Alluvioni Germania: la correlazione diretta con il cambiamento climatico - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Alluvioni Germania: la correlazione diretta con il cambiamento climatico

Daniele Ingemi

Alluvioni Germania: la correlazione diretta con il cambiamento climatico

lunedì 19 Luglio 2021 - 13:15

Ecco come temperature elevate per lunghi periodi possono favorire eventi precipitativi estremi

Le catastrofiche alluvioni che hanno seminato morti e tanta distruzione fra Germania occidentale, Belgio e Olanda, hanno scioccato l’opinione pubblica dell’intera Europa, e non solo. Le cifre, ancora provvisorie, sono veramente pesantissime. Non è ancora chiaro il numero dei dispersi. L’ultima stima fornita dal ministero dell’Interno di Berlino riferisce di 1.300 persone, di cui è impossibile stabilire la sorte poiché le linee telefoniche sono saltate in molte delle zone interessate. In tutto il Paese 165 mila persone sono rimaste senza energia elettrica e 600 chilometri di linee ferroviarie sono stati danneggiati dalle piogge torrenziali. Di ritorno dalla sua visita ufficiale a Washington, la cancelliera Angela Merkel ha partecipato in videoconferenza a una riunione dell’unità di crisi della Renania-Palatinato, ha assicurato alla popolazione “il sostegno del governo a breve termine e a lungo termine”.

Gli effetti delle inondazioni sulla Germania occidentale

Una visita della Merkel nell’area del disastro è prevista “entro breve”. In merito al disastro si fa sempre più caldo il dibattito scientifico sull’origine, e soprattutto sulle cause di questa incredibile catastrofe. Sappiamo bene che mettere di mezzo il singolo episodio meteorologico estremo al cambiamento climatico è sbagliato, oltre che fuorviante, soprattutto quando ci troviamo nel bel mezzo dell’episodio. Pero l’aumento di frequenza di questi fenomeni, in Europa come in America o in Australia, mette in evidenza una tendenza verso un ulteriore estremizzazione climatica. In riferimento alle alluvioni in Germania e Belgio, siamo tutti d’accordo che non bisognerebbe costruire in aree golenari, facilmente inondabili in caso di eventi precipitativi estremi, come possono capitare durante la tarda primavera e l’inizio dell’estate sull’Europa centrale. In Germania le conseguenze di queste inondazioni sono state enfatizzate anche dall’eccessiva antropizzazione del territorio, che a quanto pare non è un male solo italiano o del meridione.

Fiumi in piena straripati nelle campagne tedesche

Ma è anche vero che le piogge cadute sull’ovest della Germanisa, dopo settimane di precipitazioni, hanno tempi di ritorno ultrasecolari, ovvero qualcosa di non osservato in tempi recenti in quelle aree. A tal riguardo le perimetrazioni delle aree inondabili sono state fatte con la vecchia climatologia, quella che prevedeva tempi di ritorno secolari per piogge di questa portata. I fenomeni di dissesto hanno interessato un’area vastissima, dove ricadono parecchi bacini idrografici di notevole estensione. Per capire se in questo caso c’è lo zampino del cambiamento climatico possiamo prendere come riferimento un indice, sviluppato dal centro di calcolo europeo ECMWF. L‘extreme forecast index di ECMWF per temperatura vento e precipitazione. Tale indice isola gli eventi estremi nella previsione rispetto alla climatologia del modello.

L’intensa anomalia termica positiva sull’Europa orientale

La depressione chiusa in quota, evoluta in “cut/off”, bloccata da alcuni giorni all’altezza della Germania meridionale, circondata su entrambi i lati da due differenti promontori anticiclonici, ha contribuito a convogliare verso i bassopiani della Germania, il Belgio e l’Olanda aria d’estrazione temperata continentale, proveniente dalle Repubbliche Baltiche, che si è poi “marittimizzata”, scorrendo sopra le tiepide acque superficiali del mare del Nord, dove da giorni è presente una anomalia positiva di temperatura, con valori anche di +5°C +6°C superiori alle medie climatologiche del periodo. L’afflusso di queste masse d’aria più calde, e umide, ha contribuito ad enfatizzare le precipitazioni sull’Europa centrale, rendendole più intense, estese e persistenti. Questo perché una massa d’aria più calda può contenere il 7% in più di vapore acqueo per ogni grado in più di temperatura.

Quell’anomalia positiva di temperature più alte della norma ha inciso, e non poco, a estremizzare la portate delle precipitazioni, su un’area geografica piuttosto vasta. In questo caso riusciamo a trovare una correlazione fra il cambiamento climatico e le precipitazioni eccezionali che hanno interessato quell’area del vecchio continente, causando il disastro riportato dalle cronache mondiali. L’onda di calore funziona come se fosse un gran accumulatore di energia e vapore acqueo. Una volta che è finita la fase accumulo l’energia potenziale viene restituita, sotto forma di energia cinetica, attraverso intensi fenomeni temporaleschi, anche estremi, forti piogge e forti raffiche di vento.

Tag:

3 commenti

  1. Martino Sergio 19 Luglio 2021 16:46

    Ottimo articolo, cordoglio per le vittime , sarà la storia futura a dire se siamo veramente in una nuova fase di variazione climatica, causata o no dall’uomo!.
    Se egoisticamente parliamo della nostra terra di contro l’unica cosa drammatica che possiamo notare è l’aumento delle temperature , dei periodi siccitosi, della preponderanza dell’hp africana, la scomparsa dell’hp delle Azzorre.
    Domanda anche questo è da considerare un cambiamento del clima? Alla fine mi scusi il termine cinicamente preoccupa di più la differenza delle regioni come le nostre che ormai rischiano come dico sempre di diventare un seguito del Sahara!!
    Ora cosa ci aspetta l’ennesima ondata di calore?? Come vanno predicando i vari siti??

    1
    0
  2. Vincenzo Ricciardi 19 Luglio 2021 18:13

    La Germania è un paese tenuto benissimo, molto meglio che l’Italia, e ricco di boschi, in cui c’è attenzione per il territorio e si cementa molto meno che da noi. Eppure la pressione umana è tanta e non tutto regge. Ma se fosse successo in Italia, i morti non si conterebbero

    1
    0
  3. Complimenti per l’articolo… abbondantemente di parte e privo di ricostruzione scientifica reale.
    Perché non parliamo della base che ha condotto al disastro che oggi assistiamo? Forse perché è più comodo scrivere ciò che è più attraente secondo il mantra?
    Eppure, si diceva, i giornalisti, quelli odiati dalla mafia, erano quelli d’assalto, alla costante ricerca della verità.
    Allora, come mai non ci parlate dei motivi reali di quanto accaduto? Non erano piogge eccezionali, appena 50 mm più di quanto riversatosi nell’area dello Stretto ed abbondantemente previste dai meteorologi tedeschi.
    Peccato i funzionari tedeschi abbiano preferito far finta di nulla e non abbiano provveduto a scaricare l’acqua in eccesso presente nelle dighe.
    Oppure questo lo si ignora?

    Anwohner: “Mir ist aufgefallen, dass seit mente. 3 Wochen alle Talsperren voll bis oben hin waren und nicht kontrolliert abgelassen wurden. pic.twitter.com/U4pc2HA1sg
    — henning rosenbusch (@rosenbusch_) 18 luglio 2021

    Le dighe erano tutte ai limiti superiori di capienza, lo denunciano i cittadini tedeschi, lo denunciano i giornalisti locali, oppure il Welt è un giornale di Marte?
    Strano, sarebbe stato sufficiente scaricare qualche giorno prima l’eccesso, appena il 10% di carico in meno, rispetto ai 20 cm lasciati a margine.
    Ma le colpe umane sono solo per il “Cambiamento climatico”. Eppure domanderei a chi legge i quotidiani online se sono a conoscenza, ma anche i giornalisti, del valore delle emissioni di CO2 dei server utilizzati per far funzionare questi mezzi di comunicazione. Ma questa è altra storia, soprattutto quando ci parlano di, AGW se fa caldo in estate, e cambiamento climatico, se fa freddo in inverno o d’estate piove (eppur di piogge torrenziali, in Germania, come in Francia e in Italia, nei secoli ne abbiamo viste, a partire dalle catastrofi parigine del 1800, ma non c’erano industrie, centrali elettriche e auto, quindi non c’era ACC, era solo il sole, come Schwabe insegnava…).
    A proposito: ci parlate della catastrofica alluvione del Natale del 1717, sempre in Germania? Giusto se non vi da troppo fastidio… L’alluvione di Natale del 1717 fu il risultato di una tempesta nord-occidentale, che colpì l’area costiera di Paesi Bassi, Germania e Scandinavia la notte di Natale del 1717. Altri tempi…

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x