Casi Covid in rialzo in Sicilia per la 6. settimana di fila. Pochissimi guariti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Casi Covid in rialzo in Sicilia per la 6. settimana di fila. Pochissimi guariti

Marco Ipsale

Casi Covid in rialzo in Sicilia per la 6. settimana di fila. Pochissimi guariti

martedì 06 Aprile 2021 - 12:40
Casi Covid in rialzo in Sicilia per la 6. settimana di fila. Pochissimi guariti

Dopo il "terremoto" sui dati Covid in Sicilia, ecco i cambiamenti. Casi in rialzo anche in provincia di Messina, per la terza settimana consecutiva. "Solo" 2 vittime messinesi su 114 in Sicilia

3.246 nuovi contagi dal 15 al 21 febbraio, 3.568 dal 22 al 28 febbraio, 3.830 dal 1 al 7 marzo, 4.419 dall’8 al 14 marzo, 5.032 dal 15 al 21 marzo, 5.812 dal 22 al 28 marzo, 7.005 dal 29 marzo al 4 aprile. Sono in aumento per la sesta settimana di fila i nuovi casi di coronavirus in Sicilia, dopo cinque settimane consecutive di calo. Ma restano su valori lontani dal picco massimo di 12.674 (dall’11 al 17 gennaio).

Percentuale di positivi in rialzo, da 8.6 a 13 %

In rialzo la percentuale di positivi rispetto ai tamponi molecolari: cinque settimane fa una media del 5.4 %, quattro settimane fa del 6.1 %, tre settimane fa del 7.1 %, poi per due settimane dell’8 %, nella penultima dell’8.6 %, nell’ultima del 13 % ma calcolata su cinque giorni a causa del “terremoto” sui dati Covid in Sicilia. Il picco minimo il 19 febbraio al 4.8 %, il massimo il 10 gennaio al 19.8 %.

A Messina contagi in aumento per la terza settimana di fila dopo un calo di 8 settimane di fila

I contagi sono calati in tutte le province siciliane per cinque settimane consecutive, ma ora sono in aumento da sei settimane. Messina è alla terza settimana di fila di aumento, dopo un calo di 8 settimane di fila.

Il dato della provincia peloritana è passato da 340 casi settimanali a 297 a 289 a 270, poi a 351, 470 e, nell’ultima, 654, una media di 93 al giorno.

Gli altri dati provinciali

Nuovi casi in aumento in 7 province su 9. Nelle ultime sei settimane Palermo passa da 1352 a 1531 a 1572 a 1968 a 2031 a 2204 a 2779 casi, Catania da 662 a 702 a 835 a 895 a 900 a 1019 a 1155, Agrigento da 148 a 203 a 279 a 344 a 417 a 550 a 655, Ragusa da 100 a 147 a 221 a 242 a 222 a 350 a 389, Caltanissetta, da 179 a 198 a 193 a 237 a 379 a 360 a 525, Trapani da 104 a 86 a 118 a 122 a 205 a 195 a 279,

Uniche due province in calo sono Siracusa da 279 a 304 a 266 a 308 a 355 a 450 a 369, ed Enna da 72 a 100 a 57 a 33 a 172 a 214 a 200.

Palermo conta da sola il 40 % dei casi settimanali.

Si resta comunque sempre lontani dai dati della settimana dall’11 al 17 gennaio: Palermo era a 3278, Catania 3423, Messina 2185, Siracusa 1190, Trapani 1076, Caltanissetta 633, Enna 240. Solo Ragusa (263) e Agrigento (386) avevano contagi più bassi.

Da inizio pandemia si sono registrati 178.656 casi, di cui 54.353 a Palermo, 46.550 a Catania, 21.875 a Messina, 12.355 a Siracusa, 11.550 a Trapani, 9.815 a Ragusa, 8.674 a Caltanissetta, 8.386 ad Agrigento, 5.098 a Enna. Catania e Palermo contano il 56.5 % dei casi totali (e hanno il 47 % della popolazione regionale), percentuale che sale al 68.7 % se si aggiunge Messina (le tre province hanno il 60 % della popolazione regionale).

Pochissimi guariti. 22.852 attuali positivi, l’11 marzo erano 13.522 ma il 24 gennaio 47.654

Il numero di attuali positivi è in aumento per la terza settimana di fila dopo sei settimane consecutive di calo. Dal 4 al 10 gennaio erano stati 5.915 in più, dall’11 al 17 gennaio 4.919 in più, dal 18 al 24 gennaio 1.229 in più, dal 25 al 31 gennaio 5.365 in meno, dal 1 al 7 febbraio 3.280 in meno, dall’8 al 14 febbraio 4.143 in meno, dal 15 al 21 febbraio 5.686 in meno, dal 22 al 28 febbraio 3.198 in meno, dal 1 al 7 marzo ben 9.262 in meno, dall’8 al 14 marzo 2.397 in meno, dal 15 al 21 marzo 1.869 in più, dal 22 al 28 marzo 808 in più, dal 29 marzo al 4 aprile 5.852 in più (in aumento come a gennaio). Gli attuali positivi sono 22.852. L’11 marzo il picco minimo a 13.522. Il 24 gennaio erano 47.564, più del doppio di oggi.

Il numero dei guariti è aumentato per tre settimane, poi calato per tre settimane, poi era risalito al livello massimo, poi si è dimezzato per due volte in due settimane, la scorsa settimana era lievemente risalito ma nell’ultima è “crollato”.

Si è passati da 11.464 a 8.527 a 8.167 a 6.627 a 12.995 a 6.707 a 3.077 a 4.851. Nell’ultima settimana soltanto 1.039.

Ricoveri in aumento per la quarta settimana di fila dopo sei settimane di calo

Nelle ultime dodici settimane il dato dei ricoveri segna +110, +128, +157, +9, -106, -127, -168, -184, -121, -68, +34, +60, +93 e, nell’ultima, +130. Ora sono 974.

Aumento anche in rianimazione. Nove settimane fa il dato era andato in pareggio, nella settimana dal 18 al 24 gennaio aveva segnato un +19, in quella dal 25 al 31 gennaio -23, dal 1 al 7 febbraio -26, dall’8 al 14 febbraio -13, dal 15 al 21 febbraio -22, dal 22 al 28 febbraio -10, dal 1 al 7 marzo -10, dall’8 al 14 marzo -23, dal 15 al 21 marzo segna + 25, dal 22 al 28 marzo + 4, dal 29 marzo al 4 aprile + 29. Gli attuali ricoverati in rianimazione sono 153, per un totale di 1.127.

Ricoveri a Messina: da 57 a 75. Il 22 febbraio erano 100

Nei tre ospedali cittadini (Policlinico, Papardo e Piemonte) e in quello di Barcellona ci sono 75 ricoverati (+ 18) di cui 17 in rianimazione (+6).

Il 22 febbraio c’erano 100 ricoverati, il 21 marzo 42, il 28 marzo 57, oggi 72.

Il 27 gennaio c’erano 38 ricoverati in rianimazione, il 7 febbraio 26, il 14 febbraio 25, il 21 febbraio 16, il 28 febbraio 17, il 14 marzo 12, il 21 marzo 9, il 28 marzo 11, oggi 17.

Vittime di nuovo in calo in Sicilia, a Messina “solo” 2

Da 143 vittime nella settimana dal 21 al 27 dicembre, si era passati a 196, 234 e 261, il calo fino a 237 nella settimana dal 18 al 24 gennaio, la risalita a 252 in quella dal 25 al 31 gennaio, 204 dal 1 al 7 febbraio, 166 dall’8 al 14 febbraio, 151 dal 15 al 21 febbraio, 139 dal 22 al 28 febbraio, 97 dal 1 al 7 marzo, 109 dall’8 al 14 marzo, 86 dal 15 al 21 marzo, 153 dal 22 al 28 marzo, 114 dal 29 marzo al 4 aprile. La media giornaliera delle ultime settimane: 20, 28, 33, 37, 33, 36, 29, 24, 22, 20, 14, 16, 12, 22, 16.

A Messina “solo” 2 vittime su 114, la settimana scorsa erano state 3 su 153. In quelle precedenti 5 su 86, 7 su 109, 9 su 97, 10 su 139, 14 su 151, 18 su 166, 28 su 204, 37 su 252, 32 su 237, 36 su 261, 21 su 234, 15 su 196, 12 su 143.

Il totale regionale delle vittime, da inizio pandemia, è di 4.697, di cui 418 in provincia di Messina, 59 durante la prima ondata e 352 durante la seconda.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Fernando Arnò 6 Aprile 2021 15:55

    Ma come, il Presidentissimo ci voleva zona bianca…?!

    0
    0
  2. Non è corretto parlare di pochissimi guariti, bensì sarebbe giusto sottolineare quanto erano gonfiati i numeri prima dello scandalo che ha portato a galla la gestione della pandemia in Sicilia. Scandalo che non è bastato al maggiore responsabile, Nello Musumeci, a lasciare la poltrona di governatore. L’unica consolazione è che sarà solo questione di tempo, perché solo gli ingenui e coloro che sono in malafede posso bersi la storiella di Musumeci all’oscuro dei trucchetti messi in atto dall’assessorato alla salute.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x