Aborti: a Messina 35 medici obiettori su 36 - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Aborti: a Messina 35 medici obiettori su 36

Redazione

Aborti: a Messina 35 medici obiettori su 36

venerdì 21 Febbraio 2020 - 10:12
Aborti: a Messina 35 medici obiettori su 36

L'allarme è del deputato regionale Antonio De Luca (M5S): "Carenza di personale crea disagi. 1 non obiettore in una città di 230 mila abitanti...."

Al Papardo l’unico medico non obiettore è andato in pensione e gennaio mentre al Policlinico, su 23 medici uno solo non è obiettore. Dati che fanno riflettere e che rappresentano lo specchio di una realtà ancora arroccata su posizioni legate al passato. Per le donne messinesi un dato inquietante.

Un non obiettore su 36 medici

A dare l’allarme è il deputato regionale dei 5stelle Antonio De Luca, autore di un accesso agli atti per conoscere il numero dei medici obiettori in città e in provincia. «Dagli atti forniti dalle aziende ospedaliere – spiega De Luca – si evince che al Papardo l’unico dirigente medico non obiettore è andato in pensione nel 2020 mentre al Policlinico, su 23 medici, c’è solo un non obiettore. Considerando che l’Irccs – Piemonte è privo di un reparto di ginecologia e ostetricia, in pratica nelle strutture pubbliche di Messina, una città con circa 230mila abitanti, c’è solo un medico non obiettore su 36».

In provincia meno disagi

Leggermente diversa la situazione in provincia. In base ai dati dell’Asp, a Milazzo c’è un non obiettore su 10, mentre a Sant’Agata sono 3 su 8, a Taormina 3 su 10 e a Patti 2 su 10. De Luca continuerà l’analisi chiedendo accesso agli atti anche nelle altre province siciliane. L’obiettivo è quello di istituire un albo regionale con delle sezioni provinciali per avere contezza delle unità non obiettrici per singola struttura ospedaliera e sopperire quindi alle carenze.

Carenza di personale

«Tutto questo – conclude il deputato – non ritengo sia determinato solo da motivazioni etiche, ideologiche o religiose, ma credo sia una conseguenza diretta anche della carenza di personale. La ristrettezza del numero di medici presenti nelle strutture, diminuiti rispetto al passato, ha determinato un carico di lavoro maggiore su chi non è obiettore, considerando che il numero degli aborti è rimasto costante, con relative conseguenze sulla crescita professionale dei singoli professionisti, costretti gioco forza ad affrontare un numero sempre maggiore di interruzioni di gravidanza. Ciò rallenta di molto, se non addirittura impedisce, la crescita professionale del medico non obiettore, che si ritrova a dover praticare quasi esclusivamente aborti».

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007