“20 kg di cannoli per i poveri” donati da pasticceri siciliani a papa Francesco - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“20 kg di cannoli per i poveri” donati da pasticceri siciliani a papa Francesco

Giovanni Passalacqua

“20 kg di cannoli per i poveri” donati da pasticceri siciliani a papa Francesco

venerdì 13 Giugno 2014 - 16:24
“20 kg di cannoli per i poveri” donati da pasticceri siciliani a papa Francesco

Dovevano essere pezzo unico, ma su richiesta del Santo Padre ne sono stati preparati tanti più piccoli, così da poterli distribuire. A confezionarli la FAPS – Federazione Artisti Pasticceri Sicilia -, associazione di valorizzazione delle tradizioni dolciarie siciliane

“Tre mesi fa vidi una foto di papa Francesco, una come tante. Decisi di scrivergli, e da lì è nata l'idea”. Francesco Radicchio, presidente della FAPS – Federazione Artisti Pasticceri Siciliani – è uno dei pasticcieri che hanno confezionato tanti piccoli cannoli ripieni di pignolata da offrire al Santo Padre. “La nostra intenzione era realizzare un maxi-cannolo da 20 kg, degno del Papa; è stato lui stesso a chiederci di prepararne tanti, ma più piccoli, così da poterli donare ai più bisognosi. E noi ci siamo felicemente adeguati”. La FAPS si è avvalsa dell'esperienza de La Capricciosa, laboratorio artigianale sito a Fondachello Valdina, in cui lo stesso Radicchio lavora insieme al collaboratore Giuseppe Scattarreggia, della pasticceria di Enzo Catania, di Fondachelli Fantina, e del bar D'Angelo, storica pasticceria di Monforte San Giorgio, fondata nel 1932.

Nella risposta del papa c'era anche l'invito a partecipare all'udienza di mercoledì 11 maggio a San Pietro. “Devo ringraziare padre Gianfranco Centorrino – arciprete di San Pier Niceto, ndr -: “Senza la sua intermediazione non avrei saputo cosa fare. Grazie a lui ho potuto consegnare direttamente a Francesco i cannoli e scambiarci qualche parola. Ha apprezzato molto il gesto e ha detto che ci rivedremo presto. Io gli ho chiesto semplicemente di pregare per noi, e gli ho donato una targa e il mio cappello da chef”.

La FAPS è un'associazione che si propone di valorizzare le grandi tradizioni pasticciere siciliane, non soltanto attraverso corsi di formazione, ma anche grazie a iniziative che coinvolgano gli artigiani del gusto e li presentino ad un pubblico sempre disposto a spendere per la buona cucina. “E' stata dura organizzarsi, ma ne è valsa la pena. Qualcuno pensava di partecipare al progetto per puro opportunismo pubblicitario, ma noi non apprezziamo questi comportamenti. Facciamo il possibile per aiutare le tante persone che, nel nostro comprensorio, non hanno letteralmente da mangiare. Tutto questo non ha senso se è fatto per pubblicizzarsi. La gastronomia è legata all'esistenza stessa dell'uomo, e ne condiziona la qualità. Un pasto non può essere buono se non è buono chi lo prepara”.

Giovanni Passalacqua

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x