De Luca è un solista. Se affidasse ruoli chiave ai giovani talenti emigrati? - Tempostretto

De Luca è un solista. Se affidasse ruoli chiave ai giovani talenti emigrati?

Rosaria Brancato

De Luca è un solista. Se affidasse ruoli chiave ai giovani talenti emigrati?

martedì 27 Novembre 2018 - 09:59
De Luca è un solista. Se affidasse ruoli chiave ai giovani talenti emigrati?

Il sindaco è solista e gli piace esserlo ma la vera rivoluzione culturale sarebbe mettere nei ruoli chiave per lo sviluppo giovani talenti emigrati, spingendoli a tornare.

Dal risanamento al Piano di riequilibrio dai rifiuti alle scuole passando per Atm e servizi sociali, c’è un tratto che ha caratterizzato questi primi mesi di amministrazione: l’accentramento delle dichiarazioni e delle decisioni in mano al sindaco De Luca.

E’ apparso evidente che De Luca è un solista e gli piace esserlo, difficilmente lascia spazi ad altri, numeri 2 oppure 3. Ogni cosa deve essere tenuta sotto controllo.

Anche Accorinti era un solista, ma in modo diametralmente opposto, a lui piaceva essere il testimonial dell’amministrazione. A De Luca piace essere l’uomo solo al timone.

Così Messina continua ad essere divisa in tifoserie, i fan club dei pro e i fan club dei contro.

Ma adesso, ottenute le vittorie in Consiglio comunale con le approvazioni degli atti che costituiscono le fondamenta di quel progetto che De Luca intende portare avanti non può più fare tutto da solo. Ha una squadra di assessori e di uomini fidati nelle partecipate ma deve iniziare ad aprirsi.

Messina, e questo è stato un tema che ha unito tutti i candidati sindaci in primavera, paga l’amara realtà di nuove generazioni che nascono con la valigia in mano. Finiti gli studi superiori, o al più l’Università, lasciano Messina, che diventa una città sempre più “per vecchi”.

Centinaia di talenti, che frattanto sono pure diventati “maturi”, vengono valorizzati altrove, in Italia e nel mondo. Migliaia di cervelli che rientrano solo per le vacanze e poi, di anno in anno, non rientrano neanche più perché magari sono i genitori a seguirli.

Resta una città con l’amaro in bocca di potenzialità mai sfruttate, con l’indignazione di chi si è visto passare davanti il raccomandato di turno, il figlio di, l’amico di.

Resta una città che sa vivere solo di pubblico e non immagina di poter contare sulle proprie forze, una città di dipendenti pubblici e di pensionati.

Allora se davvero vuole cambiare dalle fondamenta Messina se davvero vuole fare una rivoluzione culturale perché non mettere in ruoli chiave per le decisioni che guardano allo sviluppo, proprio quei giovani (e un po' meno giovani) talenti che hanno oltrepassato lo Stretto? Non sappiamo quanti di questi vorranno tornare, ma chissà, il sogno segreto di poter veder crescere la propria terra li accomuna tutti.

Se i partiti e la politica non è riuscita a fare quel doveroso ricambio generazionale che Messina merita, questa potrebbe essere l’occasione giusta. Ci sono 5 anni davanti.

Tag:

2 commenti

  1. De Luca è totalmente inadatto al ruolo di sindaco di Messina. Quale mente pensante può ritenere possibile la gestione della tredicesima città d’Italia con una tale concentrazione di competenze in una unica figura? Si è compreso sin dall’inizio che la sua incapacità cronica nel delegare avrebbe creato vuoti di competenza e di gestione. La capacità di scegliere i propri collaboratori e di delegare i compiti è una caratteristica di chi sa gestire i problemi. Dimmi chi scegli e ti dirò chi sei. Ma se non scegli o non lasci fare a nessuno, allora chi diavolo sei?

    0
    0
  2. Ma Rosaria Brancato, ci credi veramente?
    Ma chi è così pazzo da tornare a Messina per mettersi a disposizione non della comunità ma di un personaggio egocentrico e volgare e dalla micro visione paesana?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007