Treno fermo in galleria, focus sulla sicurezza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Treno fermo in galleria, focus sulla sicurezza

Treno fermo in galleria, focus sulla sicurezza

martedì 23 Settembre 2014 - 10:57
Treno fermo in galleria, focus sulla sicurezza

Il segretario dell'Orsa Trasporti, Michele Barresi, lancia l'allarme: "Tante innovazioni ma il sistema di comunicazione è ancora carente"

Mentre il resto d’Europa viaggia ad alta velocità, in Sicilia accade che un treno resti bloccato a lungo in una galleria per un guasto senza poter chiedere aiuto. E’ successo ieri mattina nella galleria peloritana ad un convoglio Palermo Messina. Rispetto a quanto diffuso stamane dalla stampa che se n’é inizialmente occupata, l’episodio ha in realta’ contorni molto meno allarmanti, ma resta comunque preoccupante, soprattutto perché non si tratta di un episodio isolato.

Il fatto: ieri mattina il convoglio, indirizzato su un binario “illegale”, si è fermato per un guasto in galleria, ad una manciata di chilometri dalla stazione di Messina. Nessun reale pericolo per i passeggeri, meno di un centinaio, perche’ pur essendo stato instradato su un binario opposto a quello del regolare “senso di marcia”, per uscire dai termini tecnici, si trattava comunque di una procedura autorizzata, consueta, e quindi in sicurezza. Nessun altro treno, cioè, sarebbe mai potuto arrivare dalla direzione opposta, rischiando la collisione. In galleria, il convoglio ci sarebbe rimasto 50 minuti. Abbastanza perché i passeggeri sfiorassero il panico, al buio e senza possibilità di comunicare, visto che i cellulari non funzionavano.

Senza alcuna possibilità, inoltre, di uscire dai vagoni in sicurezza, visto che neppure il macchinista ha potuto chiedere aiuto, se non dopo diverso tempo. Non è riuscito a comunicare col personale di stazione poiché anche il suo cellulare non aveva campo, non é riuscito a utilizzare i telefoni fissi della galleria poiché erano tutti guasti.

Dopo qualche ora i passeggeri sono comunque arrivati in stazione sani e salvi, se pur spaventati e parecchio arrabbiati.

L’episodio, come detto, non è nuovo: soltanto qualche settimana addietro la stessa cosa è accaduta sulla tratta Messina-Catania. Anche in quel caso, fuori uso i cellulari perché in galleria, il personale non ha trovato un solo telefono fisso di servizio funzionante, e anche in quel caso nessuno alla stazione successiva si è preso la briga di verificare perché il treno, che era arrivato in orario fino alla stazione precedente, non si vedesse ancora, dopo molti minuti.

“L’effettiva ricostruzione è ancora parziale – spiega il segretario dell’Orsa Trasporti Michele Barresi – quindi i condizionali sono d’obbligo. Certo, il problema della manutenzione complessiva del sistema ferroviario siciliano resta, visto che a quanto pare i telefoni fissi funzionano poco. Per molto versi sono state introdotte innovazioni tecnologiche importanti in tema di manutenzione e sicurezza. Per altri, evidentemente, qualcosa nell’apparato delle comunicazioni va rivisto. Se si comunica tramite cellulari, é ovvio che dove i cellulari non funzionano, anche la sicurezza diminuisce. Qualcosa non è stato gestito bene, a quel punto, anche per quel che riguarda l’assistenza ai passeggeri, che non hanno potuto ricevere alcun aiuto dall’esterno”.

Insomma, malgrado le innovazioni tecnologiche, prendere un treno in Sicilia è sempre di più come giocare un terno al lotto, non soltanto per quel che riguarda la puntualità.

Tag:

4 commenti

  1. Bei tempi quando il compartimento ferroviario era gestito a Messina…….decine di treni dalla Sicilia avevano destinazioni per tutta l’Italia e per i grandi nodi europei…..e viceversa…..
    Oggi la Sicilia ha un carentissimo servizio ferroviario locale…..che brilla per inefficienza…..da quando il compartimento ferroviario da Messina e’ stato trasferito ad un’altra sede….il servizio e’ crollato verticalmente, si e’ dato un contentino ai collegamenti locali di Catania e Palermo….distruggendo il movimento ferroviario di passeggeri e merci verso i collegamenti continentali….cosi’ mentre l’Europa viaggia ad alta velocità ci vogliono otto ore per raggiungere Messina da Trapani.,…..
    Le navi sullo Stretto sono “targate” Catania, il movimento ferroviario lo gestisce Palermo…..risultato……morte dei servizi in Sicilia…inefficienza totale…..Si bei tempi quando si gestiva a Messina…..i servizi erano efficienti, traghetti frequenti ….e trasportavano carrozze dirette ovunque…..oggi il nulla……

    0
    0
  2. Bei tempi quando il compartimento ferroviario era gestito a Messina…….decine di treni dalla Sicilia avevano destinazioni per tutta l’Italia e per i grandi nodi europei…..e viceversa…..
    Oggi la Sicilia ha un carentissimo servizio ferroviario locale…..che brilla per inefficienza…..da quando il compartimento ferroviario da Messina e’ stato trasferito ad un’altra sede….il servizio e’ crollato verticalmente, si e’ dato un contentino ai collegamenti locali di Catania e Palermo….distruggendo il movimento ferroviario di passeggeri e merci verso i collegamenti continentali….cosi’ mentre l’Europa viaggia ad alta velocità ci vogliono otto ore per raggiungere Messina da Trapani.,…..
    Le navi sullo Stretto sono “targate” Catania, il movimento ferroviario lo gestisce Palermo…..risultato……morte dei servizi in Sicilia…inefficienza totale…..Si bei tempi quando si gestiva a Messina…..i servizi erano efficienti, traghetti frequenti ….e trasportavano carrozze dirette ovunque…..oggi il nulla……

    0
    0
  3. SCUSATE la mia ignoranza, ma non si fa altro che parlare di internet tramite la linea elettrica, Capisco che la linea dei treni sarà più complicata da gestire, ma è mai possibile che in una galleria lunga come questa non c’è un sistema wi-fi di allarme in questo tempo?
    Questo divrebbe essere previsto ancor prima che si verifichi qualche … chiamiamolo “disguido”.
    Addirittura credo sia possibile seguire il treno passo per passo ormai. Ma davvero si sta giocando così al ribasso con la sicurezza ed il progresso tecnologico?

    0
    0
  4. SCUSATE la mia ignoranza, ma non si fa altro che parlare di internet tramite la linea elettrica, Capisco che la linea dei treni sarà più complicata da gestire, ma è mai possibile che in una galleria lunga come questa non c’è un sistema wi-fi di allarme in questo tempo?
    Questo divrebbe essere previsto ancor prima che si verifichi qualche … chiamiamolo “disguido”.
    Addirittura credo sia possibile seguire il treno passo per passo ormai. Ma davvero si sta giocando così al ribasso con la sicurezza ed il progresso tecnologico?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x