I sindacati: "E' l'ennesimo attacco ai treni a lunga percorrenza". E si appellano al prefetto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

I sindacati: “E’ l’ennesimo attacco ai treni a lunga percorrenza”. E si appellano al prefetto

I sindacati: “E’ l’ennesimo attacco ai treni a lunga percorrenza”. E si appellano al prefetto

venerdì 01 Luglio 2016 - 12:45
I sindacati: “E’ l’ennesimo attacco ai treni a lunga percorrenza”. E si appellano al prefetto

Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Orsa Ferrovie, Ugl Trasporti, Fast e Rsu 18 reagiscono alla comunicazione della Capitaneria di Porto di Messina che ribadisce la regola per cui una volta imbarcato il treno sulla nave i passeggeri devono scendere dalle vetture ferroviarie. Le perplessità del Comitato Pendolari Siciliani, dell'associazione Ferrovie Siciliane e del deputato Francesco D'Uva. IN ALLEGATO L'ANNUNCIO AUDIO SULLE NAVI FERROVIARIE

"L’attacco al servizio ferroviario a lunga percorrenza non conosce pause, si tenta di smantellare il diritto alla continuità territoriale con ogni sistema". E' l'affondo di Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Orsa Ferrovie, Ugl Trasporti, Fast e Rsu 18 dopo la comunicazione della Capitaneria di Porto di Messina che ribadisce la regola per cui una volta imbarcato il treno sulla nave i passeggeri devono scendere dalle vetture ferroviarie. "Significa rendere il viaggio ancora più invivibile di quanto lo abbiano reso i tagli al servizio ed i mezzi vetusti riservati al sud – proseguono i sindacati – i primi a pagarne le conseguenze saranno i disabili che dovranno scendere dal treno, non si capisce come, senza adeguate strutture di assistenza in navi dove da qualche anno sono stati chiusi anche i bar. Fisiologiche le reazioni dell’utenza che già questa mattina ha manifestato forte dissenso quando invitata a scendere dal treno e abbandonare i bagagli nelle vetture senza che sia prevista un’adeguata ronda di vigilanza. Il risultato drammatico per il servizio essenziale si sta concretizzando con le innumerevoli disdette delle prenotazioni, soprattutto quelle delle persone con ridotta mobilità, che si sono registrate quando la notizia si è divulgata".

Il fronte sindacale unitario reagirà con decisione all’ennesimo tentativo di sbarazzarsi di un servizio che garantisce un diritto costituzionale, mercoledì 6 luglio incontreranno i lavoratori e tutte le associazioni interessate per affrontare i dettagli della questione e chiedere alla Capitaneria di Porto di organizzare insieme all’armatore Rfi gli opportuni interventi per garantire un servizio ferroviario civile all’incolpevole utenza. "E’ utile evidenziare che la specificità del servizio nello Stretto ha consentito di superare le regole generali con deroghe ad hoc, solo a titolo di esempio va citata la riduzione delle tabelle d’armamento solo per le navi operanti nello stretto di Messina – concludono -, se a ciò si aggiunge che a Rfi attualmente è consentito di mantenere equipaggi ridotti nelle navi fermi con apparati accesi, in spregio alle basilari regole sulla sicurezza, se ne trae che con la volontà di tutti si può trovare la soluzione per superare le direttive della Capitaneria che porterebbero l’impianto alla chiusura definitiva".

I sindacati si sono anche rivolti al prefetto, segnalando le proteste dei passeggeri e "le preoccupazioni dei lavoratori della navigazione costretti a un ulteriore compito che rischia di generare conflitti e incomprensioni con l'utenza, ma ancor più riguardo al futuro di un servizio essenziale a garantire la continuità territoriale tra la Sicilia e il continente. Anche se lo si voglia intendere come conseguenza temporanea di riscontrate irregolarità da parte della Commissione Compartimentale di Sicurezza, destinato pertanto a durare sin quando le navi saranno opportunamente dotate per l'attività cui sono preposte, il provvedimento è destinato comunque a far eco per l'importanza che ovviamente rivestono le problematiche relative alla sicurezza di persone e mezzi, a maggior ragione in un'area particolarmente trafficata come lo Stretto di Messina, e sia anche nella necessità che vengano fugate del tutto le preoccupazioni riguardo la più volte ventilata rottura di carico e venga riconfermato l’impegno delle istituzioni e delle Ferrovie nel mantenimento di un servizio pubblico in termini generali".

I sindacati "chiedono pertanto di valutare la opportunità di promuovere un confronto tra le parti interessate per una soluzione della vicenda e per restituire all’utenza e ai lavoratori, nonché alla comunità dello Stretto elementi di serenità e di certezza".

Perplessità anche da parte del Comitato Pendolari Siciliani, che pone una serie di domande. In merito a queste operazioni di salita e discesa dai treni dei passeggeri come verranno gestite da Rfi? Come verrà realizzato il servizio sugli Icn (Intercity Notte) che attraverseranno lo Stretto nelle ore notturne? Quali servizi Rfi metterà a disposizione di tutti i passeggeri: normodotati, con ridotta mobilità e per i diversamente abili, per limitare al minimo i disagi? Quali controlli relativamente alla vigilanza degli effetti personali lasciati a bordo del treno verranno effettuati? Per quanto tempo dovrà durare questa disposizione? Il Presidente Crocetta, il Prefetto, il Sindaco di Messina e tutti i nostri rappresentanti politici come pensano di intervenire su questa questione che oramai per forza di cose sta diventando sempre più paradossale e grottesca? "Quello che è certo – conclude il rappresentante del comitato, Giosuè Malaponti – è che vigileremo su questa assurda, per certi versi, situazione di mobilità sullo Stretto di Messina che di anno in anno vede sempre più ridurre quella Continuità Territoriale che non ci è stata mai accordata e che vede la Sicilia allontanarsi sempre più dal continente Italia e dalle paventate Reti Ten-T e dai tanto decantati Corridoi Europei".

Una decisione che ha sconcertato anche l'associazione Ferrovie Siciliane: "Se il controllo ha dato esito negativo sulla nave Scilla – chiede il presidente dell'associazione, Giovanni Russo – perché la limitazione è stata estesa a tutt'e quattro le navi? La Messina e la Logudoro hanno classi antincendio superiori alle altre due, trasportano anche merci infiammabili, perché accomunarle? La non conformità riguarda solo una nave e pure su quella basterebbe aumentare le tabelle di armamento, anche solo con due marinai in più, per risolvere il problema. In Germania e Scandinavia i passeggeri restano a bordo dei treni sulle navi, che sono pure promiscue perché traghettano anche i mezzi gommati. Da noi, invece, sembra di essere al di fuori dell'Unione Europea, visto che si prevedono regole diverse".

Preoccupato anche il deputato del MoVimento 5 Stelle, Francesco D’Uva: "Temiamo che la sicurezza dei passeggeri venga utilizzata come scusa per limitare ancor più la continuità territoriale tra la Sicilia e il resto d’Italia. E’ come se l’intenzione ultima fosse, ancora una volta, quella di isolare la Sicilia. Vorremmo che il Governo dica che non è così, che questo non è un modo per abbandonare la nostra isola. E vorremmo che lo facesse con dimostrazioni concrete, ad esempio aumentare il numero delle corse dei treni”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Si vuole eliminare con qualsiasi modo il traghetto

    0
    0
  2. Si vuole eliminare con qualsiasi modo il traghetto

    0
    0
  3. Benedetto XVII 2 Luglio 2016 09:11

    Russo, Russo, perché non ti informi bene prima di parlare? ecco come avviene il traghettamento dei treni tra Germania e Danimarca attraverso il Femern Belt:
    – Train enters the bottom deck of the ferry (there are tracks), along with other vehicles
    – Passengers exit the train and go 2 floors up to the ferry decks for the 45 minute journey
    – When the ferry nears the port, passengers board the train again

    Non ci credi? vai suhttps://www.virtualtourist.com/travel/Europe/Denmark/Storstroems_Amt/Roedbyhavn-16052
    e leggerai:

    Passengers have to leave the train during the crossing, and the train is locked for about forty-five minutes.

    0
    0
  4. Benedetto XVII 2 Luglio 2016 09:11

    Russo, Russo, perché non ti informi bene prima di parlare? ecco come avviene il traghettamento dei treni tra Germania e Danimarca attraverso il Femern Belt:
    – Train enters the bottom deck of the ferry (there are tracks), along with other vehicles
    – Passengers exit the train and go 2 floors up to the ferry decks for the 45 minute journey
    – When the ferry nears the port, passengers board the train again

    Non ci credi? vai suhttps://www.virtualtourist.com/travel/Europe/Denmark/Storstroems_Amt/Roedbyhavn-16052
    e leggerai:

    Passengers have to leave the train during the crossing, and the train is locked for about forty-five minutes.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007