Resa dei conti Zingaretti-Renzi: Faraone non è più segretario siciliano Pd - Tempo Stretto

Resa dei conti Zingaretti-Renzi: Faraone non è più segretario siciliano Pd

Rosaria Brancato

Resa dei conti Zingaretti-Renzi: Faraone non è più segretario siciliano Pd

sabato 20 Luglio 2019 - 07:01
Resa dei conti Zingaretti-Renzi: Faraone non è più segretario siciliano Pd

La commissione nazionale del Pd accoglie i ricorsi e annulla l'elezione del plenipotenziario di Renzi in Sicilia

La prima mossa del nuovo corso Pd è in Sicilia e punta dritta a chi è stato il luogotenente di Renzi nell’isola: Davide Faraone. Il responso della Commissione nazionale di garanzia sulla controversa elezione di Faraone a segretario regionale è arrivato e comporta l’annullamento di quella elezione. Davide Faraone non è più segretario regionale del Partito democratico. La commissione nazionale di garanzia Dem ha accolto i ricorsi presentati dai rappresentanti della mozione Zingaretti, che in Sicilia aveva schierato Teresa Piccione. L’ex deputata dopo una serie di polemiche ha ritirato la candidatura pochi giorni prima delle primarie, denunciando irregolarità nella procedura e nella presentazione delle liste. Di fatto Faraone è stato eletto perché è rimasto l’unico candidato, ma sulla sua elezione pendevano appunto i ricorsi.

Nei prossimi giorni arriverà un commissario che sarà scelto da Zingaretti ma a cascata le conseguenze di questa decisione saranno su tutto il Pd siciliano da tempo in fibrillazione.

Da “ex segretario regionale” Faraone ha avvisato i suoi fedelissimi: “Mi hanno appena commissariato. Ci abbiamo almeno provato a cambiare il Pd in Sicilia”.

L’annullamento dell’elezione di un renziano di ferro quale Faraone è la prima resa dei conti tra Zingaretti e Renzi, ma nell’isola s’innesca in uno scontro tra anime che non sono mai riuscite a trovare una sintesi, men che mai alla vigilia di competizioni elettorali al punto che la formazione delle liste diventata terreno di battaglia e di conseguenza anche terreno fertile per successivi tradimenti nelle urne.

I renziani nei mesi scorsi hanno perso in Sicilia anche il prezioso alleato di Sicilia Futura, considerato per la verità più portatore d’acqua che risorsa da valorizzare.

Adesso i giochi sono apertissimi e c’è chi già annuncia la sua candidatura alla segreteria regionale.

« La commissione di garanzia nazionale del Pd ha accolto il mio e altri ricorsi, annullando il congresso regionale farsa dello scorso inverno- scrive Antonio Ferrante-. Già lo scorso aprile, certo delle mie ragioni, avevo annunciato la mia candidatura a segretario regionale del Pd, nello scetticismo generale. Oggi mi metto a disposizione del commissario che verrà indicato dalla segreteria nazionale.Da oggi apriamo una fase nuova e chiudiamo con i patti delle seppie, gli ammiccamenti a Forza Italia e le stanze del potere chiuse ermeticamente al popolo. Da oggi il Pd è casa dei siciliani. Nessuno potrà più togliercela».

A Messina nei giorni scorsi la direzione del partito si era conclusa con un “congelamento” della situazione in attesa dei risvolti, ed è probabile che si procederà con un Comitato che dia spazio a tutte le correnti per arrivare ad un Congresso che a questo punto appare più lontano.

Rosaria Brancato

Tag:

5 commenti

  1. Donato solimena 20 Luglio 2019 09:32

    Tutti contro renzi che voleva cambiare le cose ma i marpioni hanno vinto ancora

    4
    3
  2. Donato solimena 20 Luglio 2019 09:37

    Vuol dire che voteremo lega che vuole la distruzione del sud ce lo meritiamo visto la manifesta inferiorità mentale

    0
    3
  3. La Rovina del PD è la presenza fluttuante dei comunisti radical chic, che sono come la gramigna (non muoiono mai) e sono peggio dei democristiani della prima ora, in quanto quando manca la sedia sono sempre prontissimi a fare un’ altra lista…Bertinotti D’ Alema Bersani ACCORINTI che prima della sua elezione era con sinistra ecologia e libertà SEL, e alleato con il PD, dopo e’ scappato insieme ai suoi compagni e si sono inventati CAMBIAMO MESSINA DAL BASSO, ed hanno infinocchiato pure gli elettori moderati e di destra…..l’ Italia ha poche speranze perchè gli uomini di una volta non esistono più….per il resto: RESISTENZA DEMOCRATICA

    0
    0
    1. la rovina del PD è che ci sono troppi intellettuali che sono convinti che il mondo gira secondo quanto è scritto nei libri . Si fossero affacciati alla finestra ( metaforicamente parlando ) per vedere come è adesso la realtà del paese da nord a sud , sicuramente avrebbero pensato di più ai disoccupati italiani e di meno agli immigrati .

      0
      0
    2. Un po’ contraddittorio il Suo pensiero. Accorinti è un radical chic o un voltagabbana?

      0
      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007