Payne, l'americana di Akademia: "Pubblico messinese coinvolgente, amo il vostro 'lifestyle'" VIDEO

Payne, l’americana di Akademia: “Pubblico messinese coinvolgente, amo il vostro ‘lifestyle'” VIDEO

Simone Milioti

Payne, l’americana di Akademia: “Pubblico messinese coinvolgente, amo il vostro ‘lifestyle'” VIDEO

Tag:

giovedì 22 Febbraio 2024 - 11:40

La miglior realizzatrice di Città di Messina in questa stagione, con 349 punti, è passata dal calcio alla pallavolo: "Mi piace il lavoro di squadra"

MESSINA – Kelsie Payne è sbarcata in riva allo Stretto all’inizio di questa stagione. Nata in America la classe 1995 non è nuova però ad esperienze all’estero, dopo aver giocato per l’Università del Kansas ha avuto esperienze nelle massime serie del Brasile, Svizzera, Giappone e lo scorso anno in Turchia. Da lì poi le arriva la chiamata che la porta a Messina.

Il primo contatto, ha svelato, arriva dalla società circa un anno fa. L’ha solleticata il progetto messinese che punta ad approdare in A1 nel futuro ed è soddisfatta del percorso fatto fin qui. Personalmente poi racconta di come si stia trovando bene, le piacciono i posti che ha fin qui visto e soprattutto l’energia del pubblico e come partecipiamo con passione noi italiani agli eventi sportivi.

kelsie payne festeggiata dalla compagne nominata mvp

Payne è l’unica straniera della formazione del presidente Costantino e visto anche il ruolo che ricopre è la più prolifica dello scacchiere di coach Bonafede. Schierata all’opposto in stagione ha messo a segno 349 punti, dimostrando costanza di rendimento: in doppia cifra 15 volte in 22 partite. La miglior prestazione, numeri alla mano, l’ha vista andare a segno 25 volte in tre partite, ma sopra l’astronomica cifra di venti punti l’americana ci è andata in ben sette occasioni. Numeri che le hanno permesso più volte di essere nominata migliore in campo sia in casa al PalaRescifina che nei match disputati in trasferta.

Intervista a Kelsie Payne

Dal Texas alla Sicilia, quando si concretizza il suo arrivo a Messina?
“Il primo contatto è arrivato quasi un anno fa. Il mio procuratore mi ha detto che c’era una squadra in Sicilia, una buona occasione per provare a crescere e arrivare in A1”.

Prima esperienza italiana, come si sta trovando? Cosa le piace?
“Mi piace tutto della Sicilia, molto belli i posti che ho visitato. Amo soprattutto il modo di vivere qui delle persone, il cibo, tutto… ah e ovviamente il mare”.

kelsie in spiaggia con gli occhiali da sole

In Italia abbiamo una bella tradizione pallavolistica, che idea si è fatta dei nostri campionati?
“Penso che qui si vive lo sport con grande passione, le persone sugli spalti sono davvero coinvolte e amo l’energia che si crea durante le partite e questo aspetto mi piace molto”.

In America vi fanno provare tanti sport, prima della pallavolo ha giocato ad altro? Perché poi la pallavolo?
“Ho giocato a calcio quando avevo 12-13 anni, ho scelto poi la pallavolo perché mi piace l’aspetto della squadra, il lavoro insieme, e poi anche che non bisogna correre mi piace molto”.

Payne mentre schiaccia durante una partita

Alta quasi due metri (193 cm sul sito della Lega) quando gioca in difesa dimostra una certa agilità. Dote naturale o ci ha lavorato?
“Decisamente ci ho lavorato molto, in passato ho giocato da centrale per tanto tempo e quindi non ho mai fatto molto in difesa in allenamento. Quando ho cambiato ruolo passando all’opposto ho iniziato ad allenarmi molto anche nella difesa”.

Quando Galletti le alza la palla è molto più alta e vicina alla rete rispetto alle compagne, perché?
“Essendo molto alta e saltando molto più in alto delle altre credo sia normale, poi mi piace avere la palla da schiacciare oltre il muro avversario”.

Payne festeggia con le compagne

Di lei aveva detto che è una persona timida, si vede che quando esulta si lascia andare meno delle compagne, come convive in una squadra e con un coach tanto partecipe alla gara?
“Sono una persona a cui piace sentire l’energia degli altri, così provo a prenderla dalle mie compagne quando sono cariche. Anche se non lo mostro, dentro di me ho la giusta energia”.

Come valuta il campionato che state facendo adesso che siete in pool promozione?
“Penso che abbiamo fatto veramente bene, sono felice cresciamo e stiamo migliorando. Ovviamente avremo tante partite difficili e continueremo a fare del nostro meglio”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007