Non solo Fsc: com'è lontana la Regione da Messina e provincia

Non solo Fsc: com’è lontana la Regione da Messina e provincia

Marco Olivieri

Non solo Fsc: com’è lontana la Regione da Messina e provincia

mercoledì 29 Maggio 2024 - 07:29

La protesta dei 48 sindaci, in relazione al Fondo di sviluppo e coesione, conferma la marginalità politica messinese. Ma i nostri deputati dove sono?

MESSINA – Nulla di nuovo sotto il sole. L’indignazione di 48 sindaci della provincia di Messina per l’esclusione dei loro Comuni dai finanziamenti previsti dal Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc) 2021/2027 può davvero suscitare sorpresa? il cuore della protesta risiede nella “distribuzione iniqua” dei fondi: solo il 40% dei Comuni della provincia di Messina riceverà finanziamenti, mentre il restante 60% è stato ignorato. Questo, nonostante i progetti presentati fossero già esecutivi e cantierabili. Anche la Città metropolitana di Messina, unica tra le tre metropoli siciliane, non ha ricevuto alcun finanziamento, in contrasto con quanto avvenuto per Palermo e Catania.

Così ora i 48 primi cittadini, compreso il sindaco metropolitano Federico Basile, esprimono il loro dissenso alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni e al presidente della Regione siciliana Renato Schifani, che hanno firmato l’accordo. Ci sarà tempo per analizzare i progetti finanziati e quelli esclusi. Ma, sul piano politico, si conferma la marginalità del territorio messinese. La Regione appare lontana, distratta, preda di meccanismi burocatici sui quali la politica non interviene con la necessaria energia.

Dove sono i nostri deputati regionali?

Tutto questo chiama in causa la nostra deputazione regionale, che spesso appare altrettanto distratta. L’attività dell’Ars emerge quando si votano i classici emendamenti con i quali i parlamentari “curano” i loro elettorati. Ma manca una visione più alta e generale dei problemi che impediscono un funzionamento più efficiente della macchina burocratica e dell’attività parlamentare. Si continua a volare basso. E così, senza generalizzare, mentre i nostri rappresentanti non brillano per capacità d’incidere sul territorio, si scopre ancora una volta quanto siano marginali Messina e la sua provincia.

Ma un’analisi su come cambiare in profondità l’istituzione regionale, la struttura e l’attività parlamentare nessuno la fa. I partiti latitano e i deputati sono impegnati, ma non sono tutti uguali, per carità, a finanziare la sagra del coccodrillo jonico o nebroideo o tirrenico del paesino così tanto amato. Per poi scoprire, ma va, che non “ci calcola nessuno”.

Articoli correlati

5 commenti

  1. Hanno visto in Regione che il vento è cambiato a Messina e in Provincia e si regolano di conseguenza, purtroppo il dissenso non paga,vedi Regione Campania, o obbedisci o sei fuori,questa è la regola.Solo la Democrazia ci salverà, provare per credere, a votare si deve andare sempre e vedete che la minoranza del paese non vincerà mai.

    11
    6
  2. La politica regionale non è distratta. Si è sempre disinteressata di Messina, e i nostri politici hanno sempre fatto finta di nulla.
    Potreste chiedere al sen. Germania,, attivissimo politico sempre in difesa del territorio (a Palermo ci sono amici suoi, no?)

    8
    0
  3. Basile vallo a raccontare al tuo capo. Consiglio: vai a lavorare che forse è molto meglio buona giornata

    1
    1
  4. Un applauso a quelli che votano fratelli d’Italia e lega a Messina

    8
    3
  5. Anche Forza Italia Diego.
    Applausone!!
    In motivo in più per cassare il buon Germanà e soci.

    6
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007