L'emergenza sfratti in una Messina in affanno e i nostri quesiti a Patrimonio Spa - Tempostretto

L’emergenza sfratti in una Messina in affanno e i nostri quesiti a Patrimonio Spa

Marco Olivieri

L’emergenza sfratti in una Messina in affanno e i nostri quesiti a Patrimonio Spa

Tag:

domenica 23 Ottobre 2022 - 18:05

Per l'Unione inquilini si rischia uno "tsunami sociale"

MESSINA – Non bastassero il caro bollette e l’emergenza occupazionale, in una Messina che ha visto negli anni chiudere troppi negozi, l’emergenza sfratti aumenta le preoccupazioni sociali. I timori di una città perennemente in crisi e che spera d’intravedere elementi per un’inversione di tendenza. In questi giorni è stato rinviato uno sfratto in via Padova grazie all’intervento dell’Unione inquilini (nella foto). E stiamo attendendo importanti risposte dai vertici di Patrimonio Spa per comprendere quali soluzioni siano fattibili nel breve periodo.

Sottolinea Clelia Marano, impegnata in questo ambito: “La cartina di tornasole sullo stato di salute delle politiche abitative del Comune di Messina è la graduatoria per l’assegnazione degli alloggi Erp, Edilizia residenziale pubblica, istituita nel 2018. Alcune famiglie sono ancora in attesa di una casa popolare. In questa fase di crisi abitativa ed economica, acuita dal caro vita, è necessario che gli enti di prossimità si impegnino al fine di promuovere politiche strutturali sulla casa”.

Un altro sfratto è stato rinviato in via Brenta e, secondo l’Unione inquilini, “si rischia lo tsunami sociale“: “Mancano piani di edilizia residenziale pubblica e azioni politiche per il diritto all’abitare. Non possiamo essere l’unico presidio sociale, assieme al volontariato cattolico, a fronteggiare il dilagare della crisi abitativa in città, soprattutto in un periodo di crisi economica ed energetica.

I nostri quesiti ai vertici di Patrimonio Spa

Lo scorso aprile il presidente di Patrimonio Messina Spa, e ora in procinto di giurare come assessore, Roberto Cicala, annunciava a Tempostretto la “consegna dei lavori per la creazione dei fascicoli degli immobili Erp, Edilizia residenziale pubblica, appartenenti al Comune”. 1324 alloggi distribuiti in quindici lotti della città, con “l’obiettivo di rispondere ai problemi strutturali nell’affrontare l’emergenza casa. Il tutto in linea con i compiti del nostro organismo: la gestione, dismissione e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale”.

Sei mesi dopo stiamo cercando di avere risposta dai vertici della partecipata, ora in fase di nuove nomine e riorganizzazione, partendo da questi cinque quesiti. Ecco cinque punti cruciali per rispondere alla domanda sociale e al problema abitativo.

  1. Dopo il blocco degli sfratti, il problema è riemerso e la situazione sul piano sociale potrebbe diventare esplosiva… Come valutate il problema?
    2) RIguardo ai lavori per la creazione dei fascicoli degli immobili Erp, Edilizia residenziale pubblica, appartenenti al Comune, il lavoro dei tecnici è terminato? E qual è l’esito del censimento degli occupanti e l’aggiornamento contabile della locazione?
    3) Che passi in avanti ci sono nella gestione, dismissione e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale?
    4) Con riferimento alle 1324 abitazioni distribuite in quindici lotti della città, che prospettive ci sono, in tempi certi, per chi ha diritto alla casa?
    5) Che situazione avete trovato in relazione a morosi e abusivi nel settore degli immobili comunali? Attendiamo le risposte.

Articoli correlati

Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007