Tentato femminicidio
Ylenia e Alessio
Il ragazzo accusato di aver lanciato benzina e accendino contro la fidanzatina ha parlato difendendosi. La Polizia ha depositato una nuova informativa che contiene anche le immagini di telecamere. Il legale ha chiesto la scarcerazione del giovane e il giudice deciderà entro la mattinata.
Mercoledì, 11. Gennaio 2017 - 11:41
Scritto da: Alessandra Serio
Categoria: cronaca


"Sono innocente, quella notte ero a dormire nel mio letto, voglio bene ad Ylenia e non le avrei mai fatto una cosa del genere". Non sono state queste le parole esatte di Alessio Mantineo, il venticinquenne dietro le sbarre aGazzi, indiziato di aver provato a bruciare viva la ex fidanzatina di 22 anni, ancora in ospedale al Policlinico con ustioni sul 13% del corpo. In estrema sintesi, però, questo è stato il senso del suo racconto agli inquirenti, stamattina a Gazzi per l'interrogatorio di garanzia. Alessio, che inizialmente si è avvalso della facoltà di non rispondere, stamani ha invece deciso di parlare, e si è difeso strenuamente. Non c'era lui, domenica scorsa all'alba, davanti la porta di Ylenia, con benzina ed accendino.

"Alessio è molto provato, ha detto di essere innocente, ha spiegato che non farebbe mai del male alla giovane, che le vuole bene ed è preoccupata per lei. Il ragazzo ha ricostruito esattamente cosa è successo quella notte, per quel che lo riguarda, ha offerto la sua versione dei fatti in maniera dettagliata. Allo stato non ci sono elementi per accusarlo. Ho chiesto la sua scarcerazione, sono sicuro che il GIP valuterà con serenità, attendiamo la sua decisione".

Così il suo difensore, l'avvocato Salvatore Silvestro, lo stesso che domenica sera lo ha accompagnato in Questura, alla fine di una giornata intensa durante la quale gli agenti della Squadra Mobile hanno battuto la città alla ricerca del ragazzo. Da lui arriva la conferma che gli investigatori hanno comunque in mano le loro carte: "Hanno depositato ulteriori elementi", commenta brevemente il legale.

IL Giudice Eugenio Fiorentino deciderà a breve, valutando quindi sia il racconto del ragazzo che l'informativa della Squadra Mobile, e dopo aver sentito anche il pm che coordina le indagini, il sostituto Antonella Fradà, anche lei in carcere stamane. Nell'informativa degli agenti, guidati dal capo della Mobile Francesco Oliveri, ci sono le testimonianze raccolte in queste giorni, i tanti racconti dei vicini, dei familiari, poi il materiale sequestrato in casa di entrambi i giovani, in particolare le immagini delle telecamere di video sorveglianza analizzate, sia quella posta all'ingresso della palazzina dove Ylenia abita, che quelle presenti in altri punti della zona. 

Alessandra Serio

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Quello che non capisco chiunque sia stato ? Non continui ad essere un codardo abbi il coraggio di dire sono stato io. Prima del processo le telecamere che ci sono in giro ti hanno ripreso (dai il tempo di vengono esaminati tutti )e semmai fossi in giro per la città, la pena massima ti sarà data.Ha dichiarato dormivi, se dormivi bene, la tecnologia ci dirà la verità.Qualcuno dovrebbe dire al colpevole, non dire la verità oggi significa il massimo della pena domani.Il codardo imbroglione non si perdona mai!!!!!

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007