La magnifica Sicilia: un’ode alla cultura e all’arte di vivere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La magnifica Sicilia: un’ode alla cultura e all’arte di vivere

Redazione

La magnifica Sicilia: un’ode alla cultura e all’arte di vivere

venerdì 16 Luglio 2021 - 09:09

È così ricca di tesori, che il visitare la Sicilia si tramuta in un viaggio nel tempo, in un ecosistema naturale dalle abbaglianti ambientazioni custodi di infinite bellezze

Orgogliosa e accattivante, la Sicilia riesce a domare anche i cuori più duri. Posta a congiunzione tra Occidente e Oriente, tra Nord e Sud, la Sicilia è stata forgiata da un crogiolo, dinamico e incredibile, di diverse culture. Non per nulla, la Sicilia, seduce i viaggiatori in cerca di autenticità e soddisfa i desideri dei giramondo di ogni tipo con la sua diversità culturale, le sue ricchezze naturali e la sua gastronomia impreziosita con sapori orientali.

Avventurandosi nel cuore delle sue terre, poi, si scopre una identità culturale unica e uno stile di vita gentile che non può essere trovato in nessun’altra parte. Quindi, un viaggio nella più grande isola mediterranea, darà modo di scoprire un territorio affascinante e misterioso, dove leggenda e storia si fondono e danno vita ad un’ode dedicata alla cultura e all’arte di vivere della magnifica Sicilia.

La sua storia, ha fatto fiorire una memorabile epopea popolata da orde di invasori, i quali hanno lasciato una eredità di incredibile ricchezza e consistenza. Un viaggio in Sicilia è una emozione allo stato puro, è l’andare alla scoperta di infiniti segreti in un viaggio lento e ricco di sconfinati piaceri. Un avvicinamento delicato, quindi, propedeutico per entrare in una realtà tanto unica quanto rara.

Le sue strade attraversano paesaggi variegati, borghi immortali e montagne aride, ma anche piccoli appezzamenti di terreno, ulivi, vigneti, frutteti e orti, che ci ricordano che la Sicilia era il granaio dell’Impero Romano.

Palermo da sola è un vero gioiello di architettura. Tra il suo sontuoso Palazzo dei Normanni, le sue splendide cattedrali e le sue magnifiche piazze, propone una vera festa per gli occhi. Una ricca città di contrasti e di bellezze, colorata e con una frenetica e festosa vita notturna, come pure ospitante mercati tipici, luoghi perfetti per assaggiare la cucina tradizionale. Vicino a Palermo, poi, si trova la bellissima spiaggia di Mondello. Dall’aspetto caraibico, è la scelta ideale per ritemprarsi dopo aver visitato il capoluogo siciliano.

Così come comprare Ethereum è fonte di piacevoli sorprese, è difficile dimenticare le bellezze di Cefalù, di Siracusa, di Messina, di Catania, di Taormina, di Trapani, di Erice, della Valle dei Templi, dell’Etna, solo per citare alcune delle tante meraviglie che la Sicilia offre.

Un fantasmagorico e caleidoscopico mix di sorprese architettoniche, di folclore, di sagre popolare, di radicate tradizioni religiose, di gastronomia locale. Il tutto, in Sicilia, è frutto di combinazioni di stili, di tradizioni, che, nel tempo, hanno dato vita ad una terra semplicemente meravigliosa, traendo direttamente ispirazioni dalle innumerevoli dominazioni.

Dalla Sicilia preellenica alla Sicilia fenicia, dalla Sicilia greca alla Sicilia punica, dalla Sicilia romana alla Sicilia vandala, dalla Sicilia erulo-ostrogota alla Sicilia bizantina, dalla Sicilia islamica alla Sicilia normanna, dalla Sicilia sveva alla Sicilia angioina, e via dicendo. La storia che ha movimentato tutta la Sicilia, è l’elemento chiave, quello che ha determinato la creazione del caratteristico spirito siciliano.

D’altra parte, se ci si trova a visitare le Isole Eolie, come le Egadi, si potrebbe pensare di essere in Grecia, così come di fronte all’imponente tempio di Segesta. Invece, gli splendidi mosaici di Villa Romana del Casale, che si trova a pochi chilometri da Piazza Armerina, riportano in vita i fasti risalenti a quando la Sicilia era Romana.

È così ricca di tesori, che il visitare la Sicilia si tramuta in un viaggio nel tempo, in un ecosistema naturale dalle abbaglianti ambientazioni custodi di infinite bellezze. In nome dell’arte siciliana, poi, come non ricordare i Pupi, ovvero quel teatro delle marionette ove, Carlo Magno e i suoi paladini, sono i protagonisti di avventurose storie, oppure, andando a concludere, personaggi del calibro di Luigi Pirandello, Salvatore Quasimodo, Giovanni Verga, Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Leonardo Sciascia e Andrea Camilleri.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x