanziariamente, DI FATTO, è FALLITO da tempo,; e se ricordate, prima di allontanarmi da TEMPOSTRETTO fui il primo a dubitare dei RICAVI previsti dalla Revisione delle Rendite Immobiliari €20.300.000, e dalla Riforma del Catasto di Renzi, che non ha MAI visto i decreti attuativi, altri €26.300.000.

    0
    0
  5. SIAMO SEMPRE NOI MESSINESI. Nel 2013 al primo turno ACCORINTI il 24,02% mentre la sua LISTA solo 8,2%, seggi 4; al contrario di CALABRO’ che raccolse il 49,94%, mentre le sue 8 LISTE di CentroSinistra il 65,43% e 29 seggi su 40, la maggioranza. Al ballottaggio ACCORINTI il 52,67% mentre CALABRO’ con il 47,3% non fu votato nemmeno da chi votò le sue liste. Ci siamo ripetuti in peggio nel 2018, al primo turno DE LUCA il 19,81%, ZERO consiglieri, chi lo votò scelse altre liste. BRAMANTI il 28,26%, le sue 10 liste di CentroDestra il 38,41% dirottarono il voto verso altri candidati sindaci compreso DE LUCA. Al ballottaggio CATENO lo ha distrutto, lo hanno votato tutti, PD FORZA ITALIA M5S, come si dice CANI E PORCI, intendo politicamente.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007