A confronto
foto Giovanni Isolino
Era già stata approvata dal Consiglio comunale nel 2011 ma non c’era stato alcun seguito. Missione Messina e il consigliere Daniele Zuccarello la ripropongono, con l’obiettivo di una maggiore condivisione
Venerdì, 21. Aprile 2017 - 12:36
Scritto da: Marco Ipsale
Categoria: politica


Doveva essere un portale simbolico, al centro della città, in piazza Cairoli. Secondo il progettista, l’arch. Sebastiano Fulci, era la prospettiva mare monti, perché “guarda” da un lato verso il porto storico, dall’altro verso le colline peloritane. Un’idea difficile da comprendere e poco gradita a molti messinesi. Nessuna utilità pratica ma solo estetica, in una città in cui si fa fatica a mantenere in buone condizioni anche ciò che è basilare. Ed infatti i pilastri sono corrosi dalla ruggine, anche se la struttura è ancora ben salda.

Il giudizio di Missione Messina è ancora più duro: “E’ obiettivamente insignificante, inutile e antiestetica”. Si legge nell’ordine del giorno predisposto dal consigliere Daniele Zuccarello, che ha l’obiettivo di avanzare una proposta progettuale per trasformare la pensilina in una “piazza sopra la piazza” e impegnare il sindaco e la giunta a concretizzare l’ipotesi prescelta.

In realtà il progetto era già stato presentato dall’ing. Nico Galatà e “sposato” da 36 consiglieri comunali nel marzo 2011, primo firmatario Sebastiano Tamà, ma non c’era stato alcun seguito. “La struttura è anti estetica – dice l’ex consigliere Tamà -, si era pensato anche di rimuoverla ma servivano 200mila euro. Invece di spendere soldi a vuoto, meglio spenderli per rigenerare. La spesa prevista era di circa 1 milione e 200mila euro, per una nuova opera che darebbe luce alla piazza, con due ascensori trasparenti, i pannelli fotovoltaici e un tetto calpestabile e panoramico. A suo tempo incontrai Gianfranco Miccichè, che era sottosegretario del Cipe, ma mi disse che non c’era la possibilità di ottenere fondi pubblici. Abbiamo così pensato ad un project financing ma il progetto, ad esempio, poteva anche essere inserito nel Masterplan”.

Zuccarello e Galatà (FOTO GIOVANNI ISOLINO)
Il problema più grande, come sempre, sarebbe quello di trovare i fondi necessari. “Un milione e mezzo, per una multinazionale, è poco rispetto al ritorno mediatico che si potrebbe avere – afferma Zuccarello -. Una struttura del genere sarebbe una pubblicità enorme per qualunque grosso franchising. Può essere un’attrazione per i turisti e per i messinesi, anche perché da lassù si godrebbe un panorama stupendo, da un lato sullo Stretto, dall’altro sulla città. Non deve essere per forza il progetto dell’ing. Galatà, quello è uno spunto. Vogliamo sapere cosa ne pensano i messinesi, è un’occasione per gli architetti e gli ingegneri per farsi avanti”.

Secondo il progetto dell’ing. Galatà, la struttura potrebbe essere recuperata parzialmente, con un rinforzo dei pilastri e la realizzazione di altri portanti accanto. Una struttura a vetri, a 12 metri di altezza, con una sala da adibire a ristorazione, convegni o mostre. “La ‘graticola’ non piace ai messinesi – conclude l’ing. Galatà -, quindi ho pensato di usare il piano superiore per una sala multiuso, doppie scale, ascensori e una copertura al di sopra delle fronde, che consente la vista a lungo raggio. Non è solo un disegno, ma un calcolo tecnico che regaliamo alla città”.

(Marco Ipsale)

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

MA PERCHE' NON PENSATE A RIPORTARE MESSINA COME ERA NEGLI ANNI '40 - 50, ANCORA DOVEVO NASCERE ED ORA E' ALL'ULTIMO POSTO. IDEA E' BUONA SI NOTA CHE OGNI TANTO QUALCUNO ESPRIME IDEE, MA PRIMA DI QUESTO PENSATE A COSE PIU' CONCRETE. QUESTO PROGETTO POTREBBE ESSERE UTILIZZATO QUANDO MESSINA SARA' RISPETTATA PIU' DI CATANIA E PALERMO. ALTRO SUGGERIMENTO CERCATE DI RENDERE IL VIALE PULITO E NON CON TOPI CHE CAMMINANO. NON PENSO CHE MESSINA E' IL TIBET DOVE GLI ANIMALI SONO PIU' IMPORTANTI DELLE PERSONE. DOVE LE PERSONE SI INCHINANO QUANDO CI SONO ANIMALI. FORSE PENSATE CHE MESSINA COL SUO SINDACO TIBETANO E' PARI A RAGGI DI ROMA? L'IDEA E' BUONA ESPRIME LE CAPACITA' DEL SINGOLO, MA ORA NE VALE LA PENA? RIPULITE TUTTO, ANCHE LA VIABILITA' AUGURI

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007