Valle del Mela, l'assessore Vermiglio: "Il Piano Paesaggistico sarà approvato entro l'anno" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Valle del Mela, l’assessore Vermiglio: “Il Piano Paesaggistico sarà approvato entro l’anno”

Giovanni Passalacqua

Valle del Mela, l’assessore Vermiglio: “Il Piano Paesaggistico sarà approvato entro l’anno”

lunedì 07 Novembre 2016 - 16:00
Valle del Mela, l’assessore Vermiglio: “Il Piano Paesaggistico sarà approvato entro l’anno”

L'assessore regionale ai Beni Culturali ha rassicurato i sindaci del comprensorio, che potranno dunque contare a breve su un importante strumento di tutela ambientale. Le cui prescrizioni ricadranno sugli investimenti pianificati da ESI e A2A

“Il Piano paesaggistico dell’ambito 9 verrà approvato entro la fine dell’anno”. Così l’assessore regionale ai Beni Culturali, Carlo Vermiglio, ha rassicurato gli abitanti della valle del Mela, al termine di una riunione con i sindaci del comprensorio, il capo della segreteria tecnica Nunzio Nastasi e il deputato regionale Nino Germanà. Il Piano Paesaggistico dell’ambito 9 tutela l’equilibrio ambientale della costa tirrenica, sede di un polo di industrie pesanti, in quanto vieta l’insediamento, il potenziamento e l’ampliamento di impianti di produzione che aumentino l’impatto ambientale complessivo.

“Agli otto amministratori oggi presenti ho dato la mia parola: al più tardi entro la fine dell’anno in corso il Piano sarà approvato, nell’interesse di un’area che necessità di riqualificazione e sviluppo” – ha dichiarato ancora Vermiglio. Soddisfatto Germanà, che ha promosso la riunione: “L’assessore ha voluto spendersi in prima persona sulla vicenda, garantendo agli amministratori una sicura risoluzione in tempi certi”.

Non resta dunque che attendere qualche altro mese, dovuto ai tempi burocratici. Nulla in confronto agli anni dell’impasse politica, nei quali il Piano è stato gelosamente custodito in qualche cassetto dell’assessorato; teoricamente, le previsioni del Piano avrebbero dovuto essere operanti in regime di salvaguardia, ma il tema è tuttora dibattuto. La definitiva approvazione da parte dell’assessorato avrebbe ricadute immediate sui piani di investimento di A2A ed ESI, che vorrebbero realizzare rispettivamente un termovalorizzatore di CSS e un progetto sperimentale per la combustione di rifiuti speciali. Il documento prevede infatti che “per contemperare le esigenze socio-economiche con quelle della tutela del paesaggio, nelle more di un piano globale di riconversione e recupero dell’area, è necessario che vengano adottati tutti i possibili accorgimenti per ridurre il carico inquinante e mitigare l’impatto visivo di tali impianti, ed è vietato il potenziamento degli stessi e l’ampliamento delle aree interessate; deve essere prevista la graduale e progressiva eliminazione degli impianti anzidetti e una riconversione produttiva dell’area, che non confligga con la sua naturale vocazione paesaggistica”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007