Tariffe comunali sul suolo pubblico alle stelle, il Cga dà ragione a due commercianti messinesi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tariffe comunali sul suolo pubblico alle stelle, il Cga dà ragione a due commercianti messinesi

Tariffe comunali sul suolo pubblico alle stelle, il Cga dà ragione a due commercianti messinesi

mercoledì 05 Ottobre 2016 - 10:28
Tariffe comunali sul suolo pubblico alle stelle, il Cga dà ragione a due commercianti messinesi

Secondo l’avvocato Delia, con l’ordinanza emessa dal Consiglio di giustizia amministrativa si evidenzia l'illegittimità della scelta del Comune di imporre le nuove tariffe anche a chi aveva sottoscritto i contratti di occupazione prima degli aumenti del 2011

Il Cga dà ragione a due commercianti messinesi che stanno portando avanti una battaglia legale contro le esose tariffe sul suolo pubblico applicate dal Comune di Messina . Il Consiglio di giustizia amministrativa ha infatti sospeso la sentenza del T.A.R. Catania con cui era stata ritenuta legittima la scelta Palazzo Zanca di imporre le nuove tariffe a chi aveva sottoscritto i contratti di occupazione prima degli aumenti decisi nel 2011 dall’allora commissario straordinario Luigi Croce.

A ripercorrere la vicenda è il legale dei due commercianti, l’avvocato Santi Delia: «Le concessioni di suolo pubblico – spiega – erano state concesse a molti commercianti, tra cui i protagonisti della vicenda, tra il 2008 e il 2010 a tariffe in perfetta media nazionale. Circa 10.000 euro l'anno per l'occupazione di una centinaio di metri quadri in zona centrale. Nel 2011, tuttavia, con l'arrivo della gestione commissariale, le tariffe vengono triplicate, per circa 40 mq la somma richiesta sale a euro 10512. A Catania in zona centrale vengono richiesti 2144 euro. L'aumento – commenta Delia – è spropositato tanto che a Roma, solo per le zone di pregio come il Colosseo, si arriva a pagare 11.500 circa. A Messina quella tariffa, invece, si paga anche nei pressi della zona dello Stadio San Filippo».

Come detto, il Tar di Catania aveva rigettato il ricorso nonostante il C.G.A. avesse, già in fase cautelare, evidenziato spunti di fondatezza dell'azione, ma la situazione è stata ribaltata nei giorni scorsi , quando è arrivato il provvedimento del giudice d'appello sulla sospensione della sentenza .

Secondo l’avvocato Delia, con questo provvedimento «in estrema sintesi , si evidenzia l'illegittimità della scelta del Comune di imporre le nuove tariffe anche a chi aveva sottoscritto i contratti di occupazione in precedenza».

Il caso delle tariffe sul suolo pubblico è stato seguito anche dall’avvocato Rosario Cannata, che – come chiarisce l’avvocato Delia -«ha curato i giudizi e i complessi raffronti tariffari con le altre realtà di Sicilia, Roma, Napoli e Milano chiedendo se, davvero, il suo di Messina vale quanto quello di Piazza di Spagna».

Tag:

Insieme per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. NON PARLO DELL’ARTICOLO, MA ESCLUDENDO EVENTUALI “PORTOGHESI” I SOLDI DI QUESTO TRIBUTO DI POCO IMPORTO O DI MOLTO, MA SE IL COMUNE NON RIPAGA CIO’ CHE DEVE ALLA CITTADINANZA ONESTA CHE PAGA IL TRIBUNTO, TUTTO CIO’ E’ ILLEGITTIMO. SEMPLIFICO IO CITTADINO PAGO UNA QUALSIASI IMPOSTA, TASSA O ALTRO SE NON HO NULLA NON DEVO PIU’ PAGARE O MEGLIO AVERE IL RIMBORSO. NON PENSO CHE QUALSIASI TRIBUTO O IMPOSTA DI UNA QUALSIASI CITTA’ ITALIANA CHE NON RICEVE NULLA IN CAMBIO, IL CITTADINO E’ TRATTATO COME FANTOZZI QUANDO VIAGGIA IN AEREO, MI PARE. IO PAGO CON SOLDI VERI E ONESTI E TU RICAMBI CON LAVORI E SERVIZI ONESTI E RIFINITI MUNICIPIO, ALTRIMENTI RESTITUISCI I SOLDI CHE TI HO DATO PER QUEL SERVIZIO PUBBLICO.

    0
    0
  2. NON PARLO DELL’ARTICOLO, MA ESCLUDENDO EVENTUALI “PORTOGHESI” I SOLDI DI QUESTO TRIBUTO DI POCO IMPORTO O DI MOLTO, MA SE IL COMUNE NON RIPAGA CIO’ CHE DEVE ALLA CITTADINANZA ONESTA CHE PAGA IL TRIBUNTO, TUTTO CIO’ E’ ILLEGITTIMO. SEMPLIFICO IO CITTADINO PAGO UNA QUALSIASI IMPOSTA, TASSA O ALTRO SE NON HO NULLA NON DEVO PIU’ PAGARE O MEGLIO AVERE IL RIMBORSO. NON PENSO CHE QUALSIASI TRIBUTO O IMPOSTA DI UNA QUALSIASI CITTA’ ITALIANA CHE NON RICEVE NULLA IN CAMBIO, IL CITTADINO E’ TRATTATO COME FANTOZZI QUANDO VIAGGIA IN AEREO, MI PARE. IO PAGO CON SOLDI VERI E ONESTI E TU RICAMBI CON LAVORI E SERVIZI ONESTI E RIFINITI MUNICIPIO, ALTRIMENTI RESTITUISCI I SOLDI CHE TI HO DATO PER QUEL SERVIZIO PUBBLICO.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007